27.1 C
Pesaro
giovedì, Agosto 18, 2022

New York: Giorgio De Chirico punta al record

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

A distanza di 11 anni Giorgio De Chirico potrebbe realizzare un nuovo record in  occasione dell’asta di Impressionist and Modern Art in programma mercoledì 28 ottobre da Sotheby’s New York, quando sarà battuta la tela Il Pomeriggio di Arianna, realizzata nel 1913 e presentata in catalogo con una stima di 10-15.000.000 di dollari.

Dipinta in un anno chiave per il riconosciumento internazionale di De Chirico, l’opera appartiene ad un ciclo di otto opere dedicato al tema di Arianna che l’artista sviluppa tra il 1912-1913 e che segna un suo netto allontanamento dalla scuola dominante del cubismo a cui aderivano i suoi contemporanei e una rivoluzione nella storia dell’arte che avrebbe alterato radicalmente l’identità modernista.

«È stata Torino – ricorda in merito lo stesso De Chirico – ad ispirarmi tutta la serie di quadri che ho dipinto dal 1912 al 1915. Confesso, in verità, che essi devono molto a Federico Nietzsche, di cui ero allora un appassionato lettore. Il suo Ecce Homo scritto a Torino poco prima di precipitare nella follia, mi ha molto aiutato a capire la bellezza così particolare di questa città».

Il ciclo di Arianna, creando un mondo di enigma e incertezza, al limite tra sogno e realtà, apre alla stagione metafisica di de Chirico che avrà un’enorme influenza sullo sviluppo delle teorie e dell’estetica surrealiste. Il Pomeriggio di Arianna fu riprodotto, peraltro, nel numero del 1926 de La Révolution Surréaliste insieme al testo di Paul Éluard.

«Credo che si stia creando una vera mitologia moderna –  dichiarerà André Breton – È compito di Giorgio de Chirico stabilire in modo permanente la sua memoria» . 

Giorgio de Chirico, Il Pomeriggio di Arianna (Ariadne’s Afternoon), 1913.
Courtesy Sotheby’s.

Come ricordano Matias Julian Nativo e Alessia Prati in un loro articolo dedicato al ciclo di Arianna uscito sulla rivista Engramma lo scorso anno, L’après-midi d’Ariane, è una delle uniche due opere «della serie a citare espressamente nel titolo Arianna».

Il Pomeriggio di Arianna, peraltro, si distingue dalle altre del gruppo per il suo sorprendente formato verticale su larga scala, oltre ad essere l’unica a raffigurare l’emblematica nave del mito di Arianna, Teseo, in partenza dall’isola di Naxos.

Delle otto tele che compondono il ciclo di Arianna, cinque sono conservate in collezioni museali, dal Metropolitan Museum of Art di New York al Philadelphia Museum of Art, mentre tre, compreso il lavoro in asta da Sotheby’s, appartengono a collezioni private. 

L’attuale record d’asta di De Chirico è stato stabilito nel 2009 da Il ritornante (1919 circa), proveniente dalla collezione di Yves Saint Laurent e Pierre Berge e venduto da Christie’s per 14,1 milioni di dollari.

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Presente e futuro della cultura: dialogo con Alessandro Bollo

Il mondo della cultura sta attraverso un momento di grande cambiamento. Per analizzare questa fase e provare a comprendere l’evoluzione futura del mondo culturale, abbiamo intervistato Alessandro Bollo, già direttore della Fondazione Polo del ‘900 e da pochi giorni project manager della Fabbrica del Vapore di Milano.

Cura della collezione in vacanza

Con l’arrivo dell’estate si chiude la casa in città e si aprono le case-vacanza in cui ci si trasferisce per trascorrervi l’intera stagione. Questa è anche l’occasione migliore per godersi e prendersi cura delle opere d’arte che compongono la “succursale” della vostra collezione. Quali sono i consigli da seguire per non annoiarvi in vacanza e per assicurarvi che questo periodo di riposo faccia bene non solo a voi ma anche alle vostre opere?

Collezionisti e valore dell’arte in Italia

Chi è, che profilo ha il collezionista italiano d'arte? Tentiamo di rispondere a questa domanda sfogliando il rapporto 2022 di Gallerie d'Italia che disegna, finalmente, uno scenario abbastanza puntuale e preciso del mondo del collezionismo italiano.

Articoli correlati

3 COMMENTS

    • Non possiamo che concordare e aggiungerei che meriterebbe maggior attenzione. Se non dovesse averlo ancora letto le consiglio l’ultimo libro che Benzi gli ha dedicato. Bellissimo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here