4 C
Pesaro
venerdì, Gennaio 28, 2022

Letture Catalogo: uno sguardo alle aste Borromeo e Ambrosiana

del

Ed eccoci al mercoledì e al nostro consueto appuntamento con le “Letture Catalogo” dedicate alle prossime aste italiane. Oggi ci concentremo sui cataloghi di Arte moderna e contemporanea messi insieme da Studio d’arte Borromeo e Ambrosiana Casa d’Aste.

 

Tozzi, Grosz e Tadini gli artisti di punta per lo Studio d’Arte Borromeo

 

L’appuntamento con lo Studio d’Arte Borromeo è fissato per il 27 ottobre prossimo. In catalogo ben 721 lotti, suddivisi in due sessioni: la prima sarà battuta a partire dalle ore 9.30 e la seconda dalle 14.30. Come spesso succede in questi cataloghi sovrabbondanti, le opere degne di nota non sono tantissime. E anche l’asta Borromeo di questo mese non esce da questo schema. Tra i 400 lotti della prima tornata, praticamente nessuno attira l’attenzione. Salvo forse un piccolo disegno di Enrico Baj a pennarello su carta dal titolo Insetti (1955), proposto al lotto 206 con una stima di 1000-1.200 euro, o l’acquaforte del 1962 di Hsiao Chin al lotto 356 (stima: 300-400 euro).

LOTTO 206 - ENRICO BAJ, Insetti, 1955. Pennarello su carta cm 25x36
LOTTO 206 – ENRICO BAJ, Insetti, 1955. Pennarello su carta cm 25×36

Di tutt’altro tenore la seconda sessione che già al lotto 426 presenta un bella tempera su tavola di Mario Tozzi: L’amico fedele (Il cane e la sciancata – La paralitica). Di piccolo formato (46x38cm), questo lavoro del 1938 è stato esposto in occasione delle terza Quadriennale d’Arte Nazionale di Roma del 1939 ed è oggi presentata in catalogo con una valutazione di 12-13.000 euro.

LOTTO 426 - MARIO TOZZI (1895-1975) L'amico fedele (Il cane e la sciancata - La paralitica), 1938. Tempera su tavola cm 46x38.
LOTTO 426 – MARIO TOZZI (1895-1975), L’amico fedele (Il cane e la sciancata – La paralitica), 1938. Tempera su tavola
cm 46×38.

Al lotto 428, invece, abbiamo una china su carta del 1922 a firma di George Grosz, valutata 6-7.000 euro. Da non trascurare i due lavori di Arturo Bonfanti ai lotti 487 e 488: Ac. Murale L. (145) del 1972 e E.Q. 234 del 1965. Proposti, rispettivametne con una stima di 6-6.500 e 7-7.500 euro. Come interessante è il Senza titolo del 1969 a firma di Luigi Magnani, artista piuttosto raro sul mercato e del cui lavoro, l’opera presente nel catalogo Borromeo è un bell’esempio di come questo artista fosse animato dalla volontà di inventare uno spazio dinamico a partire da forme statiche, di creare il movimento attraverso forme spezzate aggregate e curve continue. L’opera, un collage di legni su cartone spesso, è valutata 1000-1200 euro.

LOTTO 482 - GEORGE GROSZ, Tradimento, 1922. Matita e china su carta cm 59x43
LOTTO 428 – GEORGE GROSZ, Tradimento, 1922. Matita e china su carta, cm 59×43

Non male le due carte di Antonio Calderara ai lotti 543 e 544. Artista di cui viene proposto anche un piccolissimo, ma prezioso olio su cartone telato del 1928: Il campo (lotto 545, stima: 8500-9000 euro). Mentre al lotto 575, incontriamo Il desiderio del Pittore, acrilico su tela del 1975 a firma di Emilio Tadini, transitato dallo storico Studio Marconi di Milano e oggi proposto sul mercato con una stima di: 10-12.000 euro.

LOTTO 575 - EMILIO TADINI, Il desiderio del Pittore, 1975. Acrilici su tela, cm 114x146
LOTTO 575 – EMILIO TADINI, Il desiderio del Pittore, 1975. Acrilici su tela, cm 114×146

Scorrendo ancora il catalogo, si incontrano, poi, N.1 (Diario) opera del 1968 di Arturo Vermi (lotto 645, stima: 2-2.500 euro); una Xerografia di Bruno Munari (lotto 649, stima: 1300-1500 euro); L’Italia laboriosa, cancellatura di Emilio Isgrò del 1997 valutata, al lotto 651, da 4500 a 5000 euro. Mentre ai lotti 653, 654 e 655 troviamo un trittico di lavori di Gianfranco Baruchello tutti di piccole dimensioni. Maria Lai, che da Borromeo ha realizzato poco tempo fa uno dei suoi record, è presente ai lotti 680-684 con una serie di piccoli Libri d’arte e un lavoro su carta.

 

Ambrosiana: un catalogo da “leccarsi i baffi”

 

Più contenuta nei numeri, ma decisamente più elevata qualitativamente, l’asta di arte moderna e contemporanea messa a punto da Ambrosiana Casa d’Aste  per i prossimi 6 e 7 novembre:312 lotti che fin da subito suscitano un grande interesse. Già al n. 9 troviamo, ad esempio, una tela di Mario Sironi, Cavalieri, del 1955, stimata 12-14.000 euro. Al lotto 32 abbiamo invece Colorito III, acrilico di Piero Dorazio del 1978 (stima 18-24.000 euro). Artista che torna anche al lotto 35 con Invena I (1981) valutato 14-18.000 euro. Abbiamo poi Giulio Paolini, un Calendario (1982) di Boetti (lotto 43, stima: 10-12.000 euro). Ma il primo capolavoro della prima sessione è certamente la Natura Morta (1942) di Filippo de Pisis che trociamo al lotto 50 con una stima di 50-62.000 euro.

LOTTO 50 - FILIPPO DE PISIS, Natura Morta, 1942. Olio su tela, cm.40x55.5.
LOTTO 50 – FILIPPO DE PISIS, Natura Morta, 1942. Olio su tela, cm.40×55.5.

E poi Georges Mathieu, Sam Francis e un bellissimo olio su tela del 1964 di Giuseppe Santomaso, proveniente dalla Collezione Pullin di Milano ed offerto in asta con una stima di 80-100.000 euro. Seguono Fausto Pirandello, Carlo Carrà; carte preziose di Lugio Fontana e Pino Pascali, oltre ad un sensualissimo cartoncino di Giosetta Fioroni: La Straniera del 1966 (lotto 71, stima: 15-20.000 euro).

LOTTO 55 - GIUSEPPE SANTOMASO, Senza Titolo, 1964. Olio su tela, cm.80x100.
LOTTO 55 – GIUSEPPE SANTOMASO, Senza Titolo, 1964. Olio su tela, cm.80×100.

L’asta è talmente densa che non si può che procedere a volo d’uccello, per darvi un’idea della preziosità di questo catalogo, dove si incontrano maestri futuristi come Giulio d’Anna o Fortunato Depero, al fianco di artisti tutti da riscoprire come Sandro De Alexandris di cui viene proposto un lavoro del 1972: Giallo diagonale-proiezione di luce (lotto 105, stima 3-4.000 euro).

LOTTO 105 - SANDRO DE ALEXANDRIS, Giallo diagonale - proiezione di luce, 1972. Cartoncino sagomato applicato su tavola cm.21x21.
LOTTO 105 – SANDRO DE ALEXANDRIS, Giallo diagonale – proiezione di luce, 1972. Cartoncino sagomato applicato su tavola cm.21×21.

Non meno preziosa la seconda sessione, dove spiccano carte di Carla Accadi, Emilio Scanavino, Jannis Kounellis e un delicatissimo lavoro del 1998, sempre su carta, di Piero Pizzi Cannella (Lotto 165, stima: 4-6.000 euro). Poi, ancora un lavoro di Piero Dorazio: Dintorni (1990) presentato al lotto 168 con una stima di 20-30.000 euro. E, a seguire, lavori storici di Toni Costa, Hans Jorg Glattfelder e Carla Accardi; una carta del 1927 a firma di Henry Moore, valutata 15-20.000 euro al lotto 195: Standing Nude.

LOTTO 203 - GIUSEPPE CAPOGROSSI, Superficie 721, 1968. Olio su tela, cm.50x70.
LOTTO 203 – GIUSEPPE CAPOGROSSI, Superficie 721, 1968. Olio su tela, cm.50×70.

Al lotto 202, abbiamo una Spirale del 1951 di Roberto Crippa, valutata 12-16.000 euro e seguita da un olio di Giuseppe Capogrossi: Superficie 721 (lotto 203, stima: 50-60.000 euro). Impossibile citare tutto quello che meriterebbe la vostra attenzione, come la piccola sanguigna di Felice Carena al lotto 311. Il catalogo Ambrosiana/Poleschi è decisamente da studiare con grande attenzione.

Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Nuovi stanziamenti per la cultura nel Decreto Sostegni Ter

Per fronteggiare la quarta ondata dell’emergenza Covid, il Governo è intervenuto nuovamente al fine di sostenere le attività economiche più duramente colpite.

Arte Contemporanea e Fotografia: calendario aste italiane (1° semestre 2022)

Online il calendario (in progress) delle aste di arte moderna e contemporanea che si terranno in Italia nel primo semestre 2022.

A cosa serve una mostra (pt.2). Raccomandazioni conservative per prestare in sicurezza la tua collezione

Il prestito delle opere d’arte per mostre di un certo spessore dona lustro alla propria collezione. Ma come fare a prestare in totale sicurezza e con la garanzia che ciò che parte tornerà nelle stesse condizioni? Alcuni passaggi a cui fare attenzione e alcuni strumenti di cui avvalersi per prestare in serenità.

Articoli correlati

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here