5.2 C
Pesaro
giovedì, Gennaio 20, 2022

Italia: nel 2015 il mercato dell’arte è cresciuto del +16.8%

del

Dopo tre anni di costante crescita il mercato globale dell’arte (aste + gallerie + vendite private) rallenta e nel 2015 si attesta, complessivamente, sui 63.8 miliardi di dollari con una flessione del -7% sul 2014. In calo anche il numero delle transazioni (-2%). Sono questi i dati principali che emergono dal TEFAF Art Market Report 2016, curato da Clare McAndrew di Arts Economics che tiene presenti tutti i settori di questo mercato, compresi l’antiquariato e le arti decorative, e che sarà presentato ufficialmente domani, durante la giornata di apertura di Tefaf 2016Maastricht. Un rallentamento, quello del mercato dell’arte, che la curatrice del rapporto definisce come inevitabile dopo che nel 2014 è stato raggiunto il livello più alto (68.2 mld $). «E’ diventato difficile mantenere una crescita costante – scrive infatti McAndrew – in particolare per un mercato dalla disponibilità limitata come quello dell’arte». In questo scenario l’Italia continua invece a crescere (+16.8%) e, a differenza di quanto accaduto nel 2014, guadagna anche quote di mercato passando dallo 0.8% in valore del 2014, all’1% del 2015. Mantenendo così il 7° posto tra le principali piazze mondiali dell’arte.

 

La ripresa del mercato italiano

 

Se Stati Uniti, UK e Cina continuano a dominare il mercato dell’arte, nelle retrovie l’Italia avanza e nel 2015 fa registrare una delle migliori performance a livello globale. Se gli USA, infatti, crescono del +4% confermando la propria leadership, e Regno Unito e Cina calano rispettivamente del -9% e del -23%, il nostro Paese porta a casa un ottimo +16.4% confermando il trend positivo iniziato nel 2013 e consolidatosi già nel 2014, quando il mercato italiano era cresciuto del +10%. Un dato ancor più significativo se si pensa che l’Europa, nel suo insieme, fa registrare un calo del -8%.

Tefaf 2016 - La suddivisione del mercato globale dell'arte in valore. Fonte: Arts Economics
La suddivisione del mercato globale dell’arte in valore. Fonte: Arts Economics

Tradotto in valore, il giro d’affari del nostro mercato nel 2015 ha raggiunto, complessivamente, i 637 milioni di dollari contro i 545.8 dell’anno precedente. Dato che emerge dalla somma delle vendite private, in galleria e in asta. E se nel 2014 all’incremento in valore non era corrisposto un aumento di quote di mercato, nel 2015 l’Italia registra una buona performance anche su questo fronte. Oggi il nostro Paese rappresenta l’1% del mercato globale, guadagnando un +0.2% sul 2014.

 

Italia: Arte Moderna & Old Masters trainano le aste d’arte

 

Se il 2015 ha fatto registrare un calo del -8.4% per le aste italiane viste nel loro complesso (fine art, antiquariato e arti decorative), con un fatturato passato dai 327 milioni di dollari del 2014 ai 299.6 del 2015, lo scenario cambia completamente se si guarda alle sole aste d’arte. Il fatturato delle aste pubbliche di Old Masters, Arte Moderna e Contemporanea, infatti, ha raggiunto nel 2015 i 124.4 milioni di dollari. Cifra che supera del +6% il risultato del 2014 quando si era fermato a 117 milioni.

Tefaf 2016 - La suddivisione del mercato globale delle aste d'arte in valore. Fonte: Arts Economics su base dati Artnet, AMMA e varie case d'asta.
La suddivisione del mercato globale delle aste d’arte in valore. Fonte: Arts Economics su base dati Artnet, AMMA e varie case d’asta.

A dire il vero, il totale che emerge analizzando il TEFAF Art Market Report 2016 ci sembra minore rispetto alla realtà. Un dubbio che ci conferma anche il recente rapporto di ArtPrice.com dal quale viene fuori che le aste italiane avrebbero generato nel 2015, complessivamente, un fatturato di 169 milioni di dollari con un +7% rispetto al 2014. Ovviamente è sempre un azzardo confrontare analisi realizzate su fonti differenti tra di loro, ma considerato che i dati raccolti direttamente dalla nostra redazione presso le 15 case d’asta più importanti d’Italia parlano di 130 milioni di dollari di fatturato solo per le vendite di arte moderna e contemporanea, credo che il dato ArtPrice.com sia quello più vicino alla realtà. Al di là di questa nota, va però anche detto che a livello percentuale i trend indicati dai due rapporti sono praticamente identici.

Tefaf 2016 - Il peso dei vari "settori" sul mercato globale delle aste d'arte dal 2000 al 2016. Fonte: Arts Economics su dati Artnet
Il peso dei vari “settori” sul mercato globale delle aste d’arte dal 2000 al 2016. Fonte: Arts Economics su dati Artnet

A determinare questa crescita delle aste d’arte italiane, è stato in primo luogo l’andamento delle vendite di Arte Moderna (artisti nati tra il 1875 e il 1910) che nel 2015, in Italia, hanno totalizzato 45 milioni di dollari, contro i 32.2 milioni del 2014 registrando una crescita +40% quando, invece, a livello globale il valore di questo che, nel Mondo, è il secondo settore più importante del mercato, si è contratto del -1%. Grazie a questa ottima performance, peraltro, l’Italia rappresenta oggi l’1% del segmento Arte Moderna, mentre nel 2014 pesava solo per lo 0.7%. Bene anche il segmento dei cosiddetti Old Masters, ossia relativo agli artisti nati tra il 1240 e il 1820. Questo settore nel 2015 ha generato in asta un fatturato di 11.2 milioni di dollari, ossia il +93,1% in più rispetto al 2014. In difficoltà, invece, quello che a livello globale è il settore principale del mercato, ossia quello relativo alla Post-War and Contemporary Art (artisti nati dopo il 1910) che nelle aste italiane, in linea con i trend internazionali, è calato del -14.1% passando dai 78 milioni di dollari del 2014 ai 67 milioni dello scorso anno. Un dato che, incrociato con la nostra indagine sulle aste di arte moderna e contemporanea, condotta solo tra le principali case d’asta operanti in Italia, fa capire come il nostro mercato – su cui operano ben 167 case d’asta – sia retto da una decina di realtà che, invece, hanno fatto registrare, trainate dalle incredibili performance di Sotheby’s e Christie’s, quasi un +30% di incremento medio dei fatturati. (Leggi -> Aste 2015: l’Italia cresce, ma il mercato mondiale frena)

 

Il dato “opaco” delle vendite private e in gallerie

 

Se il dato sulle aste può essere considerato abbastanza preciso, vista la trasparenza dei risultati delle aste pubbliche, il panorama si fa decisamente più confuso e “opaco” per quanto riguarda il resto del mercato. Ossia le transazioni private condotte da trader “ufficiali” e le vendite effettuate da gallerie e mercanti. Attualmente questa tipologia di compravendite rappresenta circa il 53% del mercato che, per l’Italia, significherebbe circa 336 milioni di dollari ossia un +18.6% rispetto al 2014. Difficile, però, dire come si distribuiscano, a livello percentuale, tra i vari canali di vendita e i settori merceologici. Anche se, almeno per il nostro Paese, la sensazione è che la trattativa privata sia di gran moda. Detto questo, considerato che la maggioranza delle vendite nelle gallerie italiane è al di sotto dei 500.000 dollari, in questo settore dovrebbe esserci stato un incremento medio di circa il 6% del fatturato. Ma si tratta di un dato da prendere assolutamente con le “molle” viste anche le peculiarità del nostro Paese dove 10 gallerie rappresentano, da sole, oltre il 55% del mercato. Tanto che, come ha riportato Marilena Pirrelli su Plus24 – Il Sole24Ore del 27 febbraio scorso, negli ultimi 5 anni l’Italia ha perso per strada il 21.4% delle gallerie. Segno che le cose non vanno poi tanto bene. (Leggi -> Il mercato italiano dell’arte visto dalle gallerie)

Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Italia: anno record per le aste di arte moderna e contemporanea

Con un fatturato totale di 132.817.350 euro il 2021 è stato l'anno migliore di sempre per le aste italiane di arte moderna e contemporanea. La Top 10 della aggiudicazioni.

Da Afro a Christo: ecco i “gioielli” dell’asta Meeting Art di gennaio

Prima “lettura catalogo” del 2022 dedicata, come ormai vuole la tradizione, a Meeting Art che inaugura la sua stagione di aste con un catalogo di 400 lotti suddivisi in 4 sessioni che saranno battute, rispettivamente, il 22, 23, 29 e 30 gennaio.

A cosa serve una mostra (pt.1). Esporre la propria collezione e farla vivere

La storia del collezionismo e quella delle mostre corrono su binari paralleli, come raccontano gli studi fondamentali di Francis Haskell. Quali sono, oggi, per il collezionista i vantaggi di esporre al pubblico o concedere in mostra pezzi della propria collezione?

Articoli correlati

  1. Artista, professione difficile con mercato difficile, chi vince piglia tutto, Italia 1% ? risibile, fuori dalla massa critica per eccellere, la Patria é il Mondo un Mondo profondamente ingiusto verso il merito….SA

    • Sorrisino giustissimo. Il report di Tefaf prende in esame tutto il mercato, includendo anche settori come l’antiquariato che non riguardano solo beni catalogabili come arte. Oltre a questo, ovviamente, tutti questi report danno un dato globale e non scendono, per ovvi motivi, nel dettaglio di ciascun Paese. Per quanto riguarda l’Italia, ad esempio, pur dando per buono il +6% stimato per le gallerie, è difficile dire che le cose vanno bene quando questo trend è generato da 10 Gallerie su oltre 500 attive nel paese. Senza citare, ancora, il dato delle realtà che hanno chiuso in questi anni. Per questo ho cercato di integrare queste informazioni con altre come, appunto, la percentuale delle chiusure o i miei dubbi sul dato relativo alle aste. Il report è fatto bene, ma soffre dell’opacità di un mercato dell’arte che assomiglia molto ad un fenomeno carsico. Anche se traccia un trend, lo fa solo in superficie e per andare in profondità occorrerebbe un report dedicato all’Italia. Il fatto che questo non esista da anni mi sembra una lacuna molto grave. Senza uno scenario chiaro è difficile supportare le tanto invocate riforme. Apparentemente, infatti, sembra quasi che vada tutto bene e, invece, già incrociando due dati in più ci si accorge che le cose non stanno proprio così.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here