16.6 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

Arte&Finanza: il Mei Moses ® Art Index cala, i rendimenti no

del

Divulgati i dati sulla performance finanziaria dell’arte nei primi sei mesi dell’anno. Da gennaio a giugno il Mei Moses ® World All Art Index è calato dello 0.02% mentre l’S&P 500 e il FTSE All Share sono cresciuti, rispettivamente, del 9% e dell’1%. Una situazione confermata anche dai dati di luglio quando l’indice Mei Moses® ha segnato addirittura un -2.5%. Nonostante questo il CAR medio dell’arte è in linea con gli ultimi 5 anni.

Tempi duri anche per gli investimenti in arte. Dopo un 2011 estremamente positivo il Mei Moses® Art Index  sta registrando, nei primi sei mesi di questo anno, una performance decisamente bassa: da gennaio a giugno l’indice elaborato dagli economisti newyorkesi Jianping Mei e Michael Moses ha segnato un -0,02% mentre l’indice S&P 500, usato nel mercato azionario statunitense come termine di paragone per misurare l’andamento dei titoli, e il FTST All Shares,  utilizzato invece nel mercato inglese, sono cresciuti rispettivamente del 9% e dell’1%. Una situazione che si è fatta ancor più negativa nel mese di luglio, durante il quale il Mei Moses® è calato di ben 2.5 punti percentuali mentre l’S&P 500 e il FTSE sono cresciuti dell’11% e del 3%.

 

L'andamento del Mei Moses® Art Index rispetto agli altri indici finanziari dalla fine del 2010
L’andamento del Mei Moses® Art Index rispetto agli altri indici finanziari dalla fine del 2010

Anche il mercato dell’arte, quindi, inizia a risentire della crisi economica globale dopo un 2011 in cui  l’arte aveva avuto una performance decisamente superiore a quella delle azioni finanziarie, dell’oro e dei beni immobili. Se lo scorso anno l’indice S&P 500 e il FTST All Shares erano rimasti sostanzialmente stabili, il Mei Moses® World All Art Index era infatti cresciuto del +10.2%. Dato che sembrava confermare, anche se in tono minore, l’ottimo andamento del 2010 (+22.0%).

Nella loro analisi dei mercati e delle varie categorie che compongono l’All Art Index, Jianping Mei e Michael Moses mettono in evidenza, comunque, come la crescita maggiore quest’anno sia stata fatta registrare dalla Pittura Americana e Inglese (+12.8%) che nell’ultimo decennio aveva avuto performance decisamente basse. Allo stesso tempo, per la prima volta dal 2007, l’indice relativo all’Arte Tradizionale Cinese è crollato del -3.9%. Per la terza volta dal 2002, infine, il World Impressionist and Modern Index (+3.5%) è andato meglio del World Post War and Contemporary Art Index (+2.7%).

Il Professor Michale Moses
Il Professor Michale Moses

Nel confronto tra il mercato azionario e quello dell’arte sembra, quindi, che stavolta il primo abbia avuto la meglio ma Mei e Moses invitano alla prudenza sottolineando che le cose, in realtà, non stanno proprio così se si guarda il ritorno economico delle due categorie d’investimento. «Conoscendo i prezzi di vendita e di acquisto degli oltre 1700 oggetti aggiunti al nostro database nella prima metà del 2012 – commentano i due economisti – possiamo calcolare un rendimento composto annuo (CAR) medio per l’arte del 7.3% mentre il CAR medio per somme equivalenti investite, nello stesso arco di tempo, nel S&P500 è stato del 6.2%».  Il ritorno di un investimento in arte rimane quindi nettamente superiore rispetto a quello fatto sul mercato azionario. Il CAR medio dell’arte nei primi sei mesi del 2012, infatti, è stato addirittura superiore al rendimento medio registrato nell’ultimo decennio (4.6%) e solo leggermente inferiore a quello dell’ultimo quinquennio (7.7%). Negli stessi lassi di tempo, l’indice S&P 500 ha avuto un rendimento, rispettivamente, dello 0% e del 2.9%.

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany il primo blog italiano dedicato al mercato e al collezionismo d’arte contemporanea. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura. Nel 2019 e 2020 ha collaborato al Report “Il mercato dell’arte e dei beni da collezione” di Deloitte Private. Autore di vari saggi su arte e critica in Italia tra Ottocento e Novecento, ha recentemente pubblicato la guida “Comprare arte” dedicata a chi vuole iniziare a collezionare.

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Il Ponte presenta l’asta di arte moderna e contemporanea

Il prossimo 28 maggio, la casa d'aste Il Ponte invita collezionisti, appassionati e curiosi ad un viaggio indimenticabile attraverso i capolavori dell'arte moderna e contemporanea. L'asta...

La due diligence nel mondo dell’arte: l’acquisto diligente di opere

L'acquisto di un'opera d'arte non è semplicemente un investimento monetario, ma un'esperienza culturale ed emotiva. Per garantire tuttavia che tale investimento sia sicuro e soddisfacente,...

Maratona dell’arte a New York: cambiano i ritmi delle vendite

La maratona delle due settimane dell'arte a New York, tra fiere e aste, è ufficialmente iniziata il 1° Maggio con l'apertura di Frieze New York presso lo Shed....

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!