18.7 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

Aste: Santomaso e Boetti guidano il catalogo Cambi di dicembre

del

Calendario ricco di appuntamenti per il mercato italiano delle aste e, dopo Farsetti e Il Ponte, oggi ci dedichiamo al bel catalogo di arte moderna e contemporanea messo insieme dalla casa d’aste Cambi che lo batterà venerdì 18 dicembre nella sua sede di Milano: 252 i lotti suddivisi in due sessioni, la prima alle ore 10 del mattino e la seconda alle ore 15.

La prima sessione si apre con una una interessante selezione di carte a firma di alcuni dei nostri maggiori artisti del primo Novecento. E proprio la carta credo sia da considerasi la protagonista di questa prima parte d’asta. Tra i lavori in catalogo, ad esempio, spicca un bel nucleo di studi di Lucio Fontana (lotti 37-46) che ben completerebbero una collezione che già include opere del padre dello Spazialismo.

LOTTO 46 – Lucio Fontana, Studi per parete spaziale, 1958. penna a sfera blu su carta, cm 32×25

Sempre rimanendo in ambito italiano, è di un certo interesse anche la parentesi dedicata al Gruppo San Lorenzo, con opere di Marco Tirelli, Piero Pizzi Cannella e Bruno Ceccobelli.

Molto più stimolante la seconda sessione che si apre subito con un bel gruppo di collage di carte colorate di Fortunato Depero e poi fogli di Mario Sironi, Enrico Prampolini, Alberto Martini e Duilio Cambellotti per arrivare ad un cartone del 1915 di Cagnaccio di San Pietro: Velocità di Luce – Forza di un Paesaggio, che appartiene alla brevissima partentesi futurista dell’artista che di lì a poco si sarebbe accostato al Realismo Magico.

LOTTO 160 – Ubaldo Oppi, La jeune fille sentimentale, 1920-1922. Olio su masonite, cm 64×50

Proprio alla corrente tenuta a battesimo, nel nostro Paese, da Massimo Bontempelli, appartengono due pregevoli lavori di Ubaldo Oppi dei primi anni Venti: La Jeune Fille Sentimentale del 1920-1922 (lotto 160 – Stima: 50-70.000 euro) e L’Ingegnere del 1926 (lotto 162: stima: 30-40.000 euro), entrambi. Subito dopo, abbiamo un piccolo gioiello di Alberto Savinio, Centaurino (1950) valutato 40-60.000 euro.

LOTTO 163 – Alberto Savinio, Centaurino, 1950. Tempera su tela, cm 17,5×20

Mentre al lotto 174 troviamo, invece, un interessante lavoro di Salvatore Scarpitta datato 1949: Composizione (Io e mio padre), un olio su tela valutato 25-35.000 euro e che ci porta agli inizi della carriera dell’artista italo-americano.

Quello, per intendersi, dei primi anni romani di matrice espressionista prima e astratto-figurativa poi, che lo porteranno a sfociare nell’Informale e ad arrivare, così, alle tele estroflesse e alle sue famose “bende”.

 

LOTTO 174 – Salvatore Scarpitta, Composizione (Io e mio padre), 1949. Olio su tela, cm 81×75

Al lotto 175 abbiamo, poi, una composizione di Atanasio Soldati del 1950 (stima: 30-35.000 euro) che ci porta, rapidamente, al primo top lot del catalogo Cambi, il bellissimo Verso Matera di Giuseppe Santomaso del 1960 (lotto 181, stima: 100-150.000 euro).

LOTTO 181 – Giuseppe Santomaso, Verso Matera, 1960. Olio su tela, cm 162×130

Passato un bel lavoro di Enrico Baj del 1963 – Folla in Rivolta – arriviamo così ad una notevole sezione dedicata alle carte – matite ed acquerelli – di Giorgio Morandi dove spiccano due belle nature morte, rispettivamente del 1963 (lotto 199, stima: 40-50.000 euro) e del 1957 (lotto 2000, stima: 50-60.000 euro).

LOTTO 200 – Giorgio Morandi, Natura morta, s.d. 1957. Acquarello su cartoncino, cm 16×23,2

Sempre per quanto riguarda le opere su carta, il catalogo della casa d’aste genovese include anche due bei lavori di Oscar Kokoschka, Frutta (1948), e di Vasilij Kandinskij, Composition (1934), proposti ai lotti 201 e 202 con una valutazione di 25-35.000 euro e 45-55.000 euro.

Seguono un collage-frottage di Max Ernst del 1968 e un bel lavoro del 1966 di Emilio Isgro – presente anche con altre opere: Paolo e Francesca (Lotto 209, stima: 25-35.000 euro).

LOTTO 209 – Emilio Isgro, Paolo e Francesca, 1966. Carta fotografica montata su legno, cm 127×182

Continuando nella lettura del catalogo Cambi, veramente ricco di spunti e suggestioni, passano sotto i nostri occhi, lavori di Aldo Mondino, Piero Gilardi, Agostino Bonalumi, Arnaldo Pomodoro.  Fino ad arrivare a Non parto. Non Resto (lotto 226), biro di Alighero Boetti del 1979 valutato 100-150.000 euro.

LOTTO 226 – Alighiero Boetti, Non parto non resto, 1979 ca. Penna biro su carta, 2 elementi, cm 100×70 cad.

Sembre di Boetti abbiamo, infine, un bel lavoro su carta del 1978, Da cento a cento, preceduto da un pregevole lavoro del 1989, di Antonio Dias artista brasiliano, figura di spicco dei movimenti concretista e Tropicália. Insomma, anche Cambi per questo inverno ha messo insieme un catalogo di notevole interesse che fa ben sperare.

 

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany il primo blog italiano dedicato al mercato e al collezionismo d’arte contemporanea. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura. Nel 2019 e 2020 ha collaborato al Report “Il mercato dell’arte e dei beni da collezione” di Deloitte Private. Autore di vari saggi su arte e critica in Italia tra Ottocento e Novecento, ha recentemente pubblicato la guida “Comprare arte” dedicata a chi vuole iniziare a collezionare.

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Le aste di Hong Kong di maggio 2024: un’analisi dei risultati

Le recenti aste tenutesi a Hong Kong nel maggio 2024 hanno offerto uno spaccato significativo del mercato dell'arte asiatico, evidenziando sia successi che delusioni.  Le principali case d'asta,...

Asta Pandolfini: un viaggio tra grandi maestri e tendenze artistiche

La casa d'aste Pandolfini torna ad animare il panorama artistico milanese con un'asta dedicata all'arte moderna e contemporanea, in programma per il 19 giugno...

Il restauro delle opere d’arte, nella prospettiva del diritto

Prima parte Nell'ambito del diritto dell'arte, il tema del restauro delle opere riveste un'importanza cruciale, ponendo al centro della riflessione una serie di questioni di natura...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!