28.5 C
Pesaro
mercoledì, Luglio 6, 2022

Catalogo “museale” per l’asta Farsetti del 1° dicembre

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Dopo Sotheby’s tocca a Farsetti Arte a scaldare il nostro mercato proponendo, per la sua asta del 1° dicembre dedicata all’Arte Moderna, un catalogo selezionatissimo di appena 87 lotti che alza in modo significativo l’asticella della qualità in un mese di dicembre che già si preannuncia caldo. Senza che trascuriate il ben più impegnativo, per quantità, catalogo della sessione di Arte Contemporanea che sarà battuto tra il 30 novembre e la mattina del 1° dicembre, per un totale oltre 560 lotti è più – dove segnaliamo la presenza di una Superficie di Enrico Castellani del 1973 (lotto 535; stima: 250.000/350.000 Euro) e di un Senza titolo della metà degli anni Novanta a firma di Gino De Dominicis (lotto 543, stima: 130.000/200.000 Euro); è la seconda sessione dell’asta Farsetti che necessita di tutta la vostra attenzione e passione per l’arte.  Il dipartimento guidato da Frediano e Franco Farsetti è riuscito, infatti, a mettere insieme un catalogo rigorosissimo dal punto di vista della scelta di opere di elevato livello qualitativo, in grado di accontentare anche il collezionista più esigente.

LOTTO 617 - RENATO CUTTUSO, La grande lavadaia, 1947.Olio su tela, cm. 102x61,5. STIMA € 25.000 / 35.000
LOTTO 617 – RENATO GUTTUSO, La grande lavandaia, 1947.Olio su tela, cm. 102×61,5. STIMA € 25.000 / 35.000

Basta scorrere già i primissimi lotti per capire la qualità del lavoro fatto dal dipartimento di arte moderna e contemporanea della casa d’asta pratese. La vendita si apre in fatti subito con preziose carte di Sironi e Viani per poi passare a oli di Rosai, Soffici, De Pisis – ultimamente molto presente nelle nostre aste -, Cassinari e Renato Guttuso (molto bella la sua Grande Lavandaia del 1947, proposta al lotto 617 con una stima di 25-35.000 euro).

LOTTO 621 - Mario Sironi, Composizione Futurista, 1915 ca.Tempera, olio e matita grassa su carta applicata su tela, cm. 28x23,7. STIMA € 40.000 / 60.000
LOTTO 621 – Mario Sironi, Composizione Futurista, 1915 ca.Tempera, olio e matita grassa su carta applicata su tela, cm. 28×23,7. STIMA € 40.000 / 60.000

I lotti più preziosi, nella prima parte di questa asta, sono però quelli dal sapore futurista, tra i quali troviamo una rara Composizione Futurista del 1915 di Mario Sironi (lotto 621, stima: 40-60.000 euro) che precede il primo gioiello dell’asta Farsetti di dicembre: Fantasia per il Cabaret del Diavolo (1921), olio su tela di Fortunato Depero valutato 180-250.000 euro. E poi Carrà, Balla.

LOTTO 630 - Marino Marini, Giocoliere, 1939. Scultura in terracotta, cm. 154 h. STIMA € 130.000 / 200.000
LOTTO 630 – Marino Marini, Giocoliere, 1939. Scultura in terracotta, cm. 154 h. STIMA € 130.000 / 200.000

Dal Futurismo alla scultura con una terracotta stupenda di Marino Marini del 1939: Giocoliere (lotto 630, stima: 130-200.000 euro). In una stagione dove ancora – fatta eccezione per Sotheby’s – di pezzi importanti non se ne sono visti molti, il catalogo Farsetti è una vera gioia per gli occhi. Al lotto 634 abbiamo un carboncino su carta di Amedeo Modigliani datato 1910-11: Nu Accroupi (Nudo seduto con le mani al suolo (valutato 250-350.000 euro).

LOTTO 634 - Amedeo Modigliani, Nu Accroupi (Nudo seduto con le mani al suolo, 1910-11. Carboncino su carta, cm. 42,5x26,2. STIMA € 250.000 / 350.000
LOTTO 634 – Amedeo Modigliani, Nu Accroupi (Nudo seduto con le mani al suolo, 1910-11. Carboncino su carta, cm. 42,5×26,2. STIMA € 250.000 / 350.000

Passato Modì è la volta di piccolo ma preziosissimo olio di Pierre-Auguste Renoir, un Paesaggio datato 1880 e inserito al lotto 635 con una stima di 70-110.000 euro. I top lot si susseguono con un ritmo da capogiro: una china di Wassily Kandinsky e un pastello di Paul KleeDrinnen und Draussen del 1938 (lotto 637, stima: 280-380.000 euro).

LOTTO 639 - Fernand Léger, Nature Morte Polychrome, 1949. Olio su tela, cm. 33x45,8.STIMA € 280.000 / 380.000
LOTTO 639 – Fernand Léger, Nature Morte Polychrome, 1949. Olio su tela, cm. 33×45,8.STIMA € 280.000 / 380.000

Un acquerello di Yves Klein apre, invece, poi la stada ad un olio di Fernand Léger del 1949: Nature Morte Polycrome (lotto 639, stima: 280-380.000 euro) e poi un Senza titolo di Sebastian Matta e un Paesaggio Metafisico del 1923 di Filippo de Pisis (lotto 641, stima: 70-100.000 euro).

LOTTO 651 - Giorgio De Chirico, Cavallo e Zebra in riva al mare, 1930 ca. Olio su tela, cm. 73,5x91,7. STIMA € 350.000 / 450.000
LOTTO 651 – Giorgio De Chirico, Cavallo e Zebra in riva al mare, 1930 ca. Olio su tela, cm. 73,5×91,7. STIMA € 350.000 / 450.000

Campigli, Casorati e poi due oli di Giorgio De Chirico di eccezionale fattura, tra i quali spicca, al lotto 651, Cavallo e Zebra in Riva al Mare del 1930 (stima: 350-450.000 euro). Oppure, al lotto 668, Oreste e Pilade della metà degli anni Cinquanta (stima: 300-400.000 euro).

LOTTO 661 - Lucio Fontana, Concetto Spaziale, 1954. Olio, tecnica mista e vetri su tela, cm. 50x40. STIMA € 400.000 / 550.000
LOTTO 661 – Lucio Fontana, Concetto Spaziale, 1954. Olio, tecnica mista e vetri su tela, cm. 50×40. STIMA € 400.000 / 550.000

Per non parlare della Natura Morta con Tavolozza di Gino Severini del 1943 che troviamo al lotto 562 con una valutazione di 110-160.000 euro. O dello splendido Concetto Spaziale del 1954 con cui chiudiamo la lettura catalogo di questa splendida asta.

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Dal ventre di Parigi. La tavolozza impressionista

Nel ventre di Parigi si sono succedute rivoluzione e controrivoluzione di tante cose, anche della pittura. La produzione di materiale per le Belle Arti ha per la prima volta un carattere semi industriale e sul mercato arrivano una gran quantità di nuovi pigmenti sintetizzati artificialmente.

20 artisti per 20 borghi: torna Una Boccata d’Arte

Al via in tutta Italia dal 25 giugno al 18 settembre 2022 la terza edizione di Una Boccata d’Arte, progetto che promuove installazioni, mostre e performance di 20 artisti in 20 borghi, uno per ogni regione, valorizzando l’incontro tra arte e patrimonio storico, artistico e paesaggistico.

La grande arte italiana del XX secolo in asta da Wannenes

Ultima "lettura catalogo" del primo semestre, tutta dedicata all'asta di arte moderna e contemporanea che Wannenes batterà il 5 luglio prossimo nella sua sede milanese d Palazzo Recalcati.

Articoli correlati

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here