9.2 C
Pesaro
domenica, Novembre 27, 2022

Giorgio Fasol: uno sguardo che tende al futuro

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Giorgo Fasol è un’istituzione, non solo perché ha fatto della sua collezione un’associazione per la promozione dell’arte contemporanea, ma proprio per il suo concetto di contemporaneo in senso stretto, strettissimo.

Non vi nascondo che, quando dall’altra parte del telefono ho sentito dire “Sono Giorgio Fasol, chiamo per l’intervista”, mi sono alzata in piedi di scatto, a metà fra un salto di gioia e un sull’attenti–signorsìssignore!

Ecco quello che mi ha raccontato per voi lettori.

Identikit: Giorgio Fasol, 1938, Verona – AGI Verona Collection dal 1988
Identikit: Giorgio Fasol, 1938, Verona – AGI Verona Collection dal 1988

Alice Traforti: Caro Giorgio, come hai detto tu “è passato qualche giorno” da quando hai iniziato a sostenere i giovani artisti. Prima di approfondire, vorresti raccontarci come è iniziata la tua collezione?

Giorgio Fasol: «Io e Anna collezioniamo Arte Contemporanea dal 1965, ma io sono collezionista da sempre. Ho collezionato figurine, francobolli… L’arte contemporanea l’ho imparata a conoscere col tempo, poi non l’ho più mollata».

Isabelle Cornarò: Paysage avec Poussin VI, 2014 mixed media - credit Andy Keate - Courtesy AGIVERONA Collection
Isabelle Cornarò: Paysage avec Poussin VI, 2014 mixed media – credit Andy Keate – Courtesy AGIVERONA Collection

A.T.: Che cosa ti ha spinto in quel 1988 a fondare un’associazione? Avresti potuto tenere tutto per te, e invece…

G.F.: «Per me l’arte è un linguaggio universale, va insegnato e diffuso; l’opera d’arte va vissuta e attraversata. La condivisione di questa esperienza deve essere una ricchezza accessibile a tutti».

Corinna Gosmaro: Baggages, 2016, oil and spray paint on polyester filters, variable dimensions - Courtesy AGIVERONA Collection
Corinna Gosmaro: Baggages, 2016, oil and spray paint on polyester filters, variable dimensions – Courtesy AGIVERONA Collection

AT: Tua moglie Anna partecipa della tua passione, tanto che la sigla AGI Verona Collection contiene le vostre iniziali: Anna e Giorgio. Come si connota questa condivisione?

G.F.: «Io di solito vengo colpito da folgorazioni e innamoramenti fulminei, vedo un’opera e se la sento in sintonia con la collezione sono pronto a fare carte false per acquisirla. Anna è più cauta e attenta. Lei ama sopratutto i disegni, io amo sperimentare “forme” sempre nuove, sono più spregiudicato in questo.  Abbiamo un equilibrio e una sintonia di fondo però che garantisce una certa coerenza alla collezione e questo è fondamentale».

Gabriele De Santis: PARTY IS OVER, 2015. Neon, Transformer, 127 × 11.67 cm (50 × 4 5/8 inches) Edition of 3 - Courtesy AGIVERONA Collection
Gabriele De Santis: PARTY IS OVER, 2015. Neon, Transformer, 127 × 11.67 cm (50 × 4 5/8 inches) Edition of 3 – Courtesy AGIVERONA Collection

A.T.: Hai pronunciato una frase che mi ha colpito molto. Più o meno questa: “Io acquisto in genere alla seconda o terza mostra, senza farmi condizionare troppo da quello che dicono sull’artista perché prima voglio parlare direttamente con l’opera”. In base a cosa orienti le tue scelte di acquisto?

G.F.: «Come dico sempre, io sono soggetto ai colpi di fulmine. Mi lascio prendere da veri e propri innamoramenti: se non scatta la scintilla, non compro l’opera.  Credo però che non si tratti di un meccanismo irrazionale, anzi, è un meccanismo che oggi si innesca spontaneamente, ma grazie all’esperienza accumulata negli anni dopo tanto viaggiare all’interno del mondo dell’arte.  Per me l’arte è una scoperta, una sfida, una ricerca continua, per questo amo i giovani e i giovanissimi. Il mio è uno sguardo che tende al futuro».

Christian Manuel Zanon: “BEMPENSANTE: LOC-AUT” (REGGENZA AUTENTICALE) 2016. Progetto Site-specific, Progetto PALCO – Courtesy AGIVERONA Collection

A.T.: Sei sempre in viaggio nei poli di diffusione dell’arte – fiere, musei, esposizioni… – alla ricerca di nuove scintille per la collezione.  Com’è cambiato il panorama negli ultimi anni, a livello internazionale e nazionale?

G.F.: «Si parla troppo di investimenti sull’arte e troppo poco di cultura».

Otto Berchem: “Dive For Dreams”, 2017, acrylic on broom (stick), 134 x 32 cm – Courtesy AGIVERONA Collection

A.T.: Un consiglio per le nuove generazioni di artisti e di collezionisti…

G.F.: «Lasciate perdere se non avete il coraggio di vivere fino in fondo la vostra passione e l’umiltà per il confronto».

A.T.: Vorrei chiudere con una domanda a cui non sempre ricevo risposta.  Quale ruolo riveste l’arte contemporanea nella società attuale?

G.F.: «Riveste il ruolo di Cenerentola in attesa del Principe Azzurro!».

[separator type=”thin”]

Con poche parole concise, Giorgio Fasol ha detto molte cose.

L’arte è futuro.

Il futuro è dettato dalla cultura.

Il più grande investimento che possiamo fare sul futuro si attua attraverso la cultura.

Condividi
Tags

recenti

Diario newyorkese 2.6: lo Storm King Art Center

Una passeggiata tra le sculture dello Storm King Art Center, un museo all’aperto fondato nel 1960 nella Hudson Valley che si estende su un territorio di 500 acri.

Balla, Burri e i tesori dell’arte italiana in asta dal Ponte

Tra le opere in catalogo anche tre carte provenienti dalla prestigiosa collezione Jucker di Milano. De Chirico, Morandi, Mirò, Modigliani, Accardi, Manzoni, Scheggi e Boetti tra i top lot.

Perché il mercato dell’arte non parla di conservazione?

Ma perchè, scorrendo i programmi delle principali fiere d'arte del mondo, non riusciamo a trovare sezioni dedicate al tema della conservazione?

Articoli correlati