10.7 C
Pesaro
domenica, Novembre 27, 2022

Fotografia: Peter Beard e Axel Hutte guidano il catalogo del Ponte

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

La difesa della natura e la celebrazione della sua immensità hanno ruolo centrale tra i 161 scatti in asta dal Ponte il prossimo 22 luglio a Palazzo Crivelli di Milano. 

Peter Beard è protagonista della vendita con un pezzo unico, “Orey-eyed Lion, Gorongosa Portuguese East Africa 1955 1955/2003”, composto da una stampa fotografica a colori con scritte ad inchiostro, incorniciata da più di cento immagini tra fotografie e ritagli tratti da riviste (stima € 40.000-70.000).

Tra queste si ritrovano, accanto a scene di caccia e leoni in libertà, immagini della statuaria modella Iman, da lui scoperta, e di Karen Blixen a cui Beard era legato da una profonda amicizia. Animalista convinto, icona del jet set newyorkese ma a suo agio anche tra i ranch nella savana africana, Beard era costantemente impegnato a denunciare gli atroci stermini messi in atto dai cacciatori grazie ad una incessante documentazione fatta di diari, reperti ossei e scatti fotografici.

Lotto 619 – PETER BEARD, Orey-eyed Lion, Gorongosa Portuguese East Africa, 1955, 1955/2003.Cm 85 x 80
Provenienza/Provenance Present owner from Peter Beard studio. Stima 40.000-70.000

Axel Hutte, allievo di Bernd Becher alla scuola di Dusseldorf, è in catalogo con “Folgefonnbreen dalla serie ‘NORTH/SOUTH’ 2000” un imponente ghiacciaio incontaminato nel quale il confine tra cielo e terra si annulla e lo sguardo si perde in una infinitezza primordiale (stima € 7.000-10.000). Di Xavier Veilhan, rappresentante della Francia alla Biennale di Venezia del 2017, “Moteur 1996” opera polimaterica composta da una stampa fotografica a colori e struttura in poliestere sagomato (stima € 4.000-5.000).

La ricerca sul corpo umano e l’interazione con lo spazio che lo circonda contraddistinguono tutta la produzione di Francesca Woodman, in asta con “It must be time for lunch now, New York 1979” (stima € 4.000-5.000).

Il corpo torna negli studi anatomici di Joel Peter Witkin come “Woman once a bird 1990” (stima € 900-1.200) che richiama il celebre “Le violon d’Ingres” di Man Ray; in uno scatto di Ernest James Bellocq stampato da Lee Freelander, “Storyville portrait, New Orleans 1911-1913” immagine tratta da lastre fotografiche rinvenute in una casa di tolleranza della Louisiana (stima € 900-1.300 ); in “Nuba 1963” di Leni Riefenstahl (stima € 900-1.300). Non mancano, inoltre, opere di artisti francesi quali Herni Cartier-Bresson, Robert Doisneu e William Klein.

Lotto 630 – LUIGI GHIRRI, Da “Kodachrome” 1970/78, 1973. Stampa fotografica a colori procedimento cromogeno. Opera accompagnata da autentica. cm 23,5 x 17. Stima € 4.000-6.000

 

Il fascino dell’imperfezione si ritrova in Miroslav Tichy, il fotografo di strada iugoslavo apprezzato per i poetici scatti rubati a soggetti femminili, come “Ragazze 1970 ca.” (stima € 450-550) e “La corsa 1970 ca.” (stima € 450-550). L’elegante voyeurismo che contraddistingue le sua produzione, la delicatezza delle immagini e l’errore del dettaglio, sono tratti unici grazie all’impiego di macchine fotografiche ready-made da lui stesso costruite assemblando scatole, fondi di bottiglia, corde e pezzi di varia origine e composizione.

Il futurista Ernesto Thayaht, uno tra i primi performer della storia, è in catalogo con “La vittoria nell’aria” 1930 ca. (stima € 2.500-3.000), un collage composto da tre stampe fotografiche assemblate in successione con l’intento di restituire tridimensionalità alla scultura ritratta, sulla scia delle riflessioni fatte da Medardo Rosso e Constantin Brancusi sul rapporto tra bidimensionalità e terza dimensione.

Tra i nomi italiani immancabili: Mario Giacomelli con “Io non ho mani che mi accarezzino il volto, dalla serie “Pretini” (stima € 2.800-3.300), Luigi Ghirri con “Kodachrome” 1970/78 1973 (stima € 4.000-6.000), Mimmo Jodice Franco Fontana.

Lotto 592 – ALBERT WATSON, Claudia Schiffer Shadow, 1990. Stampa fotografica vintage alla gelatina sali d’argento. Timbro collezione “Nando Miglio” al verso. cm 50 x 40 (cm 50,5 x 40,5). Bibliografia/Literature Opera pubblicata in catalogo Byblos 1990 (variante). Stima € 600-1.200

Dagli anni ’80 e ’90 una selezione di opere appartenenti alla collezione del celebre direttore artistico e regista di sfilate Nando Miglio. La finezza tipica dei ritratti di Albert Watson cattura tra le ombre il volto di una giovanissima Claudia Shiffer e con un sofisticato gioco di rimandi immortala il suo fascino in uno specchietto retrovisore (stima € 600-1.200). Di Irving Penn sono proposte due fotografie di grande formato di Jerry Hall del 1979 (stima € 1.000-1.500), i provini a contatto dei suoi lavori (stima € 1.000-1.500) e una cartolina dedicata a Miglio. In asta anche scatti spiritosi e colorati di Lord Snowdon, marito della principessa Margaret sorella della Regina Elisabetta, conosciuto al grande pubblico grazie alla serie televisiva The Crown (Netflix) (stima € 150-250 cad).

A completare la sezione i lavori di Cheryl Koralik, opere uniche ambientate in un tempo sospeso impreziosite da viraggi e ritocchi ad acquerello (stima € 300-600 cad.) e un ipnotico ritratto di Jelly Haley di Oliviero Toscani (stima € 500-700).

La sezione dedicata all’Ottocento è infine rappresentata da uno dei padri della reportagistica di guerra Roger Fenton, con un ritratto del maresciallo francese Patrice de Mac-Mahon durante la guerra di Crimea (stima € 1.600-2.200), e diverse fotografie d’epoca che catturano lo sfarzo dei Marajà indiani.

Collezione da Tiffany
Collezione da Tiffany
Nato il 5 giugno del 2012 da un’idea del giornalista e storico della critica d’arte Nicola Maggi, Collezione da Tiffany è il primo Blog italiano interamente dedicato al collezionismo d’arte contemporanea.
Condividi
Tags

recenti

Diario newyorkese 2.6: lo Storm King Art Center

Una passeggiata tra le sculture dello Storm King Art Center, un museo all’aperto fondato nel 1960 nella Hudson Valley che si estende su un territorio di 500 acri.

Balla, Burri e i tesori dell’arte italiana in asta dal Ponte

Tra le opere in catalogo anche tre carte provenienti dalla prestigiosa collezione Jucker di Milano. De Chirico, Morandi, Mirò, Modigliani, Accardi, Manzoni, Scheggi e Boetti tra i top lot.

Perché il mercato dell’arte non parla di conservazione?

Ma perchè, scorrendo i programmi delle principali fiere d'arte del mondo, non riusciamo a trovare sezioni dedicate al tema della conservazione?

Articoli correlati