5.1 C
Pesaro
mercoledì, Gennaio 26, 2022

Londra: capolavoro di Dalì venduto per 8 milioni di sterline

del

Il capolavoro surrealista di Salvador Dalí, Couple aux têtes pleines de nuages del 1937 è stato venduto ieri da Bonhams a Londra per  8.171.062 £ in occasione della Impressionist & Modern Art Sale.

L’opera, mai messa all’asta prima, proveniva dalla collezione del compositore modernista italiano Giacinto Scelsi e a ha guidato un’asta che si è conclusa con un totale di  11.145.300 £ e tassi di venduto del 70% in lotti e del 93% in valore.

Dalí creò Couple aux têtes pleines de nuages ​​ durante la guerra civile spagnola, al culmine del suo periodo surrealista (1929-1939). L’opera raffigura Dalí e sua moglie Gala formati solo dai contorni delle cornici.

Nonostante siano un dittico, i pannelli presentano un paesaggio desertico che sembra fondersi in un unico dipinto più grande dove è possibile ritrovare alcuni dei suoi motivi surrealisti classici: rocce sparse, un albero sfigurato, figure umane indistinte, una ragazza che salta, una giraffa in fiamme e nuvole che tagliano le teste dei pannelli.

L’artista spagnolo si unì al movimento surrealista a Parigi nel 1929, lo stesso anno in cui incontrò Gala, che a quel tempo era sposata con l’amico di Dalí, il poeta surrealista e fondatore del movimento Paul Éluard. La relazione tra i due, durata 50 anni, è stata particolarmente controversa.

Gala aveva dieci anni più di lui e molti la vedevano come la causa della maggior commercializzazione del lavoro di Dalí dopo il suo rifiuto del Surrealismo nel 1939.

Tale era l’adorazione di Dalí per la sua partner e musa ispiratrice che firmò molte delle sue opere più significative, tra cui Couple aux têtes pleines de nuages, “Gala Salvador Dalí”.

L’opera faceva parte della collezione del compositore italiano Giacinto Scelsi (1905-1988), dove è rimasta per più di mezzo secolo. Prima di entrare a far parte della collezione di Scelsi, è possibile che Dalí abbia donato l’opera a Paul Éluard.

Giacinto Scelsi, a sua volta, era un socio del circolo surrealista dal suo periodo di studio a Parigi negli anni ’20. Successivamente aveva trascorso del tempo con Salvador e Gala Dalí a Roma, durante i viaggi della coppia in Italia con Edward James alla fine degli anni ’30.

L’opera era stata presentata nella mostra Dalí / Duchamp alla Royal Academy nel 2018. Un doppio ritratto correlato con lo stesso titolo, eseguito nel 1936, è ora esposto in modo permanente al Museo Boijmans van Beuningen di Rotterdam.

Oltre a questo capolavoro, le altre aggiudicazioni di punta dell’asta londinese di ieri sono state:

  • Femme allongée, Youki by Léonard Tsuguharu Foujita (1886-1968). Sold for £795,062.
  • Le retour des régates by Raoul Dufy (1877-1953). Sold for £287,562.
  • La danseuse en blanc by Léonard Tsuguharu Foujita (1886-1968). Sold for £200,062.
  • Jeune femme à la mandoline by Jean Souverbie (1891-1981). Sold for £143,812.
  • Paysage de banlieue, Malakoff by Léonard Tsuguharu Foujita (1886-1968). Sold for £131,312.
  • Femme endormie (Youki) by Léonard Tsuguharu Foujita (1886-1968). Sold for £118,812.

La settimana prossima a Londra andranno in scena, invece, le principali aste di arte moderna e contemporanea in  programma in Europa in questo secondo semetre.

Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Arte Contemporanea e Fotografia: calendario aste italiane (1° semestre 2022)

Online il calendario (in progress) delle aste di arte moderna e contemporanea che si terranno in Italia nel primo semestre 2022.

A cosa serve una mostra (pt.2). Raccomandazioni conservative per prestare in sicurezza la tua collezione

Il prestito delle opere d’arte per mostre di un certo spessore dona lustro alla propria collezione. Ma come fare a prestare in totale sicurezza e con la garanzia che ciò che parte tornerà nelle stesse condizioni? Alcuni passaggi a cui fare attenzione e alcuni strumenti di cui avvalersi per prestare in serenità.

“Il collezionismo è anche istinto”: intervista a Lorenzo Perini Natali

La sua raccolta è in continua espansione e sogna un giorno di poterla condividere con il pubblico.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here