24.6 C
Pesaro
martedì, Luglio 5, 2022

Mecenatismo: sostenere la cultura conviene

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!
Il dott. Marco Bodo, commercialista membro della Commissione per il Diritto dell'arte di BusinessJus
Il dott. Marco Bodo, commercialista membro della Commissione per il Diritto dell’arte di BusinessJus

Il mecenatismo italiano langue. Gli ultimi dati divulgati dal Mibact parlano chiaro: nel 2013 le erogazioni liberali in favore della cultura da parte delle imprese sono calate del -0.5% rispetto al 2011. E quelle dei privati addirittura del -37%. Una crisi figlia dei tempi, certamente, ma anche di una informazione lacunosa e imprecisa che alimenta la convinzione, errata, che in Italia non esistono detrazioni fiscali per chi fa mecenatismo. A differenza di quanto si pensa, invece, l’Italia ha una delle legislazioni più favorevoli per le donazioni in favore dell’arte e la loro deducibilità. Addirittura più favorevole di quella statunitense. Il problema, semmai, è che di norme ce ne sono troppe e, talvolta, anche in contraddizione tra di loro. Come troppa è certamente la burocrazia per attuarle. Per cercare di fare un po’ di luce in questo groviglio legal-burocratico, abbiamo posto due domande a Marco Bodo, commercialista torinese e membro della Commissione per il diritto dell’Arte del network internazionale BusinessJus
.
Nicola Maggi: Le erogazioni liberali sono un contributo prezioso per il settore dei beni e delle attività culturali del nostro Paese. Di quali sgravi fiscali possono avvantaggiarsi i cittadini e le imprese che decidono di sostenere economicamente la cultura?

Marco Bodo: «Esatto, le erogazioni liberali sono donazioni spontanee di somme di denaro o beni, effettuate a favore di soggetti aventi caratteristiche particolari quali ad esempio le ONLUS, ONG, ASD (associazioni sportive dilettantistiche), Università, Scuole o Enti Culturali e dello Spettacolo di vario genere, Istituti di ricerca e/o Ospedalieri, e così via. Dal punto di vista fiscale, il TUIR – Testo Unico delle Imposte sui Redditi, stabilisce che sono deducibili dal reddito di impresa le erogazioni liberali fatte in denaro a favore dello Stato, delle regioni, degli enti locali territoriali, di enti o istituzioni pubbliche, di fondazioni e di associazioni legalmente riconosciute, per lo svolgimento dei loro compiti istituzionali e per la realizzazione di programmi culturali nei settori dei beni culturali e dello spettacolo. Le erogazioni liberali devono essere effettuate mediante sistemi di pagamento che consentano lo svolgimento di adeguati controlli quali, ad esempio, conti correnti bancari, postali, vaglia postali, assegni non trasferibili intestati all’ente destinatario dei versamenti e con l’indicazione, nella causale, del preciso riferimento all’art. 100 del TUIR. Per quanto riguarda invece le persone fisiche si rimanda, invece, all’art. 15 del TUIR. Vorrei sottolineare che per quanto attiene le erogazioni liberali per attività culturali ed artistiche, il contribuente può scegliere, nel rispetto delle condizioni richieste dalla Legge, tra una detrazione al 19% dell’importo dell’erogazione effettuata oppure una deduzione delle somme nel limite del 10% del reddito complessivo nella misura massima di 70.000 Euro».

N.M.: Qual è l’iter da seguire per poter beneficiare di questi sgravi fiscali?

M.B.: «I soggetti che effettuano erogazioni liberali per progetti culturali e il Ministero dei Beni Culturali devono trasmettere all’agenzia delle entrate, per via telematica, i dati relativi all’ammontare delle erogazioni e dei beneficiari nei termini e secondo le modalità previste dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 15 marzo 2002. Le comunicazioni devono essere inviate entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento, per i soggetti privati che effettuano le erogazioni. Entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello di riferimento, il Ministero dei Beni Culturali comunica l’elenco nominativo dei soggetti che effettuano elargizioni in denaro e il relativo ammontare».

 

PER SAPERNE DI PIU’

 

Leggi anche -> Investi nell’arte e scopri come pagare meno tasse (sito web del Mibact)

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Dal ventre di Parigi. La tavolozza impressionista

Nel ventre di Parigi si sono succedute rivoluzione e controrivoluzione di tante cose, anche della pittura. La produzione di materiale per le Belle Arti ha per la prima volta un carattere semi industriale e sul mercato arrivano una gran quantità di nuovi pigmenti sintetizzati artificialmente.

20 artisti per 20 borghi: torna Una Boccata d’Arte

Al via in tutta Italia dal 25 giugno al 18 settembre 2022 la terza edizione di Una Boccata d’Arte, progetto che promuove installazioni, mostre e performance di 20 artisti in 20 borghi, uno per ogni regione, valorizzando l’incontro tra arte e patrimonio storico, artistico e paesaggistico.

La grande arte italiana del XX secolo in asta da Wannenes

Ultima "lettura catalogo" del primo semestre, tutta dedicata all'asta di arte moderna e contemporanea che Wannenes batterà il 5 luglio prossimo nella sua sede milanese d Palazzo Recalcati.

Articoli correlati

  1. Ciao Nicola. Due piccoli punti vorrei evidenziare. I recenti Disposti Legislativi del Ministro Franceschini non hanno previsto la deducibilità del 60 % delle somme donate per il recupero dei beni culturali? Inoltre ritengo che il mecenatismo in Italia sia quasi inesistente perchè non esiste una reale cultura e politica dell'arte. Occorre che nella coscienza dei cittadini si sviluppi il senso e l'amore per l'arte, senza il quale non può nascere il desiderio del proprio contributo. Ma sembra che questo sia molto difficile da comprendere e attuare qui in Italia..

  2. Hai ragione. Il Bel Paese appare sempre più insensibile nei confronti di quello che è il suo bene più prezioso, fonte di ricchezza e di lavoro: l'arte. Eppure basterebbe poco lontano da noi per trovare di modelli di sostegno all'arte a cui ispirasi. Domani pubblicherò un'intervista al presidente dei Frac fracesi che la dice lunga su come uno Stato dovrebbe comportarsi in materia di cultura e arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here