8.7 C
Pesaro
giovedì, Dicembre 1, 2022

Mercato Fotografia: la “quantità” fa chiudere in positivo il 2019

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

È certamente Helmut Newton il protagonista della stagione 2019 del mercato della fotografia. Sua, infatti Sie Kommen, Paris (Dressed and Naked): scatto del 1981 battuto da Phillips New York il 4 aprile scorso a 1.820.000 $.

Cifra che, oltre a rappresentare l’aggiudicazione più alta dell’anno, ha rinnovato il record d’asta del fotografo tedesco in quella che è stata la tornata di vendita di tutto il 2019, iniziata con la messa all’incanto della collezione Tompkins Buell con il catalogo Passion & Humanity: The Susie Tompkins Buell Collection e conclusasi con l’asta dedicata Photographs per un fatturato di oltre 10 milioni di dollari. Pari al 21% del valore complessivo delle aste di fotografia battute da gennaio a dicembre 2019 dalle tre case d’asta che si contendono questo segmento di mercato: Christie’s, Phillips e Sotheby’s.

Un risultato, quello di aprile, che consolida sempre di più la leadership di New York che oggi rappresenta il 74% del mercato conquistando un 4% di quote in più a scapito di Londra che, in questo 2019, ha visto calare il proprio peso del -12%, passando dal 23% del 2018 all’11% di questo anno. Un crollo dovuto, principalmente al fatto che Christie’s non ha battuto la sua asta Photographs di aprile.

Record a parte (pochissimi in realtà quelli di quest’anno), il 2019 vede tornare il sereno sul mercato della Fotografia Fine Art dopo un 2018 che si era chiuso con un calo del -8% nei fatturati rispetto al 2017. L’anno appena concluso, invece, con un totale di aggiudicato pari a 50.657.735 $ supera del +10% quanto realizzato nel 2018. Ma lo fa battendo meno aste fotografia – 17 contro le 20 del 2018 – e “scommettendo” molto sulla quantità.

Installation view of Helmut Newton Sie Kommen, Paris (Dressed and Naked), 1981 © The Helmut Newton Estate / Maconochie Photography

Negli ultimi 365 giorni, infatti, i lotti messi in asta sono stati quasi il doppio della stagione precedente. Stabile invece il tasso di unsold, rimasto attorno al 30%. Questo ha portato ad un 16% in più di lotti venduti, permettendo di calmierare una significativa riduzione dei prezzi medi di aggiudicazione, passati dai 28.784 $ del 2018 ai 26.635 $ di quest’anno (-11%).

Meno volatile, ma anche meno remunerativo, rispetto a quello dell’arte contemporanea, dal 2009 ad oggi, il mercato di fotografia non ha mai avuto grandi momenti di espansione, se si esclude il quadriennio 2009-2013, e quello di quest’anno è forse uno dei migliori risultati di sempre. Entrando più nel dettaglio, nel 2019 è radicalmente cambiata la geografia del mercato di fine art photography. Se nel 2018, infatti, questo segmento d’offerta vedeva, dopo New York (69%), Londra solidamente al secondo posto, nel 2019 lo strapotere della Grande Mela è risultato ancor più evidente (74% del mercato) e Parigi ha superato la capitale britannica, conquistando il 15% del mercato.

Dal punto di vista delle case d’asta, invece, la leadership è ancora una volta in mano a Christie’s (39%) che aumenta le sue quote di un 4%; mentre Phillips si mantiene stabile al secondo posto (39%). Cala, invece, Sotheby’s, l’unica delle tre major ha far registrare un calo nel fatturato rispetto allo scorso anno -8%. Quello di Christie’s è, invece, cresciuto del 21% e del 12% quello di Phillips.

Interessante notare, inoltre, come al forte aumento del fatturato di Christie’s corrisponda un calo di prezzi (-39%), molto più pronunciato di quello rilevabile nelle case rivali: Sotheby’s (-19%) e Phillips (-1%).

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Aste: record per Carla Accardi da Dorotheum

Con Animale immaginario (1988) l'artista infrange, per la prima volta, il tetto dei 300.000 euro e conferma l'ottimo stato di salute del suo mercato.

Il copyright non farà per Banksy, ma (per il momento) i marchi registrati sì

Laugh Now But One Day I'll Be in Charge, il marchio figurativo europeo che riproduce la famosa opera di Bansky una scimmia con un cartello pubblicitario è salvo

Colmare il vuoto. Il trattamento delle lacune come cuore del restauro

Il trattamento delle lacune di un’opera d’arte è forse il cuore di tutti i problemi del restauro. Una questione che, secondo Cesare Brandi, richiede prima di tutto una riflessione teorica.

Articoli correlati