8.7 C
Pesaro
giovedì, Dicembre 1, 2022

New York: record per Frida Kahlo da Sotheby’s

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Primato storico per Frida Kahlo che ieri, durante la Modern Evening Auction di Sotheby’s a New York, ha visto il suo Diego y yo venduto per 35.8 milioni di dollari: di fatto l’opera più cara per quanto riguarda l’arte latino americana. 

Il precedente record dell’artista messicana risaliva al 2016 quando la sua tela Dos desnudos en el bosque (La tierra misma) del 1939 fu venduta per 8.005.000 $.  La vendita di ieri sera, in realtà, al di là del nuovo primato, non ha fatto registrare una performance particolarmente sorprendente, considerato che, diritti esclusi, il prezzo di aggiudicazione di Diego y yo, proposto in catalogo a 30-50.000.000 $,è stato di poco superiore alla stima minima: 30.129.500 $.

 

Lot 12 – Frida Kahlo, Diego y yo, 1949. Courtesy: Sotheby’s

Ottimo risultato anche per  Coin du bassin aux nymphéas di Claude Monet, passato di mano per 50.820.000 $, cifra che va ben oltre le aspettative che si aggiravano sui 40 milioni. Nella Top 10 della Modern Evening Art Auction troviamo poi Pier Soulages con Peinture 195 x 130 cm, 4 août 1961, venduto per 20.1 milioni di dollari. Cifra che stabilisce, anche in questo caso, un nuovo record d’asta.

Dopo sei minuti di battaglia, La Chouette di Picasso è stata acquistata per 3.9 milioni di dollari, un record per una ceramica dell’artista catalano. E contesissimi sono stati anche i lavori di Alexander Calder. Tra questi l’Untitled del 1949 – uno dei suoi primi mobile è stato venduto, tra gli applausi, per la  bellezza di 19.7 milioni dopo ben 11 minuti di rilanci. Si tratta del suo secondo miglior risultato di sempre in asta.

 

Lot 10 – Pierre Soulages, Peinture 195 x 130 cm, 4 août 1961, 1961. Courtesy: Sotheby’s

L’asta si è chiusa con un totale di 282.9 milioni di dollari e un tasso di venduto in lotti del 98%. Quattro i record stabiliti durante la serata: Enrico Donati, Frida Kahlo, Pierre Soulages e quello per una ceramica di Pablo Picasso. Oltre il 50% dei lotti ha superato la stima massima, confermando la vivacità di un mercato che anche in questo appuntamento ha saputo attrarre collezionisti da ben 35 paesi.

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Aste: record per Carla Accardi da Dorotheum

Con Animale immaginario (1988) l'artista infrange, per la prima volta, il tetto dei 300.000 euro e conferma l'ottimo stato di salute del suo mercato.

Il copyright non farà per Banksy, ma (per il momento) i marchi registrati sì

Laugh Now But One Day I'll Be in Charge, il marchio figurativo europeo che riproduce la famosa opera di Bansky una scimmia con un cartello pubblicitario è salvo

Colmare il vuoto. Il trattamento delle lacune come cuore del restauro

Il trattamento delle lacune di un’opera d’arte è forse il cuore di tutti i problemi del restauro. Una questione che, secondo Cesare Brandi, richiede prima di tutto una riflessione teorica.

Articoli correlati