27.3 C
Pesaro
martedì, Luglio 5, 2022

The Format: quando la cultura torna in galleria

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!
Guido Cabib ha fondato The Format nel 2012
Guido Cabib ha fondato The Format nel 2012

Se parli con i cosiddetti insider del mondo dell’arte, tutti ti dicono che le gallerie hanno perso il loro ruolo di luoghi della cultura: si partecipa al vernissage e, poi,  chi si è visto si è visto, tutto ruota ormai attorno alle fiere. Una fotografia decadente, che crea nostalgia per un mondo che sembra non avere più il tempo di fermarsi a riflettere su ciò che offre e sempre più sbilanciato sull’aspetto commerciale. Elemento di fondamentale importanza, certo, ma a cui non può limitarsi chi si occupa di arte contemporanea. Lo sa bene Guido Cabib, gallerista di lungo corso che, lasciata la sua Napoli, si è trasferito a Milano per dar vita ad uno degli spazi più interessanti della scena indie italiana: The Format – Contemporary Culture Gallery.

Trovare The Format non è la cosa più semplice del mondo. Il numero 10 di Via Pestalozzi ha tutto il sapore programmatico di un intervento di arte relazionale in cui il visitatore, varcato il cancello, entra in un dedalo di vicoli che ti porta in un ambiente post-moderno fatto di laboratori artigianali, autofficine e abitazioni. Appena si imbocca la strada giusta, un vecchio Bedford rosso, arrugginito e ammaccato, ti accoglie con il suo sorriso a grata metallica, come a dirti che stai entrando in un luogo diverso, non la solita galleria/vetrina ma una vera e propria fucina, in cui si assemblano, sottoforma di opere, pensieri e idee. Caratteristiche che fanno di The Format un vero e proprio dispositivo in grado di attivare la creatività del visitatore; un luogo di dialogo e confronto, dove il processo, la scoperta e l’incontro con l’arte e con gli altri assume una centralità fondamentale. Non è un caso, d’altronde, se la sede di The Format – una vecchia falegnameria in disuso da tempo – mixi nel suo aspetto: l’ufficio, l’open space e l’appartamento bohémien con tanto di camera e salotto con affaccio sulla galleria vera e propria.

Uno scatto dell'inaugurazione della mostra "49 e 1/4" di Samuele Menin
Uno scatto dell’inaugurazione della mostra “49 e 1/4” di Samuele Menin

Questa descrizione vi sembrerà superflua ma vi assicuro che non lo è: l’aspetto architettonico, infatti, è elemento cardine di questo progetto che ti pone, fin dall’ingresso, in una relazione di familiarità con quella cultura contemporanea che ancora oggi, invece, allontana più che attrarre: e i numeri del mercato italiano la dicono lunga!

Basta, d’altronde, leggere l’apertura dello statuto di questa creatura anomala nel panorama contemporaneo italiano per capire di che pasta è fatta The Format: «Noi crediamo in un futuro migliore per tutti, dove la cultura, l’ambiente, la ricerca, l’innovazione, la collaborazione, l’apprendimento e la condivisione, siano gli strumenti con i quali tutti possono crescere e migliorare. Noi ci proiettiamo nel futuro e per questo lavoriamo, insieme. Noi crediamo nel lavoro, materiale ed intellettuale. Usiamo i media, ma sappiamo con certezza, che il mondo reale esiste e che le relazioni personali possono funzionare, se c’è onestà ed impegno. Noi crediamo nella condivisione di idee e principi , nello scambio di informazioni , nel rispetto reciproco. Noi vogliamo aiutare ed essere aiutati a crescere, insieme!».

Ma adesso basta parlare e ascoltate, in questo video, come Guido Cabib, classe 1956 e tra i  primi a portare in Italia, a metà anni Novanta, artisti come Damien Hirst, Hiroshi Sugimoto o Richard Prince, racconta il suo neonato progetto (2012):

 

Per saperne di più: http://theformatcontemporaryculturegallery.4ormat.com/#1

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Dal ventre di Parigi. La tavolozza impressionista

Nel ventre di Parigi si sono succedute rivoluzione e controrivoluzione di tante cose, anche della pittura. La produzione di materiale per le Belle Arti ha per la prima volta un carattere semi industriale e sul mercato arrivano una gran quantità di nuovi pigmenti sintetizzati artificialmente.

20 artisti per 20 borghi: torna Una Boccata d’Arte

Al via in tutta Italia dal 25 giugno al 18 settembre 2022 la terza edizione di Una Boccata d’Arte, progetto che promuove installazioni, mostre e performance di 20 artisti in 20 borghi, uno per ogni regione, valorizzando l’incontro tra arte e patrimonio storico, artistico e paesaggistico.

La grande arte italiana del XX secolo in asta da Wannenes

Ultima "lettura catalogo" del primo semestre, tutta dedicata all'asta di arte moderna e contemporanea che Wannenes batterà il 5 luglio prossimo nella sua sede milanese d Palazzo Recalcati.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here