29.1 C
Pesaro
martedì, Luglio 5, 2022

The Place Collection: l’unico posto di Laura e Angelo

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Laura e Angelo sono più che collezionisti. Appassionati, innamorati e totalmente trasportati dall’arte che collezionano con spontaneità, ma anche con un’attenta ricerca e una giusta dose di curiosità per i giovani artisti che stanno muovendo i primi importanti passi.

Forse perché è stata la prima intervista in presenza dopo tanti mesi di isolamento, forse perché il paesaggio che ci ha accompagnato fino al loro cancello era la Toscana dei primi giorni caldi di primavera, forse perché la dolcezza con cui hanno messo insieme i loro ricordi è stata davvero spontanea e autentica, ma è facile definire l’incontro con i “responsabili” della collezione The Place Collection come un momento davvero speciale.

Non li chiamo “responsabili” a caso. Infatti, ironica Laura inizia il suo racconto ammettendo che la colpa di tutto ciò è sua. Se oggi la famiglia Di Leo-Biganzoli ha messo insieme una collezione varia e artisticamente importante è proprio perché Laura è nata in una famiglia di collezionisti e non poteva pensare a una casa, una vita senza opere, senza oggetti d’arte a riempire gli spazi e la mente.

Così, da un aneddoto divertente del primo regalo di Laura ad Angelo ancora da fidanzati comincia la loro avventura, che potrebbe essere riassunta così: da Tano Festa a Tomàs Saraceno e chissà fino a dove.

Un vero e proprio viaggio, al quale si è unita ormai 23 anni fa loro figlia Federica, che trovandosi da sempre immersa in mostre, in visite a gallerie d’arte di tutto il mondo e convivendo quotidianamente con pezzi di arte contemporanea sta piano piano ereditando l’occhio, ma soprattutto il cuore del vero collezionista.

Un cuore plasmato dalle moltissime letture, da una sensibilità particolare nei confronti della poesia e di una filosofia che sia Laura sia Angelo dichiarano essere la loro filosofia nel collezionare, cioè il criterio del wabi sabi. L’amore per il fragile che indirizza inconsapevolmente la scelta estetica di alcune opere, la ricerca di una bellezza eterna che va al di là della bellezza perfetta tipicamente occidentale. Per dirla come Angelo: la bellezza del quotidiano e dell’ignorato.

Così è volato il nostro sabato pomeriggio. Grazie Laura e grazie Angelo per cosa state facendo, per come state collezionando e per come vi state prendendo cura del vostro patrimonio artistico.

Alla prossima, con la promessa di visitare con la giusta attenzione la vostra esposizione privata.

Francesca Gasparetto
Francesca Gasparetto
Restauratrice-conservatrice con una passione per il data management e la documentazione digitale delle collezioni d'arte. E’ autrice di diverse pubblicazioni scientifiche sul tema della documentazione per la conservazione del Patrimonio. Collabora con l’Università degli Studi di Urbino nell'ambito di progetti internazionali sul tema della conservazione del Patrimonio e tiene un corso sulla documentazione digitale. E’ co-fondatrice della start-up arturo, società che si occupa di conservazione e documentazione delle collezioni d’arte.
Condividi
Tags

recenti

Dal ventre di Parigi. La tavolozza impressionista

Nel ventre di Parigi si sono succedute rivoluzione e controrivoluzione di tante cose, anche della pittura. La produzione di materiale per le Belle Arti ha per la prima volta un carattere semi industriale e sul mercato arrivano una gran quantità di nuovi pigmenti sintetizzati artificialmente.

20 artisti per 20 borghi: torna Una Boccata d’Arte

Al via in tutta Italia dal 25 giugno al 18 settembre 2022 la terza edizione di Una Boccata d’Arte, progetto che promuove installazioni, mostre e performance di 20 artisti in 20 borghi, uno per ogni regione, valorizzando l’incontro tra arte e patrimonio storico, artistico e paesaggistico.

La grande arte italiana del XX secolo in asta da Wannenes

Ultima "lettura catalogo" del primo semestre, tutta dedicata all'asta di arte moderna e contemporanea che Wannenes batterà il 5 luglio prossimo nella sua sede milanese d Palazzo Recalcati.

Articoli correlati

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here