22.4 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

Thinking Italian Milan sottotono per Christie’s

del

Si è chiusa con un totale di  4.981.500 euro e un tasso di venduto del 65,7% in lotti la Thinking Italian Milan di oggi da Christie’s. Un risultato che giunge al termine di una serata che ha seguito un copione molto simile a quello già visto a Londra la scorsa settimana quando la Thinking Italian: Modern Italian Art and Design Evening Sale si chiuse con uno dei fatturati più bassi della storia delle Italian Sale: 5.321.250.

Anche in questo caso, il risultato è stato il più basso dal 2015. Basti pensare che lo scorso anno la stessa asta si era chiusa con un 100% di venduto e turnover di 13.337.225 euro.

14 i lotti rimasti invenduti su un catalogo di 47 opere. Tra i “caduti” pezzi importanti come il raro dittico Croce di San Martino di  Salvatore Scarpitta, tra i lotti più pregiati della serata. E non trova acquirenti neanche il bel Notturno di Osvaldo Licini al lotto 31. 

Alighiero Boetti, Senza titolo (Uno nove sette otto), 1978. Ricamo, 91 x 98 cm.

Va bene, come già a Londra, Alighiero Boetti, con la sua ghisa verde del 1970 EMME I ELLE ELLE E… che al termine di una bella contesa durata qualche minuto, è stata aggiudicata per 237.500 euro, ben oltre le aspettative. E molto bene è andato anche il suo l’Arazzo del 1978 selezionato per la copertina del catalogo, passato di mano per 620.000 euro contro una stima di 350-500.000 euro.

Non delude il Paesaggio anemico I di Mario Schifano. Presentato in catalogo con una stima di 600-800.000 euro, questo lavoro, che tornava sul mercato dopo mezzo secolo passato nella stessa collezione, è stato aggiudicato per 644.000 euro: il risultato più alto della serata.

Mario Schifano Paesaggio anemico I, 1964. Matita e smalto su tela, dittico cm. 220 x 200.

Tra le altre aggiudicazioni degne di nota, da segnalare quella della bella terracotta di Leoncillo, Presagio, passata di mano per 375.000 euro. Ottima la performance del [Concetto spaziale] del 1954 di Lucio Fontana, battuto a 250.000 euro. Si tratta di uno dei primi esempi in terracotta dei sui celebri “buchi” ed era presentato in catalogo con una stima di 90-130.000 euro. Ve detto però che anche il padre dello Spazialismo non era in gran serata.

Vanno bene, poi, Dorazio, Melotti, Burri e Maria Lai, con i loro lotti che hanno  superato in molti casi le aspettative. Segno di un mercato che, tutto sommato, tiene anche in questo momento così particolare.

LOTTO 43 – Giorgio Morandi, Natura morta, 1946. Matita e acquarello su carta cm 24,7×31

Infine, mi piace segnalare le buone performance di alcune delle opere su carta presenti in catalogo: Velocità Astratta n. 2, bel pastello su cartoncino di Giacomo Balla del 1914, passato di mano per 115.000 euro; Croci viventi di Osvaldo Licini, un olio su carta applicata su tela del 1954 venduto a 62.500 euro e, per finire, l’eterea Natura morta di Giorgio Morandi al lotto 43. Una matita ed acquerello su carta realizzata nel 1946 e battuta a 81.250 euro, contro una stima in catalogo di 40-60.000 euro.

L’asta Thinking Italian Milan presegue oggi alle ore 15 con la Day Sale che comprende i lotti dal n. 48 al n. 113.

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany il primo blog italiano dedicato al mercato e al collezionismo d’arte contemporanea. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura. Nel 2019 e 2020 ha collaborato al Report “Il mercato dell’arte e dei beni da collezione” di Deloitte Private. Autore di vari saggi su arte e critica in Italia tra Ottocento e Novecento, ha recentemente pubblicato la guida “Comprare arte” dedicata a chi vuole iniziare a collezionare.

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Milano Art Week: la grande abbuffata

Assortimento misto per tutti i palati: serve ordine. La settimana dell’arte è ancora una volta protagonista della primavera meneghina, consueto antipasto di Biennale di...

No Time, No Space: Miart 2024 apre le porte all’arte a Milano

Ieri sera si è inaugurata la 28esima edizione di miart, orchestrata magistralmente per il quarto anno da Nicola Ricciardi, si è inaugurata a Milano...

MIA Photo Fair 2024: scopri il cambiamento nella fotografia d’arte

Dal 11 al 14 aprile 2024, si terrà la tredicesima edizione di MIA Photo Fair nella nuova sede di Allianz Mi.Co, in concomitanza con Miart. Il...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!