22.4 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

Una collezione che diventa Museo. La storia della Pinacoteca Tosio Martinengo a Brescia

del

Era diverso tempo che Collezione da Tiffany volgeva lo sguardo verso Bergamo e Brescia, entrambe città che quest’anno brillano di una luce culturale sfavillante data la carica condivisa di Capitale italiana della Cultura 2023. E il nostro approccio non poteva che essere strettamente legato al mondo del collezionismo.

Così abbiamo deciso di incontrare Roberta D’Adda, Coordinatrice della collezione della Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia che ci ha raccontato le origini di una collezione privata, che si sono poi intrecciate con vicende storiche di varia natura – regali, donazioni, accorpamenti e così via – per arrivare a costituire quella che oggi è la Pinacoteca della città lombarda gestita dalla Fondazione Brescia Musei.  

La storia della Pinacoteca Tosio Martinengo è affascinante e parte da un nucleo di opere antiche donate alla città a metà dell’Ottocento proprio per volontà dei due coniugi Tosio, collezionisti d’altri tempi. Nell’intervista sottostante, la Direttrice racconta bene tutti i passaggi e come si è arrivati ad avere questa importante istituzione civica oggi luogo di tante iniziative culturali per grandi e piccoli.

Sì perché la Pinacoteca oggi è un luogo aperto, che lascia spazio anche a spettacoli di danza e di teatro nelle sale, proprio per valorizzare l’enorme patrimonio. E dà importanza anche all’apprendimento dei bambini, grazie a un bel progetto di comunicazione che rende interattiva la visita al museo.

Ciò che rende il museo un luogo e lo tiene vicino allo spirito di collezionismo privato, possiamo dire quasi domestico, dal quale è nato, è l’allestimento che davvero colpisce per la sua preziosità e caratterizzazione: dai molti oggetti di arte decorativa che si trovano in giro per le sale alle tappezzerie in velluto di diversi colori che rivestono le pareti interne.

Insomma, la Pinacoteca bresciana ha tanto da raccontare di come da un’idea di collezionismo storico e antico si sia arrivati ad una stretta collaborazione con il pubblico e a una valorizzazione di un patrimonio vario e vasto, che permette di prendersi cura non solo delle sale espositive ma non dimentica i depositi.

Collezione da Tiffany
Collezione da Tiffany
Nato il 5 giugno del 2012 da un’idea del giornalista e storico della critica d’arte Nicola Maggi, Collezione da Tiffany è il primo Blog italiano interamente dedicato al collezionismo d’arte contemporanea.

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Milano Art Week: la grande abbuffata

Assortimento misto per tutti i palati: serve ordine. La settimana dell’arte è ancora una volta protagonista della primavera meneghina, consueto antipasto di Biennale di...

No Time, No Space: Miart 2024 apre le porte all’arte a Milano

Ieri sera si è inaugurata la 28esima edizione di miart, orchestrata magistralmente per il quarto anno da Nicola Ricciardi, si è inaugurata a Milano...

MIA Photo Fair 2024: scopri il cambiamento nella fotografia d’arte

Dal 11 al 14 aprile 2024, si terrà la tredicesima edizione di MIA Photo Fair nella nuova sede di Allianz Mi.Co, in concomitanza con Miart. Il...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!