3.3 C
Pesaro
domenica, Gennaio 23, 2022

Alessandro Marcucci Pinoli racconta il suo Art Hotel Museum e la collezione

del

 

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=CZ6wB_ERJKY]Passeggiando lungo il viale che costeggia il mare, sono passato tante volte davanti all’Alexander Museum Palace Hotel di Pesaro.

Certamente la parola “museo” mi affascina, e guardandolo dall’esterno ogni volta resto colpito da un dettaglio diverso.
È facile trovare questo albergo, sia per la stele alta 16 metri dell’artista Enzo Cucchi posizionata all’ingresso, sia per “I manichini” del Conte Nani che sono parte di una scultura-installazione a pochi metri dall’hotel.

Oltre ad essere titolare di questo Art Museum e di altri alberghi di lusso, il Conte Alessandro Marcucci Pinoli ha avuto una carriera da avvocato, console, ambasciatore, cavaliere e commendatore.

Ma quando concordiamo la nostra intervista prima per me è soprattutto un collezionista, e sono molto felice di poterlo conoscere proprio all’interno della sua “collezione-museo”.

I corridoi, le sale, la piscina e le camere sono opera di 75 artisti selezionati dal Conte che hanno lavorato per quattro anni.

Oltre a Cucchi ci sono opere e installazioni di Giò Pomodoro, Mimmo Paladino, Sandro Chia, Simon Benetton, Primo Formenti, Nanni Valentini, Gino Marotta, Davide dall’Osso, Floriano Ippoliti e tanti altri.

Questo museo albergo però non è l’unico spazio che il Conte ha dedicato all’arte: la sua collezione vanta 3500 opere raccolte in tanti luoghi differenti, che occupano case, garage e perfino l’interno delle serre di famiglia.

Pensare e comprare arte è qualcosa che non fa dormire la notte: come quando il Conte mi racconta di quella volta in cui a Spoleto – su indicazione del suo amico Vittorio Garbi – conobbe Peter Demetz e volle a tutti i costi entrare in possesso di una sua scultura in legno.  

Questa sua passione è nata in famiglia grazie a suo padre, che fin dai primi anni della sua infanzia lo portava con sé a New York ad incontrare gli amici artisti.

E oggi come suo padre anche il Conte Nani continua ad avere una relazione diretta gli artisti, sia come committente ma anche come mecenate.

In questa grande collezione museo pernottano ospiti e artisti da tutto il mondo.
È facile capire perché spesso le persone vogliano dormire di nuovo nella stessa stanza, perché vogliono godere di nuovo dell’opera che li ha colpiti. 

Daniel Libeskind – l’architetto che ha riprogettato Ground Zero – dopo aver pernottato in questo Art Hotel disse che “L’arte è più del lusso”, ricordando il valore superiore delle opere realizzate su richiesta del Conte rispetto a qualsiasi stella riconosciuta ad un albergo.

Seduti nella hall di questo luogo così speciale, sono proprio curioso di ascoltare la storia di questo collezionista.

Buon ascolto!
Gino Fienga

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=CZ6wB_ERJKY&w=560&h=315]

 

 

 

   

Condividi
Tags

recenti

“Il collezionismo è anche istinto”: intervista a Lorenzo Perini Natali

La sua raccolta è in continua espansione e sogna un giorno di poterla condividere con il pubblico.

Arte Fiera, le nuove date: 13-15 maggio 2022

Arte Fiera ha annunciato, questa mattina, le nuove date della sua quarantacinquesima edizione

Crypto Art: nasce a Milano l’Art Innovation Gallery

Nasce in Italia la prima galleria d'arte digitale che non ha una sede fisica e che cambia il modo di esporre le opere d'arte

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here