1.7 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

Arte contemporanea come strumento di memoria storica e riparazione culturale

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Riconoscere intellettualmente l’eredità coloniale della propria nazione di appartenenza ed interiorizzarla in piena coscienza individuale con lo scopo di prenderne attivamente le distanze e provare a scrivere una nuova storia identitaria, è la ragion d’essere della produzione artistica che ispira uno specifico filone d’arte contemporanea che si potrebbe forse definire ”multidisciplinare”.

Si tratta per gran parte di artisti visivi che, scegliendo di realizzare video e/o istallazioni fotografiche, si impegnano tra arte ed attivismo politico muovendo dalla ferma convinzione che le fratture che si sono aperte per via dello scontro culturale tra occidente e non-occidente durante il periodo coloniale, vadano assolutamente riparate.

L’idea che accomuna questi artisti è che l’arte possa ben rappresentare un efficace strumento di denuncia e soprattutto di memoria, capace di stimolare nell’osservatore una riflessione su come il razzismo – passando dall’imposizione della schiavitù alla pratica del colonialismo- sia stato e sia tutt’ora usato come leva ideologica per stabilire l’incontrovertibilità della propria supremazia sui popoli soggiogati (ineguaglianze sociali, minoranze, esclusioni).

Questa produzione artistica si indirizza e si palesa in maniera diversa a seconda che l’artista che la realizzi sia per natali e per cultura “colonizzatore” o “colono”.

Nel primo caso, ritenendo indispensabile un processo di consapevolezza e definitiva autodenuncia per riparare ai torti commessi e porre fine ad un approccio culturale di prevaricazione, che sui libri di scuola si legge come concluso ma che nella realtà giornaliera dei fatti è ancora pienamente in corso, l’intento artistico è quello di stimolare ed “imporre” un lucido e limpido faccia a faccia col colonialismo culturale di cui l’Occidente è quotidiano portatore e pericoloso promotore (più o meno cosciente). Tutto ciò viene tradotto in un’arte per immagini (video o fotografiche) a memoria dei soprusi inflitti o delle loro immediate conseguenze sulle esistenze delle popolazioni sottomesse.

Mattieu Pernot. Foto Maria Pia Coccia

Nel secondo caso vengono proposte fotografie, video o installazioni che sono spesso la risultante di accurate ricerche di archivio, eseguite con lo scopo di usare la conoscenza passata come strumento per reinterpretare la realtà attuale e immaginare una lettura alternativa di identificazione culturale per il futuro delle nuove generazioni.

Durante il colonialismo infatti, sono stati realizzati dagli occupanti migliaia di notiziari, film educativi o anche semplici riprese di scene della vita quotidiana nelle colonie, seguendo un preciso set di regole che definiva e rendeva immediatamente riconoscibile il cinema della propaganda coloniale.

Simon Manner. Foto Maria Pia Coccia

Non sono però di certo stati i popoli colonizzati a scegliere che tipo di rappresentazione perpetuare di loro stessi, cosa valesse la pena filmare, cosa dovesse essere conservato e cosa no. Scavando nella storia ufficiale e nella memoria locale, gli artisti provano a cogliere tutti quei frammenti trascurati dalla propaganda coloniale che invece possono essere portati alla luce come strumento utile per colmare gli interstizi esistenti tra la storia imposta e la memoria autoctona. Questi artisti, dunque, tentano di reinterpretare quei momenti della storia locale di cui non è stata lasciata traccia troppo evidente, e propongono una prospettiva di nuova lettura del Sud del mondo da cui far scaturire l’ipotesi di una narrazione alternativa a quella attuale, spinti dal desiderio di comprendere e ripristinare quelle connessioni tra le generazioni e le geografie che il colonialismo ha interrotto.

Moser Marz. Foto Maria Pia Coccia

Ogni frammento recuperato viene esaminato in modo critico e contestualizzato in quell’immaginario futuro che l’artista vuol proporre, stabilendo con accuratezza il punto di osservazione che l’opera dovrà comunicare all’osservatore. (Sarebbe oggi assolutamente necessario quanto utile che venga resa incondizionatamente disponibile la totalità delle immagini ed i video archiviati, affinché possano essere esaminati da un punto di vista odierno non solo e non tanto dagli artisti bensì dalle nuove generazioni locali, che potrebbero averne i mezzi e che siano disposte a fare il lavoro di appropriarsi di una nuova narrativa identitaria ed identificativa).

A.A.Azoulay. Foto Maria Pia Coccia

Questo filone di artisti contemporanei “visivo attivisti” sono dunque convinti, indipendentemente da quale delle due posizioni di osservazione si muovano,  che  per attivare una dialettica tesa tra i due processi opposti di distruzione del colonialismo e riparazione dei danni da esso causati, l’espressione artistica sia oggi lo strumento ideale: da un lato tenta di stimolare il fruitore e lo pungola in quella parte di memoria storica, scomoda ed oscena, che sistematicamente l’Occidente si impegna ad insabbiare (complice il tempo che passa); un’ arte che mira ad attivare un percorso culturale di decolonizzazione della coscienza, della conoscenza, degli atteggiamenti e delle pratiche tutt’oggi “radicalmente coloniali”(processo di distruzione). Dall’altro lato, questa corrente artistica offre una occasione di “resistenza culturale” per le società che hanno bisogno di riappropriarsi della propria storia e della propria identità (processo di riparazione).

Maria Pia Coccia
Maria Pia Coccia
Restauratrice di Beni Culturali, Art Communicator, Perito di antichità e belle arti, Giornalista CJE. Collabora con testate giornalistiche e blog d'informazione.
Condividi
Tags

recenti

La conservazione al primo posto. Ecco la nuova Galleria Nazionale dell’Umbria.

Come fa un grande Museo a parlare di conservazione? Come è possibile far dialogare le necessità conservative e quelle estetica di un nuovo allestimento? Lo abbiamo chiesto a Daniele Costantini, funzionario della GNU.

“Il dipinto di Munch ‘Dance on the Beach’ è stato nascosto ai nazisti in una foresta norvegese. Andrà all’asta per la prima volta dagli...

Smithsonian Magazine, di Molly Enking 23 Gennaio 2023 “Dopo aver resistito alla seconda guerra mondiale in un fienile nascosto in una foresta norvegese, un monumentale...

“A New York, un famoso dipinto di Picasso del Museo Guggenheim potrebbe essere presto restituito agli eredi di un collezionista ebreo?” – connaissance des...

connaissance des arts, 25 Gennaio 2023 di Agathe Hakoun "Venerdì scorso è stata intentata una causa contro il Guggenheim Museum di New York. Gli eredi di un...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai, ogni settimana, gratuitamente, contenuti esclusivi dedicati al collezionismo d’arte e consigli sulla conservazione delle opere, sugli aspetti legali, e su tutto ciò possa aiutarti a collezionare e conservare l’arte ed essere felice.

Sono un collezionista

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!