19.4 C
Pesaro
giovedì, Settembre 29, 2022

Arte Fiera: Antonio Tucci Russo vince il Premio ANGAMC 2021

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

È Antonio Tucci Russo, fondatore di Tucci Russo Studio per l’Arte Contemporanea, con sedi a Torre Pellice e Torino, il vincitore del Premio ANGAMC 2021 alla carriera che sarà consegnato durante la cerimonia di sabato 14 maggio 2022, alle ore 18.45, nel Padiglione 15 di Arte Fiera.

«Il Premio ANGAMC – ha commentato il presidente dell’Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea,  Mauro Stefanini – è l’occasione per sottolineare l’importanza di una figura professionale che svolge un ruolo fondamentale nella diffusione dell’arte e della cultura, ma anche per stringersi attorno al collega Antonio Tucci Russo, in un momento di festa e condivisione. Quest’anno, oltre al gallerista premiato, festeggeremo anche il Presidente neoeletto, che guiderà l’Associazione per i prossimi quattro anni e al quale rivolgo i migliori auguri di buon lavoro».

Lisa e Antonio Tucci Russo nel 1979 alla Galleria Tucci Russo, Mulino Feyles, Torino in occasione della mostra di Pier Paolo Calzolari “Il giardino dei Getzemani”

Il percorso di Antonio Tucci Russo, nato a Carema (TO) nel 1944, parte dall’impegno politico e dalla poesia. Prevale successivamente l’interesse per l’arte contemporanea che lo porta a dirigere la galleria di Gian Enzo Sperone (1968-1974) e ad aprire nel 1975 la propria galleria, gestita per il primo anno con Paolo Marinucci, in un ampio garage di 250 metri quadrati in Via Fratelli Calandra. La mostra d’esordio è dedicata a Pier Paolo Calzolari. L’idea è tuttavia quella di presentare, insieme ai maestri, anche artisti più giovani, come Marco Bagnoli e Remo Salvadori.

Nel 1976, già affiancato dalla moglie Elisabetta Di Grazia (Lisa), Tucci Russo si trasferisce presso il Mulino Feyles, dove anche Mario e Marisa Merz prendono il loro studio. Dopo un passaggio in Via Gattinara a Torino, si giunge nel 1994 alla sede attuale di Torre Pellice, nello stabilimento dell’ex industria tessile Mazzonis. Si susseguono in Galleria mostre di noti esponenti dell’Arte Povera, come Giovanni Anselmo, Jannis Kounellis, Mario Merz e Marisa Merz, Giulio Paolini, Giuseppe Penone.

Da sinistra: Giuseppe Penone, Giovanni Anselmo, Antonio Tucci Russo, Alda Anselmo, Jan Dibbets. Tiro al bersaglio di piazza Vittorio Veneto, Torino, 1971

Nel corso della propria storia sino ad oggi, la Galleria ha inoltre proposto approfondimenti dedicati a Daniel Buren, Tony Cragg, di cui ha presentato la prima mostra nel 1984, Lili Dujourie, Harald Klingelhöller, Richard Long, Paolo Mussat Sartor, Maria Nordman, Alfredo Pirri, Thomas Schütte, la cui prima mostra personale in Italia si è tenuta proprio in Galleria nel 1986, e Jan Vercruysse.

Sin dalla fondazione, Lisa e Antonio Tucci Russo hanno focalizzato la propria attività sullo studio del linguaggio della scultura e dei suoi sviluppi. La Galleria Tucci Russo ha negli anni continuato ad indagare le tendenze sorte nelle generazioni successive presentando artisti quali, tra gli altri, Mario Airò, Christiane Löhr, Robin Rhode e Conrad Shawcross. Nel 2017 la Galleria ha aperto una seconda sede, Tucci Russo Chambres d’Art, in un palazzo storico nel centro di Torino, palazzo che ha visto i natali di Guido Gozzano… simbolico ritorno dall’arte alla poesia.

Lisa e Antonio Tucci Russo 2002 negli spazi della galleria a Torre Pellice Foto: © Nanda Lanfranco

La cerimonia di premiazione si terrà sabato 14 maggio 2022, alle ore 18.45, nel Padiglione 15 (ingresso Nord). A consegnare il premio saranno Mauro Stefanini (Presidente uscente dell’ANGAMC) e il Presidente neoeletto, alla presenza di Gianpiero Calzolari (Presidente BolognaFiere), Simone Menegoi (Direttore artistico di Arte Fiera) e del critico d’arte Lorand Hegyi, che illustrerà la storia del gallerista premiato e della sua galleria.

Il Premio ANGAMC, istituito nel 2017, viene attribuito ogni anno ad un gallerista per decisione del Consiglio direttivo, dopo la discussione collegiale delle proposte emerse all’interno dello stesso. Nel 2017 è stata premiata Carla Pellegrini (Galleria Milano, Milano) «per la straordinaria attività di promozione artistica e culturale condotta con la Galleria Milano dal 1964 e per la sua attiva partecipazione all’Associazione fin dalla sua fondazione».

Nel 2018 il riconoscimento è stato attribuito a Giorgio Marconi (Studio Marconi / Galleria Gió Marconi, Milano) «che dal 1965, con il suo straordinario lavoro dedicato all’arte e alla promozione degli artisti, ha nobilitato la preziosa professione del gallerista». Nel 2019 è stato conferito il premio alla memoria di Pasquale Ribuffo (Galleria De’ Foscherari, Bologna), «nome importante attorno al quale si è raccolta la città di Bologna e si è riconosciuta l’intera comunità dell’arte».

Nel 2020 è stato premiato Roberto Casamonti (Tornabuoni Arte, Firenze, Milano, Parigi, Crans Montana, Forte dei Marmi), «che ha saputo imporsi nel difficile mondo dell’arte internazionale divenendo un modello per chi, agli albori della propria attività di gallerista, sogna di esportare la propria idea di arte, avendo l’opportunità di collaborare, da interlocutore privilegiato, con rilevanti istituzioni museali».

La cerimonia di premiazione del 2020 è stata, inoltre, anticipata da un sentito ricordo di Ginevra Grigolo (1935-2019), fondatrice della Galleria Studio G7 di Bologna, gallerista che ha fatto «di passione lavoro, di lavoro vita».

Collezione da Tiffany
Collezione da Tiffany
Nato il 5 giugno del 2012 da un’idea del giornalista e storico della critica d’arte Nicola Maggi, Collezione da Tiffany è il primo Blog italiano interamente dedicato al collezionismo d’arte contemporanea.
Condividi
Tags

recenti

Dal decreto Aiuti Ter un sostegno alla cultura per i costi dell’energia

Stanziati 40 milioni di euro per sostenere i costi energetici sostenuti dai teatri, dalle sale da concerto, dai cinema, da musei, dalle biblioteche, dagli archivi e dagli istituti culturali.

La casa della vita. Il collezionismo domestico di Mario Praz

In un libro del 1959, Mario Praz racconta la storia della sua casa di Via Giulia, della sua preziosa collezione domestica e di come i ricordi si confondano con gli oggetti.

Arte contemporanea come strumento di memoria storica e riparazione culturale

Quando l’arte propone la rappresentazione di un passato da insabbiare e di un presente ricostruito, per stimolare riflessioni che spingano a trovare nuovi modi di reinterpretare realtà e relazioni.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai, ogni settimana, gratuitamente, contenuti esclusivi dedicati al collezionismo d’arte e consigli sulla conservazione delle opere, sugli aspetti legali, e su tutto ciò possa aiutarti a collezionare e conservare l’arte ed essere felice.

Sono un collezionista

You have Successfully Subscribed!