17.3 C
Pesaro
martedì, Maggio 17, 2022

In asta da Farsetti capolavori di De Chirico, Morandi, Savinio e Depero

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Catalogo da capogiro per l’asta di Arte moderna della pratese Farsetti Arte che questo sabato (12 dicembre) batterà 106 opere per un valore minimo stimato di almeno 4.355.600 euro.

Si inizierà alle ore 16.00 nella sede di Viale della Repubblica a Prato, a pochi passi dal Museo Pecci, con una preziosa selezione di carte di Marino Marini, Giorgio Morandi, Ottone Rosai e tele di Filippo De Pisis – come la bella Natura morta con conchiglia (1941) al lotto 625 -, Carlo Carrà e Giorgio De Chirico del quale vengono offerti vari lavori di rara qualità.

Si va dalla Natura Morta del 1923 al lotto 671 (stima: 120-160.000 euro) a Venezia, Isola di San Giorgio del 1956 (lotto 697, stima: 120-160.000 euro), per arrivare alla Piazza d’Italia del 1951 al lotto 700 (stima: 200-260.000).

LOTTO 700 – GIORGIO DE CHIRICO, PIAZZA D’ITALIA, 1951. Olio su tela, cm. 50×40

Al suo fianco il fratello Alberto Savinio con le tele Ulysse (1928), proposta al lotto 672 con una stima di 180-280.000 euro, e Les Anges Batailleurs del 1930 (stima: 170-230.000 euro).

Tra i dipinti più preziosi di questa asta anche Cortile di Via Fondazza: olio del 1935 di Giorgio Morandi proposto al lotto 699 con la ragguardevole stima di 700-900.000 euro.

LOTTO 699 – GIORGIO MORANDI, CORTILE DI VIA FONDAZZA, 1935. Olio su tela, cm. 67×45,5

Ma in catalogo non manca una ricca selezione di opere del nostro Futurismo tra le quali spiccano, di Fortunato Depero, il bellissimo Pappagallo, tela del 1920 offerta al lotto 637 con una stima di 100-140.000 euro, e Elasticità di Gatti proposta con una stima di 220-280.000 euro al  lotto 632.

Saltano poi all’occhio la stupenda Testa di Donna del 1915-16 di Amedeo Modigliani al lotto 666 (stima: 130-180.000 euro) e la tela, di corrosiva drammaticità, Le Parigine (1908) di Lorenzo Viani, valutata 90-130.000 euro.

LOTTO 632 – FORTUNATO DEPERO, ELASTICITÀ DI GATTI, 1936-39. Olio su tela, cm. 84×108

Più abbondante che interessante, invece, il catalogo del doppio appuntamento con l’Arte Contemporanea di Farsetti (11-12 dicembre) – ben 590 i lotti proposti –  dove però non mancano alcune opere che meritano interesse. 

È il caso, ad esempio, dell’inusuale nucleo di opere d’arte contemporanea africana tra le quali troviamo lavori di Frederic Bruly Bouabre, Amani Bodo, Esther Mahlangu, Soly Cissé, Cheri Samba e Gonçalo Mabunda (lotti 468-483).

Scorrendo le pagine del catalogo, incontriamo poi alcune fotografie di un certo pregio, come il Teatro Anatomico Bologna (2006) di Candida Höfer (lotto 560; stima: 30-50.000 euro) e Sie Kommen (1981) di Helmut Newton (lotto 561, stima: 30-40.000 euro).

LOTTO 568 – GINO DE DOMINICIS, OPERA UBIQUA, 1993. Tempera e foglia oro su pannello MD, cm. 84×70

Subito dopo, abbiamo una tela di Emilio Vedova del 1987 (lotto 562), Continuum, valutata 27-37.000 euro e un lavoro del 1970 di Conrad Marca-Relli: X-M-8-70 (lotto 563, stima: 35-55.000 euro).

Delicatissima e bella Opera Ubiqua (1993), pezzo di punta di un piccolo corpus di opere di Gino De Dominicis e offerto al lotto 568 con una stima di 80-120.000 euro.

Passata una Composizione del 1968 di Afro e un lavoro degli anni Ottanta di Piero Dorazio, arriviamo al lotto 576 dove troviamo una pregiata Composizione (1950-51) di Giuseppe Capogrossi (stima 70-100.000 euro) e, al lotto 579, la bellissima Senza Titolo (Suite Friulana n.9) dipinta da Giuseppe Santomaso nel 1963 (stima: 85-115.000 euro).

Il tutto per chiudere con Enrico Baj, di cu iviene prodotto il collage Due Personaggi (1963) valutato 60-90.000 euro.

Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Neon 1981 – 2022 andata e ritorno: inaugurata la mostra al MAMbo

E' stata inaugurata, questo giovedì, al MAMbo di Bologna la Mostra “NO, NEON, NO CRY” che rimarrà aperta gino al 4 giugno. Ne abbiamo parlato con Gino Gianuizzi

Arte Fiera 2022. Ritorno al futuro

Si è aperta giovedì 12 maggio, con la preview a inviti, Arte Fiera 2022 che, in questo caldissimo maggio bolognese, ci accoglie con tutta la sua voglia di ripresa, di normalità e di dimenticare, al più presto, lockdown e quarantene.

Difficoltà e opportunità del mercato dell’arte UK a seguito della Brexit

Partendo dall’analisi delle difficoltà di natura fiscale e amministrativa causate dalla Brexit, il presente contributo si pone l’obiettivo di fornire una panoramica delle principali opportunità anche per il mercato italiano.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here