9.3 C
Pesaro
domenica, Novembre 27, 2022

Catalogo TOP per l’asta autunnale di Cambi a Milano

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Dopo lo speciale Fotografia di mercoledì scorso torniamo a parlare di arte moderna e contemporanea. La lettura catalogo di oggi è interamente dedicata all’asta che il 4 dicembre prossimo la casa d’aste Cambi batterà a Milano. 340 lotti divisi su due cataloghi: il primo, che sarà battuto a partire dalle ore 10, presenta diverse opere di qualità a buon prezzo, con una piccola raccolta di libri, grafica d’autore, disegni e sculture; il secondo, invece, presenta una selezione molto più stretta ed è il vero fiore all’occhiello dell’appuntamento autunnale con la casa genovese che, come ormai è consuetudine, batte però a Milano, nello spazio di via San Marco 22. Ed è da questo che iniziamo la nostra lettura.

LOTTO 212 - Giacomo Balla, Plasticità dinamica, 1925-1929. Tempera grassa su carta applicata su tela, cm 24x33. Stima: EUR 15.000,00 - 20.000,00
LOTTO 212 – Giacomo Balla, Plasticità dinamica, 1925-1929. Tempera grassa su carta applicata su tela, cm 24×33. Stima: EUR 15.000,00 – 20.000,00

134 i lotti che saranno battuti a partire dalle ore 16.00, con una ouverture dall’intrigante sapore futurista dove al lotto 212 troviamo, tra gli altri, una bella tempera grassa su carta applicata su tela di Giacomo Balla: Plastica Dinamicità (1925-29) valutata 15-20.000 euro. Mentre al lotto 221 abbiamo un matita di Umberto Boccioni – Studio per campagna lombarda – del 1908 offerta con una stima di 8-12.000 euro.

LOTTO 221 - Umberto Boccioni, Studio per Campagna Lombarda, 1908. Matita su carta, cm 10,8x15,9. Stima: EUR 8.000,00 - 12.000,00
LOTTO 221 – Umberto Boccioni, Studio per Campagna Lombarda, 1908. Matita su carta, cm 10,8×15,9. Stima: EUR 8.000,00 – 12.000,00

Passati una serie di lavori di Ottone Rosai ecco che sotto i nostri occhi arrivano i primi gioielli: due oli di Filippo De PisisMarina con cavallino del 1930 (lotto 229, stima: 50-60.000 euro) e Carrozzella a Rimini del 1940 (otto 230, stima: 15-20.000 euro) – a cui segue une stupenda Piazza d’Italia di Giorgio de Chirico della fine degli anni Cinquanta proposta al lotto 231 con una stima di 90-120.000 euro.

LOTTO  231 - Giorgio De Chirico, Piazza d'Italia, fine anni ‘50. Olio su tela, cm 30x40. Stima: EUR 90.000,00 - 120.000,00
LOTTO 231 – Giorgio De Chirico, Piazza d’Italia, fine anni ‘50. Olio su tela, cm 30×40. Stima: EUR 90.000,00 – 120.000,00

Qui l’asta Cambi ha veramente il suo culmine, a mio avviso, con buona pace di alcuni dei top lot che troviamo dopo. Dopo De Chirico, infatti, abbiamo una superba tela di Alberto Magnelli, Due donne (1924-28) e, soprattutto, l’incredibile Ritratto della Signorina Burba: olio su tea dl Giacomo Balla del 1920, inserito in catalogo al lotto 233 con una stima di 45-55.000 euro.

LOTTO  233 - Giacomo Balla, Ritratto della signorina Burba, 1920. Olio su tela, cm 100x80. Stima: EUR 45.000,00 - 55.000,00
LOTTO 233 – Giacomo Balla, Ritratto della signorina Burba, 1920. Olio su tela, cm 100×80. Stima: EUR 45.000,00 – 55.000,00

E se non vi basta ancora ecco che i lotti seguenti ci proiettano in pieno Realismo Magico con Cagnaccio di San Pietro – di cui Cambi offre la tela Primavera del 1923-25 (lotto 234, stima: 60-80.000 euro) – e Antonio Donghi, con la preziosa tela del 1933 Abito Azzurro (lotto 235, stima: 50-70.000 euro), esposta alla quadriennale di Roma del 1935, e Interno del 1922 (lotto 236, stima: 15-20.000 euro).

LOTTO  235 - Antonio Donghi, Abito azzurro, 1933. Olio su tela, cm 50x37,5. Stima: EUR 50.000,00 - 70.000,00
LOTTO 235 – Antonio Donghi, Abito azzurro, 1933. Olio su tela, cm 50×37,5. Stima: EUR 50.000,00 – 70.000,00

Al lotto 238 abbiamo in vece una Crocifissione in ceramica colorata di Lucio Fontana (stima: 40-60.000 euro). E poi alcuni lavori di Perilli, Chighine, Afro e Giuseppe Santomaso, di cui viene proposto in asta Paese, olio su tela del 1962 (lotto 252, stima: 90-120.000 euro).

LOTTO 252 - Giuseppe Santomaso, Paese, 1962. Olio su tela, cm 114x146. Stima: EUR 90.000,00 - 120.000,00
LOTTO 252 – Giuseppe Santomaso, Paese, 1962. Olio su tela, cm 114×146. Stima: EUR 90.000,00 – 120.000,00

Ma attenzione, in questo catalogo veramente ricco di spunti, la merita anche la parte dedicata all’arte cinetica a programmata, con opere storiche di Lucia di Luciano, Lia Drei, Francesco Guerrieri e del Gruppo Mid.

LOTTO 264 - Lucia Di Luciano, Gruppi d'immagini in alternanza in successioni, in combinazione, 1967. Morgan's paint su masonite, cm 60x67. Stima: EUR 10.000,00 - 15.000,00
LOTTO 264 – Lucia Di Luciano, Gruppi d’immagini in alternanza in successioni, in combinazione, 1967. Morgan’s paint su masonite, cm 60×67. Stima: EUR 10.000,00 – 15.000,00

In evidenza anche un bel lavoro storico di Emilio Isgrò: Nel Limbo del 1974 (lotto 285, stima: 25-35.000 euro). Chiudono l’elenco dei lotti più ghiotti di questa intrigante selezione, una Superficie Lunare di Turcato del 1970 (lotto 298, stima: 40-60.000 euro) una paio di carte di Antony Gormley che danno un tocco di contemporaneo vero, raro per le aste italiane. E poi due oli di Dorazio e una bella selezione di lavori di Mario Schifano, fino ad arrivare al top lot assoluto dell’asta: un importante arazzo di Alighiero Boetti, di grande formato (con dimensioni: 100,5×111,5 cm) stimato 250.000-350.000 euro.

LOTTO 333 - Alighiero Boetti, Il venticinquesimo giorno del terzo mese dell’anno millenovecentoottantotto, 1988. Ricamo su tessuto, cm 100,5x111,5. Stima: EUR 250.000,00 - 350.000,00
LOTTO 333 – Alighiero Boetti, Il venticinquesimo giorno del terzo mese dell’anno millenovecentoottantotto, 1988. Ricamo su tessuto, cm 100,5×111,5. Stima: EUR 250.000,00 – 350.000,00

Prima di lasciarvi, diamo però anche un rapidissimo sguardo alla prima sessione (lotto 1-203) dell’asta di arte moderna e contemporanea che Cambi batterà a partire dalla ore 10. Tra i tanti lotti, infatti, mi piace segnalarvi la bella china su carta di Alberto Savinio, Minotauro del 1949, che inaugura la selezione con una stima di 4-6.000 euro. Mentre al lotto 110 troviamo una piccola tecnica mista su carta intelata di Phillip Martin, Les Gardiens (1959) offerta con una stima decisamente intrigante: 300-400 euro. E non mancano neanche ai lotti 135 e 136 due piccole carte di Gianfranco Baruchello. Fino ad arrivare un lavoro del 2001 di Jonathan Meese al lotto 188. Insomma, un’occhiatina a questo primo catalogo la darei se fossi in voi.

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Diario newyorkese 2.6: lo Storm King Art Center

Una passeggiata tra le sculture dello Storm King Art Center, un museo all’aperto fondato nel 1960 nella Hudson Valley che si estende su un territorio di 500 acri.

Balla, Burri e i tesori dell’arte italiana in asta dal Ponte

Tra le opere in catalogo anche tre carte provenienti dalla prestigiosa collezione Jucker di Milano. De Chirico, Morandi, Mirò, Modigliani, Accardi, Manzoni, Scheggi e Boetti tra i top lot.

Perché il mercato dell’arte non parla di conservazione?

Ma perchè, scorrendo i programmi delle principali fiere d'arte del mondo, non riusciamo a trovare sezioni dedicate al tema della conservazione?

Articoli correlati