22.4 C
Pesaro
martedì, Settembre 27, 2022

Da Parigi a Pechino: l’arte italiana on tour

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Se ne parla un po’ meno, specialmente dopo il tramonto delle celebri Italian Sales, ma l’arte italiana (dal XX secolo ai giorni nostri) continua ad attrarre ammiratori in tutto il mondo. Ne è una conferma la presenza di nostri artisti nei palinsesti delle principali gallerie di tutto il mondo e negli spazi istituzionali.

A Parigi, il veneziano Renato D’Agostin è protagonita negli spazi della galleria Bigaignon con la mostra Veni Etiam in cui svela un nuovo corpus di opere che si concentra sugli elementi fondanti della Serenissima, l’acqua e il legno, in un’installazione unica e potente fatta di stampe alla gelatina d’argento di grande formato, scultura, videoinstallazione e impronte in legno su carta.

Una vista della personale Veni Etiam di Renato D’Agostin alla parigina Bigaignon. Courtesy: Bigaignon

Sempre a Parigi troviamo anche Salvatore Arancio con We Have Always Been Here, allestita nella project room della galleria Semiose e che raccoglie i frutti di una sua recentissima residenza in Salento, a  Cutrofiano (Lecce), dove ha trascorso del tempo con i ceramisti locali in uno scambio personale e tecnico che ha portato alla creazione di cinque sculture.

Rimanendo nella capitale fracese, Arcangelo Sassolino è alla Galleria Continua con Forme et Temps in cui il visitatore si ritrova circondato dalle opere in mostra, qui raccolte per la prima volta nel nuovo spazio parigino della galleria in un dialogo inedito, confrontandosi con disagio e imprevedibilità. I materiali industriali o gli oggetti di uso quotidiano, che presi singolarmente non presenterebbero alcun pericolo, sono sottoposti a forze sapientemente calibrate dall’artista, diventando fonte di imprevedibilità e interrogazione.

A dodici anni dall’ultima retrospettiva dedicata all’opera di Mario Ceroli, Tornabuoni Art Paris presenta una mostra dedicata a questo grande artista del panorama artistico romano. La mostra esplora due temi centrali nell’opera dell’artista: la natura e l’antichità greco-romana.

Una vista della mostra su Mario Ceroli in corso da Tornabuoni Art Paris

Dal 10 settembre, al Kunst Museum Winterthur, in Svizzera, troviamo invece Monica Bonvicini con Hurricanes and Other Catastrophes. La mostra si concentra su un aspetto centrale del suo lavoro: il disegno. Dalla metà degli anni ’80 Bonvicini ha prodotto una vasta opera di disegni: schizzi, piani e progetti per opere scultoree, nonché disegni autonomi di grande formato come l’imponente serie Hurricanes and Other Catastrophes. Al Kunst Museum Winterthur questi disegni saranno presentati in dialogo con opere scultoree esistenti e nuove sculture in cemento.

Spostandoci in Belgio, a Bruxelles, terra d’adozione di molte nostre gallerie, si intitola Break la mostra che la Montoro 12 Gallery dedica a Serena Fineschi e Loredana Longo. La mostra è composta da una trentina di opere – molte realizzate appositamente per questo progetto – ed è distribuita su entrambi i piani della galleria.

Veduta di Break, con Serena Fineschi e Loredana Longo, a cura di Marina Dacci, Montoro12 Gallery, Bruxelles, dal 8 settembre al 30 ottobre 2022. Ph. Filip De Smet. Courtesy Montoro12 Gallery

Mentre dal 16 settembre Gianni Caravaggio approda a Berlino, presso Marie10 – progetto artistico temporaneo non commerciale avviato e curato da Kira Marina von Bismarck, Julian Heynen, Jörg Johnen e Brigitte Kölle – con Only the Heart Remains Young.

Sempre a Berlino, la Rolando Anselmi Galerie ospiterà a breve The Window Project, del siciliano Gianni Di Rosa e Moris’s (Israel Meza Moreno) nella sede di Berlino, ideato e creato come un nuovo format espositivo visibile dalla strada. Le opere dei due
artisti metteranno insieme diverse prospettive attorno al medium pittorico, affrontando rappresentazione, azione sociale e soggettiva, questioni urbane e collettive.

Installation view of the exhibition Gilardi: Tappeto-Natura at Magazzino Italian Art, Cold Spring, New York. Photos by Marco Anelli/Tommaso Sacconi.

Leonardo, Guercino, Preti, Procaccini e Giambattista Tiepolo sono, invece, tra i protagonisti della bellissima mostra Works on Paper: 1800 – 1950 da Colnaghi a Londra dove, a breve (dal 14 settembre), sarà possibile anche ammirare l’opera di Ketty La Rocca alla Amanda Wilkinson Gallery.

Dall’altra parte dell’Oceano Atlantico, invece, nella sede di New York di Robilant+Voena aprirà una mostra dedicata a Agostino Bonalumi di cui ancora non conosciamo i dettagli. Nei dintorni della Grande Mela, a Cold Spring, Magazzino Italian Art propone, invece, fino al 9 gennaio 2023, Gilardi: Tappeto-Natura che, attraverso un’ampia selezione di opere di rilievo, vuole raccontare e illuminare l’esperienza di un artista pioniere che, al culmine degli anni Sessanta, aprì un dialogo tra Italia e Stati Uniti e che resta impegnato a investire nella formazione di una comunità artistica internazionale che incarna il legame tra arte e vita.

Sarà dedicata a Bruno Munari, invece, la prossima mostra del Center for Italian Modern Art (CIMA) che aprirà il prossimo 6 ottobre: Bruno Munari: the Child Within che si concentrerà sulla produzione di libri per bambini del poliedrico artista milanese.

Una vista della mostra Futurist Universe, con opere della Fondazione Massimo e Sonia Cirulli, al Tsinghua University Art Museum di Pechino

Mentre, nel decennale della sua scomparsa, Nicola Simbari è tra gli artisti selezionati dalla Findlay Galleries di Chicago per la collettiva Figures: Now & Then che esplora l’evoluzione della figura nell’arte dal post-impressionismo ai giorni nostri.

Ha aperto da poche ore, infine, la mostra Futurist Universe. Selections from Fondazione Massimo e Sonia Cirulli Collection, presso lo Tsinghua University Art Museum di Pechino. Attraverso una straordinaria varietà di opere della collezione di Fondazione Cirulli, il percorso espositivo propone “ambientazioni” dedicate a tematiche care ai futuristi come la velocità, l’energia, il progresso, l’uomo meccanizzato e il design domestico, che si organizzano attorno a cinque unità strutturali principali: la sala della conquista dell’aria, il muro dei manifesti, le “costellazioni“ (7 unità tematiche) e le “orbite“ (4 aree monografiche dedicate a figure rilevanti del periodo futurista la cui produzione artistica è ben documentata nella Collezione Cirulli).

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

La casa della vita. Il collezionismo domestico di Mario Praz

In un libro del 1959, Mario Praz racconta la storia della sua casa di Via Giulia, della sua preziosa collezione domestica e di come i ricordi si confondano con gli oggetti.

Arte contemporanea come strumento di memoria storica e riparazione culturale

Quando l’arte propone la rappresentazione di un passato da insabbiare e di un presente ricostruito, per stimolare riflessioni che spingano a trovare nuovi modi di reinterpretare realtà e relazioni.

Boetti: “Mappa” da 8 milioni di dollari in asta da Sotheby’s

Il 16 novembre prossimo a New York, Sotheby's batterà una Mappa di dimensioni colossali con un aspettativa di oltre 8 miloni di dollari. La valutazione più alta per un’opera dell’artista

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai, ogni settimana, gratuitamente, contenuti esclusivi dedicati al collezionismo d’arte e consigli sulla conservazione delle opere, sugli aspetti legali, e su tutto ciò possa aiutarti a collezionare e conservare l’arte ed essere felice.

Sono un collezionista

You have Successfully Subscribed!