22.6 C
Pesaro
martedì, Agosto 16, 2022

Dino Zoli e l’impresa del collezionismo

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Amante della bellezza e collezionista da tutta la sua vita, anche prima di rendersene conto: questa la definizione che Dino Zoli, imprenditore di successo del settore tessile emiliano-romagnolo, mi ha dato di sé qualche mese fa durante una chiacchierata nella sede della sua Fondazione a Forlì.

Per chi ancora non conoscesse la collezione curata dalla Fondazione Dino Zoli, credo ci siano ben poche parole per descrivere l’ambizioso progetto che riflette in ogni sua opera il carisma di un imprenditore d’altri tempi.

Dai viaggi, dagli incontri, dai sogni di chi vuole mandare un messaggio preciso al territorio in cui si installa nasce la voglia di raccogliere opere d’arte, organizzare manifestazioni ed eventi importanti. Parola d’ordine: restituire cultura, bellezza a chi ha saputo accogliere la mia impresa in crescita.

Una sorta di casualità lungimirante e illuminata, tipica di chi ha un istinto imprenditoriale e capace di intuire le occasioni, Dino Zoli è diventato così il grande collezionista che è oggi. Nel suo racconto non mancano i confronti con gli amici che lo hanno consigliato e, soprattutto, la fiducia riposta negli artisti che hanno avuto la capacità di fargli vedere l’arte da un’altra prospettiva, sentimentale e distante dal mondo del business a cui era stato abituato durante tutta la sua vita.

Collezionare come ha fatto Dino Zoli nella sua intensa vita e carriera professionale credo sia l’obiettivo di molti dei lettori di Collezione da Tiffany. Dino Zoli pensa all’arte come uno strumento di comunicazione per parlare di come fare l’imprenditore dentro la società di appartenenza.

Allora forse vale la pena di fare come Dino, lasciare carta bianca a tutti gli artisti con cui ci si confronta, essere aperti a questo flusso creativo. Collaborare con gli artisti, scambiare idee e progetti. Se il risultato è quello che si può apprezzare tra le sale della Fondazione di Forlì, allora possiamo dire che è un gran successo.

Condividi
Tags

recenti

Collezionisti e valore dell’arte in Italia

Chi è, che profilo ha il collezionista italiano d'arte? Tentiamo di rispondere a questa domanda sfogliando il rapporto 2022 di Gallerie d'Italia che disegna, finalmente, uno scenario abbastanza puntuale e preciso del mondo del collezionismo italiano.

L’evoluzione fiscale in materia di NFT

Una chiacchierata con il dott. Marco Bodo, esperto di fiscalità dell’arte, sugli NFT, il fisco e i tributi.

Paesaggio romano con rovine

Una lettera di Raffaello (mai recapitata) a papa Leone X Medici, segna la rotta per la futura buona conservazione delle rovine antiche di Roma, inaugurando idealmente il secolo d'oro della città e ponendosi come nume della tutela moderna.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here