10.3 C
Pesaro
domenica, Novembre 27, 2022

Rising Star del contemporaneo: uno sguardo al mercato dei giovani artisti (parte uno)

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Il 2021 è stato un anno di grandi novità nelle aste del contemporaneo: dalla consolidazione del trend degli NFT, ormai inarrestabile, alle nuove ibridazioni tra aste dal vivo e in differita. In questo nuovo panorama del mercato, alcuni artisti giovani sono stati battuti alle aste a prezzi record e hanno modificato la percezione dei lotti del contemporaneo, affiancandosi ai grandi maestri con fatturati enormi. Diamo uno sguardo ai 10 giovani artisti contemporanei con maggiore fatturato nel 2021.

Nel trend delle crypto-opere, è impossibile non nominare l’artista dei record: Beeple (1981). In un mercato, quello degli NFT, che rappresenta il 3% delle transazioni globali, Christie’s ha venduto l’opera Everyday: The First 5000 Days (2021) a 69,3 milioni di dollari. La grande casa d’asta ha reso Beeple il terzo artista più ricco del mondo vivente, dopo Koons e Hockney. Con soli due lotti battuti, ha un fatturato annuo di 69.596.250 $, a soli 40 anni.

Entrato nel regno delle aste solo nel 2020, Matthew Wong (1984-2019), canadese di origini cinesi, si posiziona quest’anno al numero 46 nella classifica globale. Con un mercato caratterizzato da vendite solo negli USA e in Inghilterra, ottiene quest’anno un fatturato di 37,5 milioni di dollari con 32 opere vendute e lo 0% di invenduto. Il record d’asta di carriera è stato firmato a Novembre da Sotheby’s: Night Crossing (2018) è stato battuto a 4,8 milioni di dollari. Il suo figurativismo così malinconico ed essenziale, un po’ surreale e molto fiabesco, ha saputo conquistare i collezionisti americani e inglesi, portandolo in alto nelle classifiche globali.

Matthew Wong, Night Crossing (2018), venduto da Sotheby’s alla Now Evening Auction il 18 Novembre 2021 a 4,8 milioni di dollari

Troviamo al terzo posto uno dei crypto-artisti di cui abbiamo parlato nell’articolo sugli NFT: Larva Labs nasce nel 2005 dal connubio artistico di Matt Hall e John Watkinson e dal 2017 produce i Crypto-Punks, personaggi digitali unici, non replicabili. Ognuno di questi vanta una combinazione unica di caratteristiche distintive generate casualmente dal software ed appartiene a un utente specifico, registrato nella blockchain. Questi divertenti characters sono stati venduti da Christie’s a Maggio a 14.500.000 $. Nel 2021 i Larva Labs hanno raggiunto un fatturato di 29 milioni di dollari solo con la vendita di Crypto-Punks!

Ayako Rokkaku (1982) ottiene nel 2021 un fatturato di 13.179.714 $, con 144 opere battute in asta e solo il 4% di invenduto. Quest’anno l’ha consolidata come artista giovane affermata: il suo mercato ha avuto un’impennata del 35%. Oltre ad aver raggiunto il record di fatturato della sua carriera, ha anche battuto ulteriormente i suoi precedenti top lot con la vendita di Untitled Arp 07-013 (2007) a 5 milioni di dollari (di Hong-Kong), battuta a Novembre dalla grande asta congiunta di Poly e Phillips. Il suo mercato è in costante crescita dal 2018 e le sue vendite non vengono più realizzate solo in Asia, ma anche negli Stati Uniti e Inghilterra.

Amoako Boafo, Hands Up (2018) venduto da Chriestie’s a 22 milioni di dollari di Hong Kong a Dicembre

Il pittore ghanese Amoako Boafo (1984) è il giovane artista africano più ricco, con un fatturato nel 2021 di 11,5 milioni di dollari. Cavalcando l’onda del nuovo “Rinascimento Nero” e sostenuto dalla gallerista Marine Ibrahim, le sue opere sono entrate in asta solo nel 2020, con il 100% delle opere vendute. L’1 Dicembre Christie’s ha battuto il suo top lot di carriera, ottenendo 2.823.568 $ per Hands Up (2018), una splendida opera figurativa dove la protagonista è una giovane donna africana che emerge e si mescola allo sfondo giallo sole, caratterizzata da una pelle resa con le tipiche pennellate semi-trasparenti di Boafo in contrasto con la lucida trama dei vestiti.

NOTA PER I LETTORI: La seconda puntata sarà online a partire da giovedì 23 dicembre 2021

Deborah D'Agostino
Deborah D'Agostino
Nata a Milano nel 1995. Laureata in Scienze dei Beni Culturali e studentessa di Arte, Valorizzazione e Mercato a Milano. Da sempre, l’arte è il suo più grande amore e istinto naturale. Appassionata di mercato dell’arte e di aste, negli ultimi anni si dedica ad analisi di mercato di artisti e correnti artistiche diverse. Partecipa attivamente a diversi progetti di collaborazione con artisti emergenti e si dedica a svariate attività culturali.
Condividi
Tags

recenti

Diario newyorkese 2.6: lo Storm King Art Center

Una passeggiata tra le sculture dello Storm King Art Center, un museo all’aperto fondato nel 1960 nella Hudson Valley che si estende su un territorio di 500 acri.

Balla, Burri e i tesori dell’arte italiana in asta dal Ponte

Tra le opere in catalogo anche tre carte provenienti dalla prestigiosa collezione Jucker di Milano. De Chirico, Morandi, Mirò, Modigliani, Accardi, Manzoni, Scheggi e Boetti tra i top lot.

Perché il mercato dell’arte non parla di conservazione?

Ma perchè, scorrendo i programmi delle principali fiere d'arte del mondo, non riusciamo a trovare sezioni dedicate al tema della conservazione?

Articoli correlati