9.3 C
Pesaro
domenica, Novembre 27, 2022

New York: Giorgio Morandi infiamma l’asta online di Sotheby’s

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

New York. La prima Day Sale online di Impressionist & Modern Art Day Sale della storia di Sotheby’s si è conclusa, ieri pomeriggio, con un totale record per un’asta online di 9.9 milioni di euro. Altissima la partecipazione che ha visto collezionisti provenienti da oltre 30 paesi e ogni lotto (113 quelli in catalogo) conteso da una media di 3,5 offerenti.  Il 29% degli acquirenti, rende noto la casa d’aste, non aveva mai partecipato ad un’asta di Sotheby’s.

La vendita è stata guidata dalla Natura morta di Giorgio Morandi del 1951, che ha realizzato 1.6 milioni di dollari, il prezzo più alto per qualsiasi lotto venduto in una vendita online da Sotheby’s. Il precedente record era detenuto dal Premio Nobel per le scienze economiche di Friedrich von Hayek, venduto per 1.51 milioni nel 2019.

Stimata 1-1.5 milioni di dollari la Natura Morta protagonista di questa eccezionale asta si distingue per la bottiglia bianca di olio scanalata, forse il più riconoscibile e iconico di tutti i suoi soggetti. Tanto che appare già in alcuni dei suoi primi lavori della metà degli anni ’10. Morandi ha ripetutamente dipinto gli stessi oggetti nel corso di diversi decenni e questi “gruppi”, a chi conosce bene il suo lavoro, danno quasi la sensazione di riunioni di famiglia. La profonda influenza di Morandi sull’arte contemporanea è indiscutibile, compresa quella sul lavoro di Wayne Thiebaud, Agnes Martin, Philip Guston e Sean Scully, e si estende persino all’architetto contemporaneo Frank Gehry.

Nell’ultima settimana, Sotheby’s con le sue Online Day Sales di Contemporary Art (conclusasi il 14 maggio) e di Impressionist & Modern Art ha totalizzato complessivamente 23.6 milioni di dollari. Un fatturato importante per delle vendite online che portano il totale 2020 del commercio elettronico di Sotheby’s a oltre 110 milioni di questo 2020: 1.5 volte i risultati dell’intero 2019. Ma un totale decisamente contenuto se si pensa che, questo, tradizionalmente sarebbe stato un momento importante nel calendario del mercato dell’arte internazionale.

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Diario newyorkese 2.6: lo Storm King Art Center

Una passeggiata tra le sculture dello Storm King Art Center, un museo all’aperto fondato nel 1960 nella Hudson Valley che si estende su un territorio di 500 acri.

Balla, Burri e i tesori dell’arte italiana in asta dal Ponte

Tra le opere in catalogo anche tre carte provenienti dalla prestigiosa collezione Jucker di Milano. De Chirico, Morandi, Mirò, Modigliani, Accardi, Manzoni, Scheggi e Boetti tra i top lot.

Perché il mercato dell’arte non parla di conservazione?

Ma perchè, scorrendo i programmi delle principali fiere d'arte del mondo, non riusciamo a trovare sezioni dedicate al tema della conservazione?

Articoli correlati