29.8 C
Pesaro
martedì, Luglio 5, 2022

La circolazione delle opere d’arte: novità e criticità

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

In data 29 agosto 2017 è entrato in vigore l’art.1, commi 175 e 176 della Legge 4 agosto 2017 n.124 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza), il quale ha introdotto rilevanti modifiche al Codice dei Beni Culturali. Una riforma legislativa pensata per semplificare le procedure di controllo della circolazione internazionale dei beni culturali. Tra i cambiamenti più significativi introdotti con tale emendamento troviamo:

  • innalzatamento da cinquanta (50) a settanta (70) anni della soglia temporale oltre la quale è previsto l’obbligo di preventiva autorizzazione all’esportazione delle opere;
  • introduzione della c.d. soglia di valore o “minimum treshold”, ossia la soglia minima al di sotto della quale non è necessaria alcuna preventiva autorizzazione (attestato di libera circolazione e/o licenza di esportazione) per l’uscita definitiva dal territorio italiano delle opere;
  • autocertificazione come strumento idoneo a comprovare che il bene da esportare all’estero rientra tra le ipotesi per le quali non è richiesta la preventiva autorizzazione;
  • la creazione di un registro telematico del commercio di opere, antichità e cose usate.

La nuova disciplina normativa abbia consentito al nostro Paese di rinnovare un assetto normativo ormai obsoleto, adeguandosi alla disciplina comunitaria in materia, almeno in parte. Rimangono, a parere di chi scrive, evidenti criticità. Il presente articolo, oltre ad analizzare a fondo i termini della riforma, le mette in evidenza.

Per proseguire nella lettura, scarica gratuitamente il file .pdf cliccando qui sotto:

 

 

SOMMARIO: 1. Premessa. – 2. La riforma del Codice dei beni culturali del 2017. – 2.1 L’innalzamento della soglia temporale. – 2.2 Soglia di valore. – 2.3 Autocertificazione – 3. L’eccezione delle Cose eseguite tra 70 e 50 anni – 4. Registro in formato elettronico. – 5. Conclusioni.

Condividi
Tags

recenti

Dal ventre di Parigi. La tavolozza impressionista

Nel ventre di Parigi si sono succedute rivoluzione e controrivoluzione di tante cose, anche della pittura. La produzione di materiale per le Belle Arti ha per la prima volta un carattere semi industriale e sul mercato arrivano una gran quantità di nuovi pigmenti sintetizzati artificialmente.

20 artisti per 20 borghi: torna Una Boccata d’Arte

Al via in tutta Italia dal 25 giugno al 18 settembre 2022 la terza edizione di Una Boccata d’Arte, progetto che promuove installazioni, mostre e performance di 20 artisti in 20 borghi, uno per ogni regione, valorizzando l’incontro tra arte e patrimonio storico, artistico e paesaggistico.

La grande arte italiana del XX secolo in asta da Wannenes

Ultima "lettura catalogo" del primo semestre, tutta dedicata all'asta di arte moderna e contemporanea che Wannenes batterà il 5 luglio prossimo nella sua sede milanese d Palazzo Recalcati.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here