2.8 C
Pesaro
martedì, Gennaio 25, 2022

La circolazione delle opere d’arte: novità e criticità

del

In data 29 agosto 2017 è entrato in vigore l’art.1, commi 175 e 176 della Legge 4 agosto 2017 n.124 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza), il quale ha introdotto rilevanti modifiche al Codice dei Beni Culturali. Una riforma legislativa pensata per semplificare le procedure di controllo della circolazione internazionale dei beni culturali. Tra i cambiamenti più significativi introdotti con tale emendamento troviamo:

  • innalzatamento da cinquanta (50) a settanta (70) anni della soglia temporale oltre la quale è previsto l’obbligo di preventiva autorizzazione all’esportazione delle opere;
  • introduzione della c.d. soglia di valore o “minimum treshold”, ossia la soglia minima al di sotto della quale non è necessaria alcuna preventiva autorizzazione (attestato di libera circolazione e/o licenza di esportazione) per l’uscita definitiva dal territorio italiano delle opere;
  • autocertificazione come strumento idoneo a comprovare che il bene da esportare all’estero rientra tra le ipotesi per le quali non è richiesta la preventiva autorizzazione;
  • la creazione di un registro telematico del commercio di opere, antichità e cose usate.

La nuova disciplina normativa abbia consentito al nostro Paese di rinnovare un assetto normativo ormai obsoleto, adeguandosi alla disciplina comunitaria in materia, almeno in parte. Rimangono, a parere di chi scrive, evidenti criticità. Il presente articolo, oltre ad analizzare a fondo i termini della riforma, le mette in evidenza.

Per proseguire nella lettura, scarica gratuitamente il file .pdf cliccando qui sotto:

 

 

SOMMARIO: 1. Premessa. – 2. La riforma del Codice dei beni culturali del 2017. – 2.1 L’innalzamento della soglia temporale. – 2.2 Soglia di valore. – 2.3 Autocertificazione – 3. L’eccezione delle Cose eseguite tra 70 e 50 anni – 4. Registro in formato elettronico. – 5. Conclusioni.

Condividi
Tags

recenti

A cosa serve una mostra (pt.2). Raccomandazioni conservative per prestare in sicurezza la tua collezione

Il prestito delle opere d’arte per mostre di un certo spessore dona lustro alla propria collezione. Ma come fare a prestare in totale sicurezza e con la garanzia che ciò che parte tornerà nelle stesse condizioni? Alcuni passaggi a cui fare attenzione e alcuni strumenti di cui avvalersi per prestare in serenità.

“Il collezionismo è anche istinto”: intervista a Lorenzo Perini Natali

La sua raccolta è in continua espansione e sogna un giorno di poterla condividere con il pubblico.

Arte Fiera, le nuove date: 13-15 maggio 2022

Arte Fiera ha annunciato, questa mattina, le nuove date della sua quarantacinquesima edizione

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here