19.4 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

La collezione Gori e la passione per l’arte ambientale

del

Mi piace particolarmente raccontare di questa collezione oggi. Mentre scrivo, si sentono i primi giorni invernali di una stagione finalmente fredda che quest’anno sembrava non voler arrivare. Mi piace perché mi ricorda le ore trascorse nelle vicinanze di Pistoia, quest’estate. Una giornata calda e umida, aveva appena smesso di piovere, e che per me ha significato scoprire una grande collezione italiana ideata, fatta crescere e oggi custodita da una famiglia appassionata e con una storia speciale da raccontare.

È bastato salire su una golf-car per farmi guidare da Caterina tra le stradine dell’immenso parco della Collezione Gori, pieno di installazioni di arte ambientale, per risalire alle vicende della tenuta storica acquistata dal papà Giuliano nel 1970 e per farmi raccontare di come da quel momento, quel parco abbia cominciato ad essere frequentato da artisti che –  mangiando le specialità toscane – cominciarono a produrre e a creare opere site specific, con materiali del posto che non si sarebbero mai più spostate da quei prati.

Da Roberto Morris a Loris Cecchini, da Beverly Pepper a Sandro Veronesi. Una lista lunga di artisti, che conta oggi ben 80 opere. Una passione collezionistica quella che caratterizza Giuliano Gori e che dura da quasi un secolo e che ha quindi caratterizzato l’intera sua vita.

Non gli è bastato collezionarle. Voleva (aggiungo, giustamente) far conoscere il suo grande progetto. Dal 1982, da più di quarant’anni il parco è visitabile gratuitamente. E dal 1999, da quindi più di vent’anni le opere che possono essere movimentate e tutto il materiale documentario utile a descriverle fanno parte di una mostra itinerante – la possiamo chiamare così – che ha viaggiato dal Giappone, alla Spagna fino alla Francia.

Forse proprio per questa capacità di guardare un po’ oltre i normali confini del visivo, fin da subito Giuliano si accorse che non bastava raccogliere opere e metterle insieme. Bisognava prendersene cura, manutenerle con un occhio specialistico. E non riuscendo a soddisfare questa esigenza in autonomia, dal 2013 decise di aprire la collezione a istituti specializzati di alta formazione che potessero approfondire con lui il tema. Così l’Opificio delle Pietre Dure e il Politecnico di Torino sono diventati main partner e supporter all’attività conservativa e manutentiva di tutte le opere presenti nel parco.

Ma la collezione non è solo un insieme di opere – per quanto innovative e strabilianti. Ogni due anni, all’interno del parco un artista affianca un poeta e provano a dialogare, a produrre quella che Caterina definisce poesia ambientale.

Che dire di altro? Ascoltare Caterina raccontare del parco fa venire una gran voglia di aspettare l’estate per vivere quegli spazi verdi, per scoprirli. E sperare che nessuna catastrofe ambientale possa mai anche solo danneggiare questa collezione capolavoro.

Gino Fienga
Gino Fienga
Editore @ con-fine + Collezione da Tiffany | CEO and founder @ arturo | startupper | collezionista per caso

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Milano Art Week: la grande abbuffata

Assortimento misto per tutti i palati: serve ordine. La settimana dell’arte è ancora una volta protagonista della primavera meneghina, consueto antipasto di Biennale di...

No Time, No Space: Miart 2024 apre le porte all’arte a Milano

Ieri sera si è inaugurata la 28esima edizione di miart, orchestrata magistralmente per il quarto anno da Nicola Ricciardi, si è inaugurata a Milano...

MIA Photo Fair 2024: scopri il cambiamento nella fotografia d’arte

Dal 11 al 14 aprile 2024, si terrà la tredicesima edizione di MIA Photo Fair nella nuova sede di Allianz Mi.Co, in concomitanza con Miart. Il...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!