6.2 C
Pesaro
giovedì, Gennaio 27, 2022

Gallerie: nuovo spazio a Bruxelles per Anna Marra

del

The Little Thing That Counts, è questo il titolo della mostra con cui la Galleria Anna Marra ha inaugurato, il 15 dicembre scorso, il suo nuovo spazio al numero 41 di rue Locquenghein a Bruxelles, aperto in partnership con la britannica Gallery Nosco di Marsiglia.

La MARRA\NOSCO Gallery, questo il nome della nuova galleria, si aggiunge agli altri spazi già gestiti all’estero da
i due soci fondatori. In questo modo, la loro partnership migliorerà ed amplierà i focus delle due gallerie caratterizzate da una programmazione artistica altamente complementare e multidisciplinare.

Installation View, The Little Thing That Counts, MARRA/NOSCO, Brussels, 2021© Bite-and-Sting 2021. Courtesy: MARRA/NOSCO

Il nuovo spazio sarà un luogo in cui creare dialoghi tra artisti di diverse generazioni e continenti, oltre che per segnalare promettenti artisti emergenti sulla scena internazionale.

Questa, peraltro, non è la prima collaborazione tra la Galleria Anna Marra e la Gallery Nosco. Già a marzo 2021, in un momento in cui il mondo dell’arte si era fermato, dando la priorità alle digital viewing rooms e alle mostre virtuali, entrambe le gallerie avevano collaborato con la galleria Montoro12 Contemporary Art per aprire, sempre a Bruxelles, uno spazio curatoriale chiamato Bubble’n’Squeak.

Si trattava di un progetto curatoriale temporaneo, creato a suo tempo con l’obiettivo di supportare gli artisti internazionali giovani e mid career così da garantire loro visibilità attraverso mostre e fiere d’arte selezionate e che, durante il periodo di attività, ha esposto 40 artisti internazionli e organizzato 4 mostre.

Installation View, The Little Thing That Counts, MARRA/NOSCO, Brussels, 2021© Bite-and-Sting 2021. Courtesy: MARRA/NOSCO

L’eredità di questo progetto prosegue, adesso, almeno idealmente, la primo piano dell’affascinante edificio storico posto nel cuore del quartiere di Santa Caterina, dove la neonata MARRA\NOSCO Gallery ha sede e dove, fino al 29 gennaio sarà possibile visitare la mostra collettiva inaugurale: The Little Thing That Counts, appunto.

Una mostra-manifesto che, attraverso le opere di Andreea Albani, Norbert Filep, Carlos Martiel, José Carlos Martinat, José Luis Martinat, Nunzio, Radu Oreian, Andrew Orloski, Perino & Vele e Túlio Pinto, ci dà un gustoso assaggio di quello che la galleria ha intenzione di realizzare.

Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Nuovi stanziamenti per la cultura nel Decreto Sostegni Ter

Per fronteggiare la quarta ondata dell’emergenza Covid, il Governo è intervenuto nuovamente al fine di sostenere le attività economiche più duramente colpite.

Arte Contemporanea e Fotografia: calendario aste italiane (1° semestre 2022)

Online il calendario (in progress) delle aste di arte moderna e contemporanea che si terranno in Italia nel primo semestre 2022.

A cosa serve una mostra (pt.2). Raccomandazioni conservative per prestare in sicurezza la tua collezione

Il prestito delle opere d’arte per mostre di un certo spessore dona lustro alla propria collezione. Ma come fare a prestare in totale sicurezza e con la garanzia che ciò che parte tornerà nelle stesse condizioni? Alcuni passaggi a cui fare attenzione e alcuni strumenti di cui avvalersi per prestare in serenità.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here