26.7 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

Massimiliano Pelletti a Milano: i modelli contemporanei che reinterpretano la classicità

del

Si è inaugurata a Milano presso lo Spazio Ersel lo scorso 15 maggio la mostra personale di Massimiliano Pelletti KOSMOS e KAOS. L’origine e la Meta, a cura di Barbara Paci e Cesare Biasini Selvaggi. La mostra è presentata da Ersel in collaborazione con la Galleria Barbara Paci di Pietrasanta.

Massimiliano Pelletti è un’artista toscano classe 1975 che lavora con la scultura sulla reinterpretazione di modelli classici, realizzando opere che evocano in modo molto diretto temi e immagini tratti dalla storia e dalla mitologia. Il rapporto con l’immaginario collettivo si sviluppa, nel suo lavoro, in opere che lavorano sulla riconoscibilità di stilemi e figure ricorrenti nella storia dell’arte, su cui però vengono operate alcune trasformazioni, in un continuo rimando tra passato e futuro.

Massimiliano Pelletti, Kosmos e Kaos L’origine è la meta, installation view, ph. Riccardo Andreello, Courtesy Spazio Ersel e Galleria Barbara Paci, Pietrasanta.

Tecniche antiche si mescolano, così, a visioni più recenti e attuali. In alcune occasioni la mescolanza tra attualità e storia avviene al livello delle metodologie di lavoro utilizzate, come accade nel caso della scultura Towards you, dove gli occhi del soggetto sono realizzati ricorrendo ad un’antica tecnica che fonde insieme alchemicamente oro e vetro.

Lungo il percorso espositivo, e più in generale addentrandoci nella ricerca artistica di Pelletti, entriamo in un territorio teso tra archetipi di stampo junghiano e Pathosformel alla Aby Warburg.

In tal modo, la tradizione più antica e profonda, che affonda le sue radici nell’inconscio collettivo oltre che nella storia dell’arte, si incontra con la moderna ricerca in ambito artistico, mentre le tecniche più innovative nella scultura, si alternano alla ripresa di metodi di epoche lontane. Analogamente, i materiali sono vari e composti, andando dal quarzo all’onice e ad altre pietre di diversa sostanza e spessore, fino ad arrivare al più classico marmo.

Massimiliano Pelletti, Kosmos e Kaos L’origine è la meta, installation view, ph. Riccardo Andreello, Courtesy Spazio Ersel e Galleria Barbara Paci, Pietrasanta.

Si configura, così, un dialogo tra contemporaneità e tradizione che dà vita a opere uniche con un loro fascino tutto particolare.

L’opera, che a prima vista si confonde con una sorta di proprio alter ego – traccia che viene dal passato, rivela, ad uno sguardo più attento, un’identità completamente diversa e attuale. Da tutto ciò scaturisce una ricerca sottile eppure vivace, che imprime al risultato finale ogni volta le vestigia di una personalità completamente nuova, rispondente ai canoni della nostra epoca.

L’insieme gioca sul ritmo tra immagini e forme a cui siamo storicamente abituati e interventi spiazzanti, dettagli più o meno evidenti, non sempre immediati da cogliere, eppure decisivi.

Massimiliano Pelletti, Kosmos e Kaos L’origine è la meta, installation view, ph. Riccardo Andreello, Courtesy Spazio Ersel e Galleria Barbara Paci, Pietrasanta.

Il passato appare inquieto, si mescola in un gioco di assemblaggio e montaggio, in un tourbillon di strati sovrapposti; e in tal modo si trasfigura, rendendo conto al contempo di memorie condivise, sebbene completamente trasformate, e sguardi lanciati verso un futuro che appare non proprio rassicurante, cui non è estraneo un elemento freudianamente unheimlich.

Tuttavia, in queste opere, è da notare come il passato e la storia non si presentano qui tanto in momenti evocativi alla Proust, che sorgono spontaneamente evocando mondi e memorie personali, quanto per sovrapposizione e stratificazione. Insieme alle Pathosformeln di Warburg, viene perciò in mente il concetto di storia degli effetti coniato dal filosofo tedesco Hans Georg Gadamer negli anni sessanta del Novecento, uno dei padri della filosofia ermeneutica.

Massimiliano Pelletti, Kosmos e Kaos L’origine è la meta, installation view, ph. Riccardo Andreello, Courtesy Spazio Ersel e Galleria Barbara Paci, Pietrasanta.

Nel lavoro di Pelletti, ovunque, i riferimenti storici e filosofici abbondano, così come le possibilità di interpretazioni sono varie e spaziano in molteplici direzioni. È un meccanismo concettuale in cui futuro, passato e presente reagiscono quasi chimicamente l’uno con l’altro, dando vita a immagini e figure solo apparentemente riconoscibili, in un gioco di trasformazioni e influenze reciproche per nulla innocente e innocuo.

Maria Cristina Strati
Maria Cristina Strati
Maria Cristina Strati vive e lavora a Torino. Studiosa indipendente di filosofia, è critica e curatrice di arte contemporanea, nonché autrice di libri, saggi e racconti. Convinta che davvero l’arte sia tutta contemporanea, si interessa al rapporto tra arte, filosofia e quelli che una volta si chiamavano cultural studies, con una particolare attenzione alla fotografia.

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Memorie di un collezionista

"Le cose che più desideriamo, e poi acquistiamo, finiscono sempre per scivolarci dalle mani" scrive nel suo libro Pierre Le-Tan, pittore e illustratore anche per il New Yorker, forse...

Un’estate tra festival d’arte e mostre

Il mondo dell'arte non si ferma mai. Neanche d'estate, quando la bella stagione dà l'opportunità di alternare mostre in galleria ad eventi all'aria aperta dedicati all'arte contemporanea.

Imperdibile asta di arte moderna e contemporanea di Cambi

Domani, mercoledì 3 luglio, alle ore 15.00, Milano sarà il palcoscenico di un evento straordinario: l'asta di arte moderna e contemporanea organizzata dalla prestigiosa...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!