1.6 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

Mercato: da Bologna primi segnali positivi

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

I riflettori su ArteFiera e SetUp si sono appena spenti ed è tempo di bilanci. Stando alle dichiarazioni ufficiali, il 2014 sembra essersi aperto nel modo migliore per il mercato italiano di [glossary_exclude]Arte Moderna[/glossary_exclude] e Contemporanea. E già dall’inaugurazione delle due fiere, sulla stampa sono rimbalzate le notizie di vendite importanti, anche a sei zero. I numeri, d’altronde, parlano chiaro: solo ad Arte Fiera sono stati oltre 3600 i collezionisti presenti e, nel loro complesso, i visitatori hanno sfiorato quota 50mila, il 15% in più rispetto alla scorsa [glossary_exclude]edizione[/glossary_exclude].

«Il riscontro è assolutamente positivo – ha commentato Annamaria Gambuzzi, presidente dell’Associazione Nazionale delle gallerie d’[glossary_exclude]arte moderna[/glossary_exclude] e contemporanea, nella conferenza stampa di chiusura di Arte Fiera –. E’ tornato un clima favorevole che si era un poco perso a causa della situazione di crisi generale. Questi giorni sono stati un continuo bagno di folla e di collezionisti che hanno lavorato bene. Ho raccolto impressioni molto positive da parte dei galleristi. Il bello di Arte Fiera sta proprio nel sapere offrire proposte consolidate assieme alle giovani esperienze». Tante le vendite concluse, ma nei giorni di fiera si sono creati anche molti “contatti utili” da concretizzare, con la giusta calma, tra le pareti della galleria o in casa dell’acquirente. Particolarmente coinvolto, da una prima [glossary_exclude]stima[/glossary_exclude], il periodo dal secondo dopoguerra agli anni ’70.

Ovviamente non mancano le voci contrastanti di chi, a fronte di tanto pubblico, avrebbe voluto più “bollini rossi” sotto le proprie opere, ma si sa: la fiera nasce come momento commerciale, ma è anche un evento mondano, che attira tanti curiosi e appassionati. Nel suo complesso, comunque, il pubblico ha gradito l’alta qualità dell’offerta e ha comprato oltre le aspettative. E questo è quello che conta.

Il buon andamento delle vendite bolognesi sembra confermare, peraltro, uno dei trend messi in evidenza dal Rapporto 2013 dell’Ossevatorio Nomisma-LUM sul mercato dei beni artistici che registra, in Italia, un netto cambiamento del processo di intermediazione dell’arte, con le Gallerie che diventano il principale canale di vendita, coprendo il 58.8% delle transazioni, e le Case d’Asta che rappresentano, invece, il 36.4%. Un cambiamento confermato, indirettamente, anche dal Rapporto 2012-2013 della francese Art Price dove l’Italia non compare più tra le prime 10 piazze internazionali delle vendite all’asta che, nel 2013, sono calate di oltre il 14%, complice la crisi, ma anche una riduzione drastica degli appuntamenti operata dai principali operatori (Christie’s e Sotheby’s).

La Top 10 del mercato delle aste di arte contemporanea: a sinistra la situazione 2011-2012 e a destra quella del 2012-2013 dove l'Italia è sparita (Fonte: ArtPrice)
La Top 10 del mercato delle aste di arte contemporanea: a sinistra la situazione 2011-2012 e a destra quella del 2012-2013 dove l’Italia è sparita (Fonte: ArtPrice)

Detto questo, speriamo che, alla luce del dato bolognese, per il nostro mercato dell’arte valga il detto “chi ben comincia è a metà dell’opera”, perché il 2013 non è stato certo un anno esaltante, con performance nettamente inferiori rispetto a quelle registrare a livello internazionale e un giro d’affari in calo, tanto che, ormai, quell’1% di quote di mercato che il rapporto TEFAF attribuisce da tempo all’Italia, è da ritenersi storia passata. Forse un atto di cortesia per non gettare il nostro Paese nel calderone degli “altri”.

Qualcosa, comunque, si sta muovendo. E se i dati 2013 ci dicono che l’antiquariato soffre e l’Ottocento “galleggia”, va anche rilevato che il segmento [glossary_exclude]Arte Moderna [/glossary_exclude]e Contemporanea ha avuto un andamento positivo rispetto al secondo semestre del 2012 e che le aspettative per l’inizio del 2014 sono di un ulteriore miglioramento.

Da qualunque punto di vista lo si guardi, però, il nostro mercato rimane debole e questo, spiegano dall’Osservatorio Nomisma-LUM, è dovuto principalmente alla sua stessa struttura, caratterizzata «da scambi molto concentrati sulle opere e gli artisti di valore più basso rispetto agli standard dei principali mercati mondiali» e da una domanda (collezionisti) che «sembra privilegiare gli acquisti sulle piazze straniere anche per le condizioni più favorevoli dal punto di vista normativo e fiscale».

In questo, almeno a livello psicologico, il recente incremento dell’Iva, salita al 22%, certo non ha aiutato, anche se va precisato, alla luce della stabilità dei prezzi che ha caratterizzato il 2013, che molto probabilmente l’aumento è stato assorbito direttamente dagli operatori, come avvenuto in altri settori economici, con l’obiettivo di non aumentare i prezzi in un momento di domanda debole.

Un altro fattore che, con molta probabilità, ha influito sul calo delle transazioni è la “tracciabilità”. Come spiegano dall’Osservatorio, infatti, se questa ha «certamente ridotto la quota del mercato sommerso, ha tuttavia anche diminuito le possibilità operative dei commercianti d’arte impedendo operazioni, pur fiscalmente corrette, che tradizionalmente avvenivano con accordi verbali, fondati sulla fiducia reciproca e sulla stretta di mano. Si è quindi limitato il sommerso, ma si è anche limitata l’operatività. Almeno fintantoché le transazioni e gli accordi non scritti sono frequenti nel mercato».

A tutto questo va aggiunta, ovviamente, una crisi economica di cui si stenta a vedere la fine e che, inevitabilmente, ha riflessi su un mercato dell’arte, quello italiano, in cui predomina la figura del piccolo collezionista (acquisti fino a 20mila euro), segmento che negli ultimi anni ha fatto registrare un calo del -2% solo parzialmente colmato dal +0.8% del collezionismo di fascia medio-bassa e dalla crescita, ancor più contenuta, di quello di fascia alta.

Il numero degli scambi d'arte in Italia per classe di spesa (Fonte: Nomisma-LUM)
Il numero degli scambi d’arte in Italia per classe di spesa (Fonte: Nomisma-LUM)

E il 2014? Le aspettative degli operatori sembrano essere positive o, quantomeno, orientate verso la stabilità. In particolare la maggioranza degli operatori del segmento [glossary_exclude]Arte Moderna[/glossary_exclude] e Contemporanea intervistati dal gruppo di lavoro Nomisma-LUM, ha parlato di un 2014 all’insegna della stabilità dei prezzi con la possibilità anche di qualche lieve incremento per le opere contemporanee. Meno ottimistiche le previsioni per il giro d’affari, che la maggior parte degli operatori si aspetta in leggera flessione.

Interessante, infine, dare uno sguardo alla classifica del dieci artisti più venduti nel nostro Paese. Una top 10 che ci mostra un mercato italiano dai “gusti” non dissimili dal quello internazionale e fondato «sul meccanismo delle superstar che concentra vendite e reddito in pochi artisti famosi in tutto il mondo»:

I dieci artisti più venduti (fatturato) in galleria e casa d'asta, quote di mercato 2013. (Fonte: Nomisma-LUM)
I 10 artisti più venduti (fatturato) in galleria e casa d’asta, quote di mercato 2013. (Fonte: Nomisma-LUM)

 © [glossary_exclude]Riproduzione[/glossary_exclude] riservata

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

“Le aste di beneficienza, e non più le donazione, sono il nuovo modello per i miliardari per compensare le tasse?” – The Art Newspaper,...

La proprietà di Paul Allen ha promesso i proventi della vendita di Christie'sda 1,6 miliardi di dollari a cause filantropiche senza nome, mentre il fondatore di FTX Sam Bankman-Friedaveva vagamente promesso di donare la sua fortuna… Si diffondono sempre più piani filantropici spesso molto vaghi, e le case d’asta non sono trasparenti

La conservazione al primo posto. Ecco la nuova Galleria Nazionale dell’Umbria.

Come fa un grande Museo a parlare di conservazione? Come è possibile far dialogare le necessità conservative e quelle estetica di un nuovo allestimento? Lo abbiamo chiesto a Daniele Costantini, funzionario della GNU.

“Il dipinto di Munch ‘Dance on the Beach’ è stato nascosto ai nazisti in una foresta norvegese. Andrà all’asta per la prima volta dagli...

Smithsonian Magazine, di Molly Enking 23 Gennaio 2023 “Dopo aver resistito alla seconda guerra mondiale in un fienile nascosto in una foresta norvegese, un monumentale...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai, ogni settimana, gratuitamente, contenuti esclusivi dedicati al collezionismo d’arte e consigli sulla conservazione delle opere, sugli aspetti legali, e su tutto ciò possa aiutarti a collezionare e conservare l’arte ed essere felice.

Sono un collezionista

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!