20.5 C
Pesaro
venerdì, Ottobre 7, 2022

Londra: nuovo record per Aldo Mondino nella day sale di Christie’s

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Dopo Maria Lai e Leoncillo, tocca ad Aldo Mondino rinnovare il proprio record d’asta. E lo fa con un esemplare datato 1989 dei suoi celebri Tappeti Stesi. Lotto di chiusura di un’ampia selezione di opere italiane inserite da Christie’s nella sua Post War and Contemporary Art Day Auction di oggi, il lavoro dell’artista torinese scomparso nel 2005 – di cui quest’anno, peraltro,  ricorre il settantesimo anniversario della nascita – era presentato in catalogo con una stima di 30-50.000 £ ed è stato aggiudicato pochi minuti fa per 55.000 £ di hammer price.

Soggetto su cui Mondino ha lavorato nella fase tarda della sua carriera i Tappeti Stesi sono  pitture-oggetto sovrapposte in composizioni a parete, con colori vivaci e realizzati su eraclite, un materiale industriale utilizzato nell’edilizia. Non a caso si parla di “orientalismo” in questo ciclo di opere dell’artista torinese. La sua visione dell’Oriente non è nostalgica ma divertita e affascinata e gli permette di superare quei confini, seppur labili nel suo caso in quanto ad apertura mentale, che l’uomo occidentale convinto della propria supremazia culturale si autoimpone.  E’ anche un periodo in cui assistiamo a una curiosa proposta di sincretismo religioso, dettato, più che da un autentico richiamo spirituale, da una straordinaria curiosità intellettuale.

LOT 343 - Aldo Mondino, Tappeti stesi, 1989. Aggiudicato per un prezzo di martello di 55.000 £ (68.750 £ con il Buyer's Premium), questo lavoro ha realizzato il nuovo record d'asta per l'artista torinese.
LOT 343 – Aldo Mondino, Tappeti stesi, 1989. Aggiudicato per un prezzo di martello di 55.000 £ (68.750 £ con il Buyer’s Premium), questo lavoro ha realizzato il nuovo record d’asta per l’artista torinese. Courtesy: Christie’s

Tappeti Stesi, assieme alle Quadrettature, sono probabilmente tra le opere più note e apprezzate di Mondino. Lavori che, come si legge nel Catalogo Ragionato dell’artista, «trasformano l’ambiente in uno spettacolare souk marocchino e sono uno dei cicli di pitture-oggetto più conosciuti di Mondino, iniziato negli anni ‘80 e portato avanti no alla ne del decennio successivo.

I viaggi in Oriente sono sempre stati una grande fonte d’ispirazione per Mondino, sia per i soggetti sia per la sperimentazione di nuovi materiali. In un bazaar di Tangeri l’artista trova per terra un pezzo di eraclite – un tamburato industriale – che con i suoi “occhi da miope” scambia per un vecchio tappeto. Come spesso gli capita, è proprio da quel difetto della vista, a cui tiene moltissimo in quanto modifica leggermente la percezione della realtà, che nasce l’idea stupefacente di dipingere tappeti su un semplice truciolato.

Come in un Trompe-l’oeil Mondino cambia il modo di vedere le cose e la loro funzione e così, usando questo materiale, ci trasmette la sua visione della realtà in cui l’immagine è multipla, paradossale e ingannevole. La trama dell’eraclite, povera e grezza, diventa la strabiliante simulazione di un nobile tappeto orientale».

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Postilla alla Biennale dell’antiquariato di Firenze. Impressioni di una domenica di ottobre

Viaggio tra le sale di Palazzo Corsini al Parione, in cui si è tenuta la trentaduesima Biennale Internazionale dell’Antiquariato, evento che richiama attorno a sé i maggiori collezionisti antiquari italiani.

Il potere distruttivo delle fondazioni

Un acquerello di Marc Chagal venduto nel 1994 e oggi ritenuto falso rischia di essere distrutto dallo Chagall Commitee. Ma una Fondazione può veramente distruggere un'opera perchè ritenuta non autentica?

Scars – towards ourselves: intervista a Giovanni Ozzola

L’idea di questa intervista nasce dall’opera presentata da Giovanni Ozzola (Firenze, 1982) quest’anno all’Arsenale di Venezia. Un'occasione per approfondire un percorso artistico denso, pieno di sfumature e ricchissimo di senso.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai, ogni settimana, gratuitamente, contenuti esclusivi dedicati al collezionismo d’arte e consigli sulla conservazione delle opere, sugli aspetti legali, e su tutto ciò possa aiutarti a collezionare e conservare l’arte ed essere felice.

Sono un collezionista

You have Successfully Subscribed!