7.8 C
Pesaro
giovedì, Dicembre 1, 2022

Londra: serata da 96 milioni per Sotheby’s

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Al successo dell’asta serale di Christie’s di giovedì, risponde Sotheby’s con le sue Now e Contemporary Evening Auctions di ieri sera che hanno totalizzato, complessivamente, oltre 96 milioni di sterline. Un fatturato così alto durante la Frieze Week, non si vedeva in casa Sotheby’s dal 2015.

Ancora una volta, protagoniste della serata sono state opere cosiddette “fresh to the market” e, quindi, o al loro debutto in asta o che tornavano sul mercato dopo molto tempo. Tantissime quelle offerte da Sotheby’s, pari al 90% del catalogo, e questo ha reso la serata in New Bond Street particolarmente “frizzante”, tanto che durante la vendita sono stati realizzati cinque nuovi record per Frank Auerbach , Caroline Walker , Julien Nguyen e Kiki Kogelnik.

Ad inaugurare la serata londinese di Sotheby’s, la Now Evening Auction con l’atmosfera che si è subito surriscaldata per la vendita di Kye, Semper Solus (2018) di Julien Nguyen, conteso tra 14 offerenti e venduto per 453.600 £, cifra che ha stabilito il nuovo primato dell’artista.

Nuovo successo per la giovane Flora Yukhnovich, il cui Nobody Puts Baby in the Corner ha totalizzato 1.608.000 £. Mentre con il lotto 5, arriva il secondo record della serata stabilito con Untitled (2006) di Charline von Heyl, che un acquirente si è assicurato per 478.800 £.

Verso la fine del catalogo, l’asta Now ha poi riservato al pubblico l’emozione di un ulteriore nuovo record, questa volta stabilito dalla scozzese Caroline Walker con l’opera Indoor Outdoor, passata di mano per 529.200 £, dopo una accesa battaglia tra 13 offerenti. L’asta si è chiusa con totale di 11.385.200 £.

LOTTO 16 – Caroline Walker, Indoor Outdoor, 2015. Oil on linen, 200×160 cm.

Giusto il tempo di una rapida pausa e la Now Auction lascia il passo all’attesissima Contemporary Evening Auction, guidata dall’abile Oliver Barker e che si è conclusa con un fatturato di 85.743.450 £.

Ancora una volta le vendite partono a ritmo frenetico con il primo lotto in catalogo, Beautiful Not Realistic di Cecily Brown, che vola a 1.487.000 £. Mentre col secondo, Siemper Port Tio di Kiki Kogelnik, venduto a 207.900 £, arriva il primo record. Molto bene va anche Bridget Riley con Summer Shades, che raggiunge le 1.063.000 £, ben oltre la stima massima.

Rispetta le attese il leggendario primo lavoro astratto di Gerhard Richter, 192 Farben (1966), battuto a £ 18.287.800, e così fa anche Big Landscape (Medium) di David Hockney che, al lotto 108, passa di mano per 4.149.000 £.

Ottima performance per Frank Auerbach che ha raggiunto un nuovo magnifico record personale con la vendita, per
5.648.800 £, di Head of JYM, opera eseguita a metà degli anni ’80 e che rappresenta l’apice assoluto della sua carriera. Un po’ deludente è stata, invece, la vendita dell’attesissimo Three Studies for Portrait of Henrietta Moraes di Francis Bacon – il primo lavoro in cui compare il nome della storica musa dell’artista – che è stato aggiudicato per 24.300.000 £, un po’ troppo lontanino dalle aspettative che lo stimavano oltre i 30 milioni di sterline.

LOTTO 111 – Frank Auerbach, Head of J.Y.M., 1984-85. Oil on canvas, 66×61 cm

Ma tra i risultati degni di nota sono da segnalare anche quelli ottenuti da Louise Bourgeois con Listening One, venduto per 2.334.000 £, contro una stima massima di 1.800.000 £, e Yayoi Kusama il cui Infinity-Nets (QOTP) è passato di mano per 3.423.000 £. Due risultati che ancora una volta confermano l’ottimo momento di mercato per le opera a firma di artiste.

Infine, tra i risultati migliori della serata si segnala la vendita, per 1.033.250 £ di The Floating Sink, lavoro di Robert Gober in catalogo con una valutazione di 650-850.000 £.

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Aste: record per Carla Accardi da Dorotheum

Con Animale immaginario (1988) l'artista infrange, per la prima volta, il tetto dei 300.000 euro e conferma l'ottimo stato di salute del suo mercato.

Il copyright non farà per Banksy, ma (per il momento) i marchi registrati sì

Laugh Now But One Day I'll Be in Charge, il marchio figurativo europeo che riproduce la famosa opera di Bansky una scimmia con un cartello pubblicitario è salvo

Colmare il vuoto. Il trattamento delle lacune come cuore del restauro

Il trattamento delle lacune di un’opera d’arte è forse il cuore di tutti i problemi del restauro. Una questione che, secondo Cesare Brandi, richiede prima di tutto una riflessione teorica.

Articoli correlati