4.1 C
Pesaro
venerdì, Gennaio 28, 2022

New York: asta “white glove” per Phillips

del

Trainata da A Neat Lawn, opera del 1967 di David Hockney e da un sapiente uso delle garanzie, la 20th Century & Contemporary Art Evening Sale di Phillips nella nuova sede in Park Avenue a New York di mercoledì 23 giugno si è conclusa con un totale di 97,4 milioni di dollari – cifra che sale a 118,9 milioni con il buyers premium – e il 100% dei lotti venduti. Un risultato che ha superato i 76,6 milioni della minima aspettativa pre-asta e doppiato il risultato dell’asta del giugno scorso che si era chiusa con un fatturato di 41 milioni realizzato con la vendita di 25 lotti.

Mercoledì sera, invece, erano 48 i lotti in catalogo, 17 dei quali coperti da garanzia. Tra questi proprio A Neat Lawn di Hockney, venduta per 11 milioni di dollari (b.p. incluso). Cinque i nuovi record d’asta realizzati nella serata. E’ il caso di Cinga Samson, che ha visto il suo Two piece 1 del 2018 battuto per 378.000$ contro un precedente primato di appena 16.024 $;  Avery Singer che vola a 4.144.000 $ con Untitled (2018) superando il record dello scorso anno di 3.122.947 $.

Ritoccano le loro migliori  performance anche Vija Celmins con Untitled (Ocean) (1987-1988) venduta per 7.748.000 $; Titus Kaphar che, con Untitled III del 2015, supera per la prima volta il milione di dollari e  Julie Curtiss il cui Three Widows del 2016 è stato aggiudicato per 466.200 $.

Tra i risultati più importanti della serata, oltre a quello ottenuto da Hockney:  Wayne Thiebaud, Winding River (2002) venduto per 9,809,000 $; Takashi Murakami, Red Demon and Blue Demon with 48 Arhats (2013) che ha sentito il martello di Henry Highly battere a 6.080.000 $. Con It’s Not Necessary di Wayne Thiebaud e Winding River di David Hammons – quest’ultimo venduto per 5.475.000 $ – che hanno ottenuto il secondo prezzo più alto per i due artisti. Ma ecco la Top 10 delle aggiudicazioni:

Durante la conferenza stampa post-asta Jean-Paul Engelen e Robert Manley, Co-Heads of 20th Century & Contemporary Art, hanno dichiarato: «Il mercato dell’arte del XX secolo e contemporanea è innegabilmente forte, in tutte le categorie. Il risultato di stasera arriva sulla scia delle nostre vendite record a Hong Kong. Siamo stati in grado di vendere il 100% delle opere in entrambe le sedi, un’impresa straordinaria per il nostro team. Protagonisti della serata sono stati tanto gli artisti emergenti e che quelli storicamente sottovalutati con un grande interesse da parte dei nostri collezionisti per i lavori di Cinga Samson, Emily Mae Smith, Avery Singer, Jade Fadojutimi, Amoako Boafo, Titus Kaphar e Salman Toor. Ma la forza del mercato si estende anche ai nomi di prim’ordine, con un grande entusiasmo a livello internazionale per le opere di Brice Marden, Willem de Kooning e Vija Celmins».  

Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Nuovi stanziamenti per la cultura nel Decreto Sostegni Ter

Per fronteggiare la quarta ondata dell’emergenza Covid, il Governo è intervenuto nuovamente al fine di sostenere le attività economiche più duramente colpite.

Arte Contemporanea e Fotografia: calendario aste italiane (1° semestre 2022)

Online il calendario (in progress) delle aste di arte moderna e contemporanea che si terranno in Italia nel primo semestre 2022.

A cosa serve una mostra (pt.2). Raccomandazioni conservative per prestare in sicurezza la tua collezione

Il prestito delle opere d’arte per mostre di un certo spessore dona lustro alla propria collezione. Ma come fare a prestare in totale sicurezza e con la garanzia che ciò che parte tornerà nelle stesse condizioni? Alcuni passaggi a cui fare attenzione e alcuni strumenti di cui avvalersi per prestare in serenità.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here