12.4 C
Pesaro
domenica, Dicembre 4, 2022

Video arte: primi strumenti di tutela

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Prima di affrontare le caratteristiche proprie della [glossary_exclude]video arte[/glossary_exclude], affascinante e pressoché inesplorata, occorre fissare alcuni punti cardinali per potersi orientare tra le considerazioni che saranno di seguito esposte.
Innanzitutto, questo breve articolo analizzerà alcune norme di quello che viene definito “diritto dell’arte” che altro non è che una nuova categoria del diritto che usufruisce di norme aventi natura assai eterogenea:

  • proprietà intellettuale, in quanto sono applicabili le regole poste dal diritto d’autore a protezione, di regola, dell’artista e dei suoi aventi causa;
  • civilistica, poiché gli operatori dell’arte pongono in essere negozi giuridici per creare, modificare o estinguere rapporti giuridici, derivanti dalle opere d’arte;
  • comunitaria e internazionale, in quanto tali negozi giuridici hanno sovente carattere sovranazionale;
  • tributaria, perché i riflessi delle norme fiscali, dettate in questo settore, hanno più che mai una considerevole influenza;
  • amministrativa, poiché lo Stato partecipa, in certi casi, a tali negozi giuridici, fissando vincoli e stabilendo prerogative;
  • penale, giacché in alcuni casi è prevista la tutela penale a favore dei soggetti interessati.

SOMMARIO:

1. Definizioni – 2. Strumenti di tutela. 2.1 Pattuizioni a tutela dei diritti d’autore. 2.2 Deposito legale – 2.3 Creative Commons Licenses. – 3. Criticità.

 

 

Condividi
Tags

recenti

Arthur Jafa alle OGR: musica, video e modalità espressive d’avanguardia

Fino al 15 gennaio alle Ogr di Torino è possibile visitare la mostra di Arthur Jafa per essere trasportati in un'altra dimensione, per provare sensazioni auditive e immaginative fisicamente tangibili e onnicomprensive.

Aste: è Basquiat la star del catalogo Pandolfini di dicembre

Apre oggi al Centro Svizzero in Via Palestro 2 a Milano, la mostra delle opere che Pandolfini batterà in occasione della sua asta di Arte Moderna e Contemporanea in programma il 6 dicembre prossimo.

Aste: record per Carla Accardi da Dorotheum

Con Animale immaginario (1988) l'artista infrange, per la prima volta, il tetto dei 300.000 euro e conferma l'ottimo stato di salute del suo mercato.

Articoli correlati