26.9 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

Diario newyorkese 2.4: la Biennale del Whitney

del

Mi sono chiesto spesso, scrivendo le mie cronache dall’Europa e da oltreoceano, se e quanto io non sia in grado di capire l’arte delle ultime generazioni. Nei miei articoli parlo spesso di artisti contemporanei sì, ma ormai di una certa età, se non anche già scomparsi (e quindi, tecnicamente, non più contemporanei!).

Confesso di avere una predilezione per l’arte che dal secondo dopoguerra arriva agli inizi del nuovo millennio, ma posso assicurarvi che visito spesso anche mostre di artisti giovani, trovando tuttavia molto di rado qualcosa da dire a proposito.

Come ho già ribadito diverse volte, penso che uno dei grandi problemi della produzione artistica di questi ultimi anni sia il fatto che vengano spesso riproposte o addirittura replicate idee e visioni abbondantemente esplorate già vari decenni fa, e la domanda che mi pongo è se il problema sia l’ignoranza degli artisti, l’ignoranza o la malafede dei loro sponsor (galleristi, critici, curatori), l’ingenuità degli acquirenti — o tutto questo insieme.

Andrew Roberts, La Horda, 2020

Altro problema si pone quando invece il giovane artista azzecca un’opera e da allora ne fa una sorta di marchio di fabbrica riconoscibile, replicandola all’infinito, probabilmente con la benedizione del suo gallerista («L’unica involuzione è la reiterazione»: una frase che amo citare).

In realtà potrei elencare un certo numero di artisti under/around 50 che mi interessano molto: da Joana Vasconcelos (1971) e Marzia Migliora (1972) a Anne Imhof (1978) e Adelita Husni-Bey (1985); da Allora & Calzadilla (rispettivamente n. 1974 e 1971) e Tomàs Saraceno (1973) a Urs Fischer (1973) e Alicja Kwade (1979); da Lucilla Candeloro (1978) e Giorgia Severi (1984) a Richard Mosse (1980) e Carolina Piteira (1990), per fare esempi anche molto diversi tra loro.

Raven Chacon, Three Songs, 2021, still da video

Un numero esiguo, lo confesso. Ma infine — suvvia — di grandi artisti (quelli che “rimarranno”) non ne nascono che pochissimi per decennio, checché voglia tendenziosamente suggerirci il mercato, e a malapena stiamo iniziando a farci un’idea riguardo agli attuali settantenni o giù di lì.

Mi è venuto da ripensare a tutto questo visitando la recentemente inaugurata Biennale del Whitney Museum, slittata di un anno, come moltissime altre manifestazioni, a causa della pandemia. Intitolata Quiet as It’s Kept (un’espressione gergale analoga alla nostra “il segreto di Pulcinella”), curata da David Breslin e Adrienne Edwards, presenta opere di 61 artisti più 2 collettivi di varie nazionalità — inclusi, tra l’altro, cinque appartenenti a tribù native americane — ma tutti residenti o operanti negli Stati Uniti, Canada e Messico. L’età media degli artisti si aggira sui 47 anni (e vi sono anche cinque artisti scomparsi prematuramente).

Mónica Arreola, dalla serie “Valle San Pedro”, 2018

Se la precedente edizione della Biennale era stata un vero e proprio trionfo della bruttezza (il titolo redazionale — non mio — dell’articolo che avevo scritto all’epoca per “Collezione da Tiffany” recitava, icasticamente: Ma quanto è brutta la Biennale del Whitney Museum), qui, a un certo punto, mi è venuto da pensare: “Non c’è nulla da scrivere su questa rassegna”. Perché quando hai opere di grande valore, o al contrario lavori orrendi, è facile trovare cose da dire, commenti da fare. Il peggio è quando c’è una piattezza assoluta, che non stimola commenti di alcun tipo. E questa Biennale, per grandissima parte, più che quiet è semplicemente noiosa.

Con qualche impennata improvvisa, tuttavia, soprattutto nel campo della fotografia: bellissime le foto di Mónica Arreola (Messico, 1976) della serie Valle San Pedro e quelle della californiana Guadalupe Rosales (1980), come pure il progetto fotografico di Buck Ellison (1987) su Erik Prince, il fondatore di una private military company (ossia un’agenzia di mercenari, detto in soldoni) ritenuto da alcuni un criminale di guerra.

Denyse Thomasos, Displaced Burial/Burial at Gorée, 1993

Per quanto riguarda la pittura, le opere più interessanti sono forse l’enorme trittico Mountains Walking di Leidy Churchman (1979) e Displaced Burial/Burial at Gorée di Denyse Thomasos (Trinidad e Tobago, 1964, morta a New York nel 2012).

Poche invero le cose del tutto inguardabili (segnalerei in negativo North American Buff Tit di Eric Wesley e The will to make things happen di Woody De Othello); per il resto, molte parole d’ordine (migration, displacement, community engagement…) nei cartellini che ci spiegano cosa dovremmo capire dell’opera, e che tuttavia non suppliscono alla povertà o elementarità dell’opera stessa.

Woody De Othello, The will to make things happen, 2021

Interessante il video di animazione Long Low Line (Fordlandia) di Danielle Dean (1982), con un sottile sostrato concettuale, e quello a quattro canali Descent into Hell di Jacky Connolly (1990), come pure What about China? di Trinh T. Minh-ha, che però è in pratica un film documentario (di 135 minuti di durata!). E, a proposito di video, vi sono diverse opere di denuncia sociale e storica (soprattutto riguardo alla situazione dei black people e dei nativi americani), ma spesso purtroppo di poca rilevanza estetica: la loro collocazione sarebbe decisamente migliore in una rassegna documentaristica.

Concludo però con una delle opere più belle di tutta la rassegna: 06.01.2020 18.39 di Alfredo Jaar (1956). Si tratta di una installazione immersiva che fa rivivere “dall’interno” allo spettatore gli eventi accaduti a Washington il 1° giugno di due anni fa, quando — sei giorni dopo la tragica morte di George Floyd — una protesta pacifica del movimento Black Lives Matter in Lafayette Square fu dispersa dalla polizia, su ordine del Procuratore Generale William Barr, per permettere lo scatto della famigerata foto davanti all’adiacente St. John’s Episcopal Church di Donald Trump debitamente bibbiamunito. Furono utilizzati gas lacrimogeno, granate stordenti, proiettili di gomma e perfino due elicotteri a bassa quota, quest’ultima cosa peraltro proibita dalle convenzioni internazionali.

Alfredo Jaar, 06.01.2020 18.39, 2022

Alle immagini girate durante la manifestazione, con l’audio originale a volume quasi reale, si aggiungono grandi ventilatori che, dall’alto, simulano l’effetto degli elicotteri bassi sulla folla. In questo caso l’elaborazione del video è molto bella ed efficace, la durata breve — pochi minuti — e giusta per mantenere l’impatto emotivo (e fisico) senza disperderne la potenza.

La Biennale si articola su due piani, il 5° e il 6° del museo, più il 3° piano dedicato alle edizioni Cassandra, che si occupano dei problemi della società connessi a razzismo e sessismo. L’elegante allestimento del 6° piano contrasta completamente con l’open space caotico e dispersivo del 5°: forse una scelta, che sinceramente non comprendo. L’esposizione si concluderà il 5 settembre.

Sandro Naglia
Sandro Naglia
Nato nel 1965, Sandro Naglia è musicista di professione e collezionista d’arte con un interesse spiccato per gli astrattisti italiani nati nei primi decenni del Novecento e per quelle correnti in qualche modo legate al Pop in senso lato (Scuola di Piazza del Popolo, Nouveau Réalisme ecc.).

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Le aste di Hong Kong di maggio 2024: un’analisi dei risultati

Le recenti aste tenutesi a Hong Kong nel maggio 2024 hanno offerto uno spaccato significativo del mercato dell'arte asiatico, evidenziando sia successi che delusioni.  Le principali case d'asta,...

Asta Pandolfini: un viaggio tra grandi maestri e tendenze artistiche

La casa d'aste Pandolfini torna ad animare il panorama artistico milanese con un'asta dedicata all'arte moderna e contemporanea, in programma per il 19 giugno...

Il restauro delle opere d’arte, nella prospettiva del diritto

Prima parte Nell'ambito del diritto dell'arte, il tema del restauro delle opere riveste un'importanza cruciale, ponendo al centro della riflessione una serie di questioni di natura...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!