14.8 C
Pesaro
venerdì, Ottobre 7, 2022

Londra: per la prima volta in asta il ritratto di Hockney realizzato da Lucian Freud

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Andrà in asta il 29 giugno prossimo da Sotheby’s Londra, il ritratto di David Hockney che Lucian Freud realizzò nel 2002 nei mesi precedenti l’acclamata retrospettiva alla Tate Britain. Top lot della British Art Evening Sale: Modern/Contemporary , il dipinto sarà offerto con una stima di 8.000.000-12.000.000 £.

Non più esposto in pubblico dalla mostra di Freud del 2012 alla National Portrait Gallery, il dipinto parla della storia condivisa e del rispetto reciproco tra quelli che sono due veri titani dell’arte britannica.

Frutto di più di cento ore di sedute, tra la primavera e l’estate del 2002, la tela realizzata da Freud è uno dei più magistrali ritratti “tra pari” mai realizzati.

Dipinto all’apice della carriera di Lucian Freud, questo ritratto di David Hockney offre infatti un’affascinante finestra sulla narrazione di una lunga amicizia iniziata quarant’anni prima.

I due artisti si era incontrati per la prima volta nel 1962 tramite la famiglia Guinness. Quando Hockney si sedette per farsi ritrarre dal suo amico nel 2002 questi aveva quasi 80 anni e lui 65.

Freud era considerato il più grande pittore vivente della Gran Bretagna, mentre Hockney era tra gli artisti britannici più influenti del XX secolo.

Poco più di un decennio prima, nel 1990, aveva rifiutato il titolo di cavaliere, con la motivazione che non gli “interessava il clamore”.Poco più di un decennio prima, nel 1990, aveva rifiutato il titolo di cavaliere, con la motivazione che non gli “interessava il clamore”.

Lucian Freud, David Hockney, 2001. Est. £8,000,000-12,000,000. Courtesy: Sotheby’s

Nei quattro mesi di sedure serviti per realizzare il dipinto, Hockney camminava ogni giorno attraverso Holland Park fino all’appartamento di Freud. «A volte ero in anticipo e lui saltava le scale a due a due – ricorda David Hockney in Breakfast with Lucian di Geordie Greig –  Niente da fare a ottant’anni. Non ha mai voluto essere visto come inattivo» . 

Arrivando verso le 8:30 ogni mattina, le sedute iniziavano con una tazza di tè preparata da Freud su una stufa unta. Le sedute hanno favorito un confronto che per Hockney è stata un’esperienza illuminante.  Trovava affascinante la tecnica di Freud, il rifiuto dell’artista più anziano di pre-mescolare i colori per accelerare il processo uno stratagemma deliberato per concedergli più tempo possibile con il suo modello. 

Di conseguenza, la conversazione tra i due artisti è stata libera: «I discorsi di Lucian sono sempre stati affascinanti. A volte erano solo pettegolezzi su persone che conoscevamo entrambi, molto divertenti, ottime critiche che mi facevano ridere. Ma abbiamo parlato molto di Picasso, Ingres, Tiepolo…dei disegni di Rembrandt e di come tutto ciò che ha fatto sia un ritratto, perché nessuna mano o volto nei suoi lavori è generico».

Il ritratto di Hockney è stato l’ultimo di una serie di personaggi e soggetti illustri dipinti l’anno prima da Freud, dalla regina Elisabetta II a Kate Moss. «È stata un’esperienza davvero memorabile e piacevole –  commenterà Hockney al termine del dipinto –  Ho pensato che il suo ritratto fosse davvero molto buono: tutte le ore in cui sono stato seduto erano stratificate in esso; aveva sempre aggiunto, raramente tolto qualcosa. Si vede davvero».

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Postilla alla Biennale dell’antiquariato di Firenze. Impressioni di una domenica di ottobre

Viaggio tra le sale di Palazzo Corsini al Parione, in cui si è tenuta la trentaduesima Biennale Internazionale dell’Antiquariato, evento che richiama attorno a sé i maggiori collezionisti antiquari italiani.

Il potere distruttivo delle fondazioni

Un acquerello di Marc Chagal venduto nel 1994 e oggi ritenuto falso rischia di essere distrutto dallo Chagall Commitee. Ma una Fondazione può veramente distruggere un'opera perchè ritenuta non autentica?

Scars – towards ourselves: intervista a Giovanni Ozzola

L’idea di questa intervista nasce dall’opera presentata da Giovanni Ozzola (Firenze, 1982) quest’anno all’Arsenale di Venezia. Un'occasione per approfondire un percorso artistico denso, pieno di sfumature e ricchissimo di senso.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai, ogni settimana, gratuitamente, contenuti esclusivi dedicati al collezionismo d’arte e consigli sulla conservazione delle opere, sugli aspetti legali, e su tutto ciò possa aiutarti a collezionare e conservare l’arte ed essere felice.

Sono un collezionista

You have Successfully Subscribed!