18.7 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

In Memoriam: Hermann Nitsch a Venezia

del

In una Venezia in fermento per l’apertura della 59. Esposizione internazionale di Arti VISIVE Il latte dei sogni, tra turisti agitati e preview blindate, la notizia ghiaccia il movimento: Hermann Nitsch è morto ieri, dopo un lungo periodo in terapia intensiva. Ne dà oggi annuncio la Fondazione Nitsch.

Triste coincidenza quella che accoglie i giornalisti alla press preview dedicata all’artista in occasione dell’apertura della mostra Hermann Nitsch, 20th painting action, visitabile dal 20 Aprile a Oficine 800 e organizzata grazie al supporto della fondazione dell’artista, del collezionista Helmut Essl, di Zuecca Projects e Galerie Kandlhofer.

Una vista della mostra “Hermann Nitsch, 20th painting action” allestista negli spazi di Officine 800 a Venezia

La mostra è potente ed immediata: l’intero ambiente storico ospita i fregi che Nitsch realizzò nel 1987 nel tempio dell’arte viennese, il Weiner Secession. La 20. malaktion fu così importante per l’artista, per il luogo in cui la fece e per la qualità dell’azione e delle opere, che l’intera produzione non si smembrerà mai ed è destinata a rimanere sempre insieme. La mostra a Venezia è la più grande retrospettiva mai realizzata in Italia sul padre dell’azionismo viennese.

Le opere sono allestite come a ricreare quella disposizione sacra, rituale, che l’artista organizzò più di trenta anni fa: tele insanguinate dalla furia dell’artista, vesti imbrattate, opere enormi a parete che alternano gesti brutali a delicati e calmi, fiori che profumano l’aria, altari devoti all’arte. Tutto fa percepire l’idea di arte totale di Nitsch, dove tutti i sensi sublimano nella catarsi della sua opera.

Nitsch ritorna sulla tela proprio negli anni ’80 ma non abbandona il rito e l’attenta e precisa programmazione dei suoi gesti e delle sue azioni.

Una vista della mostra “Hermann Nitsch, 20th painting action” allestista negli spazi di Officine 800 a Venezia

Apprezzatissimo nella sua terra natia, l’ Austria, dove vende il 51% delle opere in asta, e in Italia e Germania (rispettivamente 23 e 11%), Hermann Nitsch usciva da un anno record  per il suo mercato: nel 2021 ha fatturato in asta circa 2,9 milioni di euro e i suoi prezzi hanno subito un’evoluzione del 40%.

Tra i top lot di carriera, di cui i primi tre realizzati proprio l’anno scorso, solo Senza Titolo (1961, 480.000€) e Ölberg (1960, 320.000€) sono opere che risalgono alle prime azioni dell’artista. Tutte le altre opere, compresa Bodenschüttbild. 38 malaktion (1996, 160.000€) appartengono proprio a questo periodo più recente in cui Nitsch sceglie di tornare alle sue origini e di dipingere su tela.

Sono opere imbrattate di sangue, dove l’energia del corpo dell’azionista è palpabile e tracciato dal percorso delle spugne con cui fa colare il colore. Opere di meraviglioso impatto, apprezzatissime dal mercato, tanto che 100€ investiti nel 2000 in queste tele valgono oggi 422€.

Una vista della mostra “Hermann Nitsch, 20th painting action” allestista negli spazi di Officine 800 a Venezia

Sono proprio le opere di pittura che rappresentano la metà del fatturato in asta dell’artista, vendute per la maggior parte tra i 10 e i 50 mila euro, seguite poi da fotografie o stampe testimoni delle sue azioni, che l’artista sceglieva personalmente con accuratezza, vendute tra i 1000 e i 5000 euro.

Come nelle sue opere il sangue è puro perché fa parte del rito sacrificale e non di una violenza, questo importante artista rinascerà nelle sue opere per sempre. I suoi gesti, le sue azioni, l’amore per le Arti, sono impresse brutalmente negli incredibili oggetti, testimoni dei suoi ritmi e della sua vitalità.

Deborah D'Agostino
Deborah D'Agostino
Nata a Milano nel 1995. Laureata in Scienze dei Beni Culturali e studentessa di Arte, Valorizzazione e Mercato a Milano. Da sempre, l’arte è il suo più grande amore e istinto naturale. Appassionata di mercato dell’arte e di aste, negli ultimi anni si dedica ad analisi di mercato di artisti e correnti artistiche diverse. Partecipa attivamente a diversi progetti di collaborazione con artisti emergenti e si dedica a svariate attività culturali.

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Le aste di Hong Kong di maggio 2024: un’analisi dei risultati

Le recenti aste tenutesi a Hong Kong nel maggio 2024 hanno offerto uno spaccato significativo del mercato dell'arte asiatico, evidenziando sia successi che delusioni.  Le principali case d'asta,...

Asta Pandolfini: un viaggio tra grandi maestri e tendenze artistiche

La casa d'aste Pandolfini torna ad animare il panorama artistico milanese con un'asta dedicata all'arte moderna e contemporanea, in programma per il 19 giugno...

Il restauro delle opere d’arte, nella prospettiva del diritto

Prima parte Nell'ambito del diritto dell'arte, il tema del restauro delle opere riveste un'importanza cruciale, ponendo al centro della riflessione una serie di questioni di natura...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!