26.3 C
Pesaro
mercoledì, Luglio 6, 2022

Arte contemporanea in Abruzzo

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Terra forte e gentile, come la definì Primo Levi, l’Abruzzo è certamente più conosciuto per le sue bellezze naturalistiche che non per le sue collezioni d’arte contemporanea. Eppure, anche questa regione italiana non manca di riservare ai suoi visitatori qualche bella sorpresa. La prima è la collezione d’arte moderna e contemporanea della Pinacoteca di Avezzano.

Allestita all’interno del Castello Orsini, questa galleria civica lega la sua storia alla 1° Mostra Marsicana di Pittura (1949) che nel 1952 si sarebbe chiamata Mostra di Arti Figurative, nell’anno successivo Mostra d’Arte Regionale e, a partire dal 1957, Premio Avezzano: premio-acquisto che, assieme alle donazioni degli ultimi anni, ha dato vita ad cospicuo patrimonio di opere di ottima qualità e che ben rappresenta il panorama artistico italiano del dopoguerra, con un’apertura alla scena abruzzese grazie alle opere del GAM – Gruppo Artisti Marsicani. Tra le opere più importanti conservate ad Avezzano da citare il Bucranio di Pino Pascali del 1966.

Pino Pascali, Bucranio,  1966. Pinacoteca di Avezzano
Pino Pascali, Bucranio, 1966. Pinacoteca di Avezzano

Sempre legata ad un premio-acquisto è la collezione della Pinacoteca Comunale di Sulmona che oggi, sul fronte contemporaneo, annovera opere di artisti come Concetto Pozzati, Luigi Montanarini, Ennio Calabria, Remo Brindisi, Alberto Sughi, Ernesto Treccani, Giovanni Cappelli, Francesco Casorati, Giannetto Fieschi, Pompilio Mandelli, Piero Guccione, Ugo Attardi, Renzo Vespignani, Emilio Tadini, Valeriano Trubiani, Gianfranco Ferroni, Riccardo Tommaso Ferroni.

La Pinacoteca Comunale di Sulmona
La Pinacoteca Comunale di Sulmona

Ma la raccolta più significativa a livello regionale è certamente quella del MuSpAC – Museo Sperimentale d’Arte Contemporanea dell’Aquila, nato nel 1993 come evoluzione dell’’Associazione Culturale Centro Multimediale “Quarto di Santa Giusta”, fondata nel 1984 da Enrico Sconci. Il MuSpAC possiede una collezione permanente che comprende sia opere di artisti internazionali come Joseph Beuys, Jannis Kounellis, Fabio Mauri, Mario Merz, Michelangelo Pistoletto, Giulio Paolini che di artisti italiani di origine abruzzese.

Mario Schifano, Le avventure di Pinocchio, 1992.
Mario Schifano, Le avventure di Pinocchio, 1992. Collezione MuSpAC

Purtroppo il terremoto del 6 aprile 2009 ha reso completamente inagibile la sede del Museo. Sono state danneggiate molte opere di artisti di rilievo internazionale della collezione permanente e sono stati distrutti computer e banca dati. Mentre scriviamo è ancora in fase di ultimazione la nuova sede in via Ficara – Piazza D’Arti. Grazie a donazioni da parte di musei, associazioni, varie case editrici e di artisti, l’Associazione sta anche ricreando una nuova collezione permanente e una nuova multimediateca che possano rendere un servizio pubblico ai cittadini. Da parte nostra l’augurio che MuSpAC torni presto a vivere e possa ospitarci per un rinnovato viaggio nell’arte contemporanea.

[box type=”info”] Con la tappa abruzzese il Giro d’Italia di Collezione da Tiffany, alla scoperta dei tesori d’arte contemporanea del nostro Paese, si arresta per qualche settimana.

Una pausa necessaria per seguire con attenzione cosa accadrà nel mondo dell’arte negli intensissimi mesi di ottobre e novembre, tra fiere, aste e inaugurazioni di mostre.

Il Giro d’Italia ripartirà SABATO 6 DICEMBRE e visiteremo il LAZIO.[/box]

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Dal ventre di Parigi. La tavolozza impressionista

Nel ventre di Parigi si sono succedute rivoluzione e controrivoluzione di tante cose, anche della pittura. La produzione di materiale per le Belle Arti ha per la prima volta un carattere semi industriale e sul mercato arrivano una gran quantità di nuovi pigmenti sintetizzati artificialmente.

20 artisti per 20 borghi: torna Una Boccata d’Arte

Al via in tutta Italia dal 25 giugno al 18 settembre 2022 la terza edizione di Una Boccata d’Arte, progetto che promuove installazioni, mostre e performance di 20 artisti in 20 borghi, uno per ogni regione, valorizzando l’incontro tra arte e patrimonio storico, artistico e paesaggistico.

La grande arte italiana del XX secolo in asta da Wannenes

Ultima "lettura catalogo" del primo semestre, tutta dedicata all'asta di arte moderna e contemporanea che Wannenes batterà il 5 luglio prossimo nella sua sede milanese d Palazzo Recalcati.

Articoli correlati

  1. Ancora grazie per questo tuo contributo. Pensavo ci fosse qualche testimonianza maggiore visto i premi e gli appuntamenti storici con l’arte contemporanea come Francavilla a Mare, Vasto, Termoli (Molise), senza contare la presenza della “Famiglia Cascella”, di Ceroli, di Spalletti, Verga. Qualcosa mi risultava a Teramo e a Castelli dove esiste un Museo che raccoglie i lavori su ceramica di autorevoli artisti nazionali e presso il Santuario di San Gabriele al Gran Sasso dove c’è una importante raccolta di arte sacra con firme prestigiose.
    Saluti, Daniele

    • Caro Daniele, sicuramente è una regione da approfondire. Su tante raccolte non ho trovato informazioni se non della loro esistenza. Una cosa che ho scoperto in questo tour è come tante realtà siano poco documentate e valorizzate anche da chi promuove i territori da un punto di vista turistico. È questo è veramente un peccato. Comunque le mie ricerche non finiscono con un articolo e via via, grazie anche a lettori come te, spero di riuscire a scovare un po’ tutto. L’idea è di arrivare a comporre una sorta di atlante del contemporaneo in Italia. Impresa ardua ma divertente.
      Un caro saluto
      Nicola

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here