4.8 C
Pesaro
venerdì, Gennaio 21, 2022

Alice Traforti

0 posts

and

0 comments

Giuseppe Garrera, Pasolini e le ineludibili ragioni della poesia

Intervista a Giuseppe Garrera, musicologo, storico dell’arte e collezionista, coordinatore scientifico del Master in Economia e Management dell’Arte e dei Beni Culturali della Business School del Sole 24 Ore di Roma.

Collezionare manifesti con Federico Guidoni: quando l’arte diventa pubblicità, e viceversa

Oggi parliamo di grafica pubblicitaria d'autore insieme al collezionista Federico Guidoni, che fino al 26 ottobre espone parte della sua collezione presso la Other Size Gallery negli ambienti di Workness a Milano

Alessandro Vitiello: mecenate del nuovo millennio

Cari amici, oggi vi accompagno all'interno della casa del collezionista romano Alessandro Vitiello, che ha deciso di aprire la propria residenza per trasformarla in una Home Gallery dedicata alla condivisione dell'arte delle ultime generazioni.

Fabio e Paolo Gori: innovazione e tradizione tra Arte in Fabbrica e Fattoria di Celle

Cari amici dell'arte, quella di oggi è un'intervista doppia, a due fratelli che condividono un'impresa, una collezione di famiglia e un legame indissolubile con l'arte che li ha portati naturalmente a sviluppare una collezione personale e, inoltre, a condividere il desiderio di contaminazione tra arte e impresa con la collettività.

Gianluca Ramini: il collezionista felice

Cari amici, è davvero difficile non essere travolti dall'entusiasmo di Gianluca Ramini non solo per l'arte contemporanea, ma per la vita! Il suo approccio felice mi ha spinta a raccontare la sua storia a tutti voi, nella speranza di contagiare più gente possibile in questa fantastica avventura chiamata arte.

Elisa Bollazzi: raccogliere in micro (e seminare in macro) come atto creativo

Cari amici dell'arte contemporanea, che ne dite se oggi lascio parlare direttamente un'artista collezionista? Ma vi avviso: quella che state per leggere non è la “classica” storia di un'artista che appende al muro le opere dei colleghi, no di certo. Elisa Bollazzi fa molto di più.

Lettera di fine anno: che cosa ho imparato dai collezionisti

Cari amici, eccoci finalmente in vacanza a godere di un po' di meritato relax, a raccogliere i frutti dell'anno che si sta per concludere...

Massimo Magurano: ma che bella “malattia” il collezionismo!

Trascorro molto tempo al telefono, a volte troppo, ma proprio durante una di queste conversazioni, tra un consiglio e un confronto, una parola detta per caso ha fatto sì che mi parlassero di Massimo Magurano e della sua collezione. E ora io sono felice di parlarne a tutti voi!

Alessandro Casini: crescere e condividere, di padre in figlio

Per "Parola di Collezionista", questo mese abbiamo incontrato, nella sua Livorno, Alessandro Casini, collezionista e padre di un giovane gallerista. Per lui collezionare è “l’unica bella malattia esistente al mondo”, e come ogni patologia ha bisogno di continue cure. Conoscere galleristi, artisti e appassionati, leggere e aggiornarsi e infine cercare, selezionare e acquistare.

Sara Sanesi: arte contemporanea al ristorante

Amici del contemporaneo, l'intervista che vi propongo oggi per il nostro appuntamento mensile con Parola di Collezionista, è entusiasmante e vulcanica, proprio come la protagonista Sara Sanesi, invischiata a tutto tondo nell'arte contemporanea: in casa, in amore, in cucina, al lavoro.

recenti

Italia: anno record per le aste di arte moderna e contemporanea

Con un fatturato totale di 132.817.350 euro il 2021 è stato l'anno migliore di sempre per le aste italiane di arte moderna e contemporanea. La Top 10 della aggiudicazioni.

Da Afro a Christo: ecco i “gioielli” dell’asta Meeting Art di gennaio

Prima “lettura catalogo” del 2022 dedicata, come ormai vuole la tradizione, a Meeting Art che inaugura la sua stagione di aste con un catalogo di 400 lotti suddivisi in 4 sessioni che saranno battute, rispettivamente, il 22, 23, 29 e 30 gennaio.

A cosa serve una mostra (pt.1). Esporre la propria collezione e farla vivere

La storia del collezionismo e quella delle mostre corrono su binari paralleli, come raccontano gli studi fondamentali di Francis Haskell. Quali sono, oggi, per il collezionista i vantaggi di esporre al pubblico o concedere in mostra pezzi della propria collezione?