19.2 C
Pesaro
mercoledì, Ottobre 5, 2022

Idee regalo: ARSCODE – Il gioco dell’arte

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Sì lo so, la mia fissazione per il collezionismo, il mercato e l’arte ha qualcosa di patologico, ma non ho resistito. Sono appena passati 44 minuti da quando ho ricevuto la newsletter di Vanillaedizioni e dovevo assolutamente segnarvelo: ARSCODE – Il gioco dell’arte, il nuovissimo gioco di carte sul collezionismo. Credo sia, in assoluto, il regalo di Natale dell’anno per tutti gli amanti dell’arte e gli aspiranti collezionisti. 

Nato grazie ad una campagna di crowdfunding di assoluto successo Arscode vi proietterà nello scintillante sistema dell’arte contemporanea, facendovi scoprire, giocando, molti dei meccanismi che lo regolano. L’obiettivo: costruire una collezioni d’arte del più alto valore possibie e, nella miglior tradizione del Risiko, distruggere i tuoi avversari,  ossia gli altri collezionisti.

Come raggiungerlo? Acquistando, ad ogni turno, nuovi capolavori tra quelli riprodotti sulle 84 Carte Opera del gioco. Fin qui tutto semplice, ma come nella realtà la collezione che state costruendo sarà inevitabilmente condizionata dalle 48 Carte Azione – che rappresentano le incognite del gioco -, facendovi incontrare personaggi e affrontare eventi che simulano la realtà. E questo per i 9 round della partita che potrete affrontare in tre modalità differenti: base per le prime sfide, intermedia e avanzata/torneo.

A guidarvi, un regolamento snello e immediato che renderà tutto molto semplice e intuitivo con l’ulteriore vantaggio che, richiedendo per giocare solo il mazzo di carte, un foglio e una penna, potrete portarare Arscode con voi veramente ovunque.

Se poi, come nella realtà, il gioco vi prende la mano nessun problema: le carte da collezioni sono ampliabili grazie ad espansioni, edizioni Deluxe e Carte Speciali pubblicate periodicamente e che vi faranno anche provare il brivito di mettere le mani su opere, come si dice in gergo, fresh-to-market.  

 

 

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Il potere distruttivo delle fondazioni

Un acquerello di Marc Chagal venduto nel 1994 e oggi ritenuto falso rischia di essere distrutto dallo Chagall Commitee. Ma una Fondazione può veramente distruggere un'opera perchè ritenuta non autentica?

Scars – towards ourselves: intervista a Giovanni Ozzola

L’idea di questa intervista nasce dall’opera presentata da Giovanni Ozzola (Firenze, 1982) quest’anno all’Arsenale di Venezia. Un'occasione per approfondire un percorso artistico denso, pieno di sfumature e ricchissimo di senso.

Dal decreto Aiuti Ter un sostegno alla cultura per i costi dell’energia

Stanziati 40 milioni di euro per sostenere i costi energetici sostenuti dai teatri, dalle sale da concerto, dai cinema, da musei, dalle biblioteche, dagli archivi e dagli istituti culturali.

Articoli correlati

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai, ogni settimana, gratuitamente, contenuti esclusivi dedicati al collezionismo d’arte e consigli sulla conservazione delle opere, sugli aspetti legali, e su tutto ciò possa aiutarti a collezionare e conservare l’arte ed essere felice.

Sono un collezionista

You have Successfully Subscribed!