22.4 C
Pesaro
martedì, Settembre 27, 2022

La cultura tra programmi elettorali e proposte per la nuova legislatura

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Il prossimo 25 settembre sono in programma le elezioni del nuovo Parlamento, il cui insediamento determinerà la nascita del nuovo Governo e con esso le strategie future del mondo della cultura.

Con il presente contributo si intende analizzare più in dettaglio i programmi elettorali sia delle principali coalizioni che dei singoli partiti per comprendere quali possano essere le idee per rendere più competitivo il mondo della cultura. In aggiunta, nella seconda parte del documento, si commenteranno le proposte effettuate da ArtLab destinate all’esecutivo che verrà.

L’obiettivo è quindi di quello di porre l’accento sullo spazio dedicato alla cultura nei principali programmi elettorali ed evidenziare al contempo anche alcune opportunità per rilanciare e rendere più attraente il comparto artistico e culturale del nostro paese.

Preliminarmente, si evidenzia come l’analisi viene effettuata solamente sui contenuti rinvenuti all’interno dei programmi elettorali, concentrandosi meramente sul contenuto tecnico delle suddette proposte, non effettuando pertanto alcuna valutazione di natura politica sulle stesse.

Lo spazio per la cultura nei programmi elettorali

Partendo dai programmi relativi alla coalizione di centrodestra, il tema della cultura viene affrontato al punto 10 dell’“Accordo quadro di programma” dove tra i principali punti riguardano la tutela e promozione del patrimonio culturale, nonché la valorizzazione delle professionalità culturali che costituiscono il volano economico e identitario italiano.

In aggiunta, tra le strategie riportate vi sono il supporto alla digitalizzazione dell’intera filiera del settore turistico e della cultura ed il contrasto all’esercizio abusivo delle professioni della cultura.

Passando ai programmi dei singoli partiti della coalizione sopra riportata, tra le proposte vi sono l’introduzione della detrazione fiscale dei consumi culturali individuali e la riforma del Fondo unico per lo spettacolo (Fus) per una semplificazione della burocrazia relativa ai finanziamenti pubblici.

Sempre sul tema delle agevolazioni di natura fiscale, la coalizione di centrodestra propone per il mercato dell’arte semplificazione e adeguamento della legislazione italiana e quella europea, la detrazione fiscale dell’IVA per l’acquisto di strumentazione professionale e la detassazione per l’organizzazione di spettacoli e manifestazioni artistiche e culturali.

Per quanto concerne il tema della previdenza, la proposta è quella di una posizione previdenziale unica per artisti e professionisti dello spettacolo.

Nell’ambito del centrosinistra, il tema della cultura viene declinato nel sostegno del settore dello spettacolo dal vivo e l’industria cinematografica e audiovisiva italiana attraverso il rafforzamento del sistema di finanziamento pubblico dei comparti e forti incentivi per i giovani autori e le nuove produzioni.

In ambito fiscale, viene proposto l’ampliamento l’Art Bonus e le nuove forme di detraibilità delle spese sostenute per la partecipazione alle attività culturali, l’abbattimento dell’IVA per i prodotti culturali e un sostegno economico ai consumi culturali dei giovani oltre alla conferma del bonus cultura 18App.

Dall’analisi delle proposte, emerge chiaramente come sia necessaria le strade maestre siano le seguenti: maggiore semplificazione del settore per renderlo più competitivo al quale si aggiungono corposi programmi di incremento delle detrazioni finalizzati a sostenere i consumi culturali.

In un momento storico in cui il potere di acquisto delle famiglie viene sempre più assorbito dalle spese primarie, tra cui quelle dell’energia, i consumi culturali potrebbero subire importanti tagli da parte dei cittadini.

In questo senso appaiono talvolta fondamentali i sostegni per garantire la sopravvivenza degli enti culturali.

Le proposte per la prossima legislatura

Dopo aver passato in rassegna i principali programmi elettorali per comprendere quali siano le idee per il comparto negli anni a venire, appare a questo punto necessario analizzare anche quale sia il punto di vista degli operatori del settore.

A partire dalla convinzione che la cultura sia un’infrastruttura trasversale e necessaria alle sfide del Paese, il documento “Cultura è futuro” che raccoglie le 22 proposte d’intervento per la prossima legislatura, sottolinea la necessità di un approccio sistemico e unitario che tenga conto degli impatti culturali, sociali ed economici generati dall’ecosistema culturale e creativo.

A seguito di tale premessa, le proposte di intervento si concentrano su cinque aree tematiche: interventi normativi, investimenti e misure, lavoro, riequilibrio territoriale e creatività contemporanea.

Tra misure più urgenti in ambito di incentivi si segnalano le seguenti:

  • Adeguamento degli investimenti in cultura ai livelli dei Paesi europei, aumentando le risorse del MIC e intervenendo sui bilanci di altri Ministeri, con fondi speciali per l’acquisto di beni e servizi culturali e dando piena attuazione delle norme che destinano quote degli investimenti in infrastrutture alla creatività contemporanea e ai beni culturali.
  • Sviluppo di una politica di incentivazione della domanda privata, sia attraverso misure sul modello della 18App sia attraverso misure quali la detrazione fiscale delle spese culturali e la riduzione delle aliquote IVA al livello minimo consentito (Dir. UE 2022/542) per tutti i settori ad oggi esclusi.
  • Revisione, semplificazione ed estensione dei sostegni indiretti a una gamma più ampia di soggetti e di settori a partire dall’Art Bonus, dalla reintroduzione del 2×1000 per la cultura e dalla revisione del 5×1000.
  • Finalizzazione di fondi, tax credit e degli incentivi alle imprese per favorire l’innovazione (non solo digitale), la sperimentazione di modelli innovativi e digitali (realtà estesa, Metaverso, blockchain, intelligenza artificiale, data science), l’internazionalizzazione, la eco-sostenibilità ed una più ampia accessibilità, nonché programmi di crescita e formazione di start-up e PMI e lo sviluppo capillare di incubatori e acceleratori d’impresa specializzati nelle ICC.
  • Sviluppo di strumenti finanziari dedicati (microcredito, garanzie, voucher formativi, fondi corrispondenti, ecc.) e rafforzamento di quelli esistenti.

Per quanto concerne le proposte relative al mondo del lavoro, la richiesta è la creazione di una cornice unitaria delle diverse forme contrattuali settoriali, che coniughi tutele e diritti con le tipicità di un lavoro flessibile e discontinuo e con il riconoscimento delle professionalità e rispetto dei minimi contrattuali, garantendo trasparenza e rispetto dei requisiti di professionalità anche nelle esternalizzazioni della P.A.

Conclusioni

In sintesi, dal confronto relativo ai programmi elettorali rispetto alle istanze degli operatori del settore sembrano esservi alcuni punti di contatto relativi ad un incremento delle risorse suddiviso tra maggiori contributi per gli operatori e crediti d’imposta per chi acquista i prodotti culturali.

L’ulteriore richiesta riguarda una maggiore semplificazione delle innumerevoli tipologie contrattuali, le quali oltre a rendere complessa la gestione non consentono di garantire un adeguato livello di tutela per i lavoratori.

Pertanto, sulla carta sembrano esservi diversi punti di convergenza mentre ora non resta che aspettare che le intenzioni contenute nel programma vengano effettivamente tradotte in azioni concrete, altrimenti per il comparto culturale potrebbero esservi all’orizzonte nuove difficoltà.

Andrea Savino
Andrea Savino
Andrea Savino (n.1991) è un dottore commercialista e revisore legale di Torino specializzato in diritto e fiscalità internazionale. Presidente della commissione cultura dell'Unione Nazionale Giovani Dottori commercialisti è anche membro della Commissione Internazionalizzazione e Fiscalità Internazionale dell’UNGDCEC - Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti e ricercatore dell’Istituto Universitario di Studi Europei (IUSE).
Condividi
Tags

recenti

La casa della vita. Il collezionismo domestico di Mario Praz

In un libro del 1959, Mario Praz racconta la storia della sua casa di Via Giulia, della sua preziosa collezione domestica e di come i ricordi si confondano con gli oggetti.

Arte contemporanea come strumento di memoria storica e riparazione culturale

Quando l’arte propone la rappresentazione di un passato da insabbiare e di un presente ricostruito, per stimolare riflessioni che spingano a trovare nuovi modi di reinterpretare realtà e relazioni.

Boetti: “Mappa” da 8 milioni di dollari in asta da Sotheby’s

Il 16 novembre prossimo a New York, Sotheby's batterà una Mappa di dimensioni colossali con un aspettativa di oltre 8 miloni di dollari. La valutazione più alta per un’opera dell’artista

Articoli correlati

1 COMMENT

  1. POMPEI LA CULTURA SOTTO IL VESUVIO
    Caro ex Ministro Franceschini
    Lei ha ricevuto le chiavi della Città senza vedere che il Sindaco Lo Sapio non ha fatto ancora la Biblioteca Civica ed ha promosso per la seconda volta il flop Street Art oltre al danno civico dei sottopassi in Città.
    Va bene l’accordo con gli Scavi finalmente raggiunto ma manca il Santuario.
    Lei sostiene che solo il PD (a breve la sua scomparsa) parla di cultura. Ok, provo da esterno al PD a ricordarle che Lei ha sempre ignorato i miei inviti per conoscere VESUVIO, cioè la più importante mostra di sempre dell’arte contemporanea sul tema vesuviano, come l’ha ignorata per ora: Massimo Osanna cittadino onorario di Pompei e Direttore Generale dei Musei italiani, Gabriel Zuchtriegel Direttore degli Scavi, la Regione Campania con il vostro amico De Luca e quindi il PAN di Napoli, il Madre, il Museo di Capodimonte dove si trova Vesuvius di Andy Warhol, mi fermo qui ma l’elenco é molto lungo avendo lo scrivente raggiunto 39 anni di composizione artistica e 47 anni di studio dell’arte.
    Perciò caro Franceschini non é forse il PD che se ne frega della innovazione culturale in Italia?
    Vedremo se il vostro successore riuscirà a colmare le numerose lacune che il vostro ufficio lascia in eredità.
    Una su tutte: il super flop del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia, quando con il mio Poema visivo per l’Italia avrei vinto il Leone d’oro.
    Grazie per l’attenzione
    Stefano Armellin
    https://armellin.blogspot.com

    Pompei, domenica 18 settembre 2022

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai, ogni settimana, gratuitamente, contenuti esclusivi dedicati al collezionismo d’arte e consigli sulla conservazione delle opere, sugli aspetti legali, e su tutto ciò possa aiutarti a collezionare e conservare l’arte ed essere felice.

Sono un collezionista

You have Successfully Subscribed!