5.3 C
Pesaro
mercoledì, Gennaio 19, 2022

Musei: lasciate che i collezionisti vengano a noi…

del

Giorgio Verzotti
Giorgio Verzotti

Cosa sarebbero oggi il Museo d’Arte Contemporanea del Castello di Rivoli, il MAXXI o il MART di Rovereto se non ci fossero i grandi collezionisti privati? In un’Italia dove aumentano i visitatori (+21%) e si riducono le risorse, questi musei pubblici dedicati all’arte contemporanea, con molta probabilità, non avrebbero mai raggiunto il livello di eccellenza che oggi conosciamo e non riuscirebbero, nelle condizioni finanziarie e di isolamento in cui spesso versano, a portare avanti la loro missione senza l’appoggio dei  grandi collezionisti di oggi che, a differenza dei loro predecessori, hanno reso l’arte parte della propria vita  ma senza considerarsi i proprietari esclusivi delle proprie opere che prestano a lungo termine o donano a contenitori pubblici come, appunto, il MART, il MAXXI o il Madre, incidendo profondamente e positivamente sull’offerta culturale di queste strutture.

Come ha sostenuto, qualche anno fa Gianfranco Imperatori in occasione dell’incontro “Collezionismo, sublime perversione”, il collezionismo privato «per quell’impulso che Antonio Paolucci definisce “contro natura”, diventa atto di liberalità nei confronti della società attraverso la donazione della collezione alle istituzioni pubbliche, o attraverso l’istituzione di musei privati, e comunque accumula, conserva e rende accessibili al vasto pubblico opere d’arte di valore inestimabile. Quando questo accade, il collezionismo svolge due funzioni straordinarie: una di natura sociale, l’altra di natura economica». Basti pensare, d’altronde, che circa il 90% dei musei e delle gallerie mondiali hanno origine da collezioni private.

Una linfa vitale per i musei e per le mostre che loro organizzano, dunque, che senza i collezionisti non sarebbero neanche pensabili, come ci ha raccontato Giorgio Verzotti, direttore artistico della sezione di arte contemporanea alla 37esima edizione di Arte Fiera ed ex curatore capo del MART di rovereto, in questa breve video intervista.

Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Da Afro a Christo: ecco i “gioielli” dell’asta Meeting Art di gennaio

Prima “lettura catalogo” del 2022 dedicata, come ormai vuole la tradizione, a Meeting Art che inaugura la sua stagione di aste con un catalogo di 400 lotti suddivisi in 4 sessioni che saranno battute, rispettivamente, il 22, 23, 29 e 30 gennaio.

A cosa serve una mostra (pt.1). Esporre la propria collezione e farla vivere

La storia del collezionismo e quella delle mostre corrono su binari paralleli, come raccontano gli studi fondamentali di Francis Haskell. Quali sono, oggi, per il collezionista i vantaggi di esporre al pubblico o concedere in mostra pezzi della propria collezione?

Per il bene dell’arte: 10 mostre in galleria da vedere a gennaio

Una selezione delle mostre più interessanti organizzate dalle gallerie d’arte del nostro Paese da mettere in agenda per questo gennaio.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here