19.7 C
Pesaro
martedì, Maggio 17, 2022

Speculazione e guerre “spaventano” il mercato

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

Con molta probabilità il 2014 sarà un nuovo anno record per il mercato dell’arte. Nel primo semestre dell’anno, secondo i dati divulgati da ArtPrice, il fatturato delle aste ha toccato, infatti,  i 7.1 miliardi di dollari. Un miliardo in più rispetto allo stesso periodo del 2013 e superiore di ben 5.2 milardi rispetto al primo semestre del 2004. Una crescita impressionante, + 17% in un anno e +275% in un decennio, che ora potrebbe essere messa a repentaglio da due “nemici”: la speculazione e il deteriorarsi del clima geo-politico con particoalre riferimento, ovviamente, a Ucraina e Medio Oriente. E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto di ArtTactic sulla fiducia, da parte degli operatori, nell’andamento mercato dell’arte.

Il trend del mercato dell'arte nei prossimi 6 mesi secondo le previsioni degli esperti di settore (Fonte: ArtTactic)
Il trend del mercato dell’arte nei prossimi 6 mesi secondo le previsioni degli esperti di settore (Fonte: ArtTactic)

Se la maggior parte degli operatori, nonostante i vari timori, credono che nei prossimi 6 mesi il mercato dell’arte avrà, complessivamente, un andamento positivo, questa fiducia è calata del 6% rispetto a gennaio. Una flessione che si registra in tutte le categorie del mercato dell’arte anche se, in linea di massima, si continua a guardare in modo positivo al futuro, tanto che  l’attesa generale è di un trend positivo che perdurerà anche per tutto il primo semestre del 2015. A rendere meno certo il risultato, un +12.3% nel timore della speculazione: in una scala da 1 a 10, il 75% degli operatori intervistati ha fissato a 7 il suo livello attuale. Come dire che gli esperti sono molto preoccupati dal fatto che gli investitori a breve termine e gli speculatori stiano gonfiando artificialmente i prezzi nel mercato dell’arte contemporanea.

L'andamento dell'Art Market Confidence Indicator dal 2005 ad oggi (Fonte: ArtTactic)
L’andamento dell’Art Market Confidence Indicator dal 2005 ad oggi (Fonte: ArtTactic)

Non a caso, d’altronde, la fiducia cresce, principalmente, nei confronti della fascia medio-bassa (50.000-100.000 $) che con un +22.4% vede il suo indice salire al livello della fascia alta del mercato. «La crescente polarizzazione intorno ad alcuni artisti e il divario in valore tra questi e molti dei loro coetanei – spiegano gli esperti di ArtTactic -, sta guidando il mercato alla ricerca di un valore relativo e di nuove opportunità tra artisti sia con una carriera già consolidata o tra quelli emergenti di nuova generazione, come David Ostrowski, Lucien Smith o Wade Guyton».

Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Macklowe: una collezione da 922.2 milioni di $

Guanti bianchi e un totale di 246.1 milioni di dollari per la seconda asta di Sotheby's dedicata alla Macklowe Collection. Con la vendita del novembre scorso il valore della collezione vola oltre i 920 milioni.

Mostre: parte da Roma la (ri)scoperta di Gustavo Bonora

Alla Medina Art Gallery di Roma, una piccola ma significativa retrospettiva dedicata all'artista milanese scomparso otto anni fa.

Neon 1981 – 2022 andata e ritorno: inaugurata la mostra al MAMbo

E' stata inaugurata, questo giovedì, al MAMbo di Bologna la Mostra “NO, NEON, NO CRY” che rimarrà aperta gino al 4 giugno. Ne abbiamo parlato con Gino Gianuizzi

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here