16.3 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

“Christie’s celebra 25 anni dai Principi di Washington sull’arte confiscata dai nazisti” – The Art Newspaper

del

The Art Newspaper, 30 gennaio 2023 di Anna Sansom 

“Christie’s ha dato il via a un programma di un anno incentrato sulla restituzione delle opere d’arte sequestrate a seguito della persecuzione nazista, con una tavola rotonda a Parigi la scorsa settimana. La serie globale di iniziative, che comprende eventi a Vienna, Berlino, Londra, New York e Tel Aviv, segna il 25° anniversario dei Principi della Conferenza di Washington sull’arte confiscata dai nazisti, firmati il ​​3 dicembre 1998 con l’obiettivo di trovare un nuovo modo per le vittime e i loro eredi di ricercare, individuare e recuperare opere d’arte scomparse.

Prima dell’inizio della tavola rotonda, Cécile Verdier, presidente di Christie’s France, ha sottolineato come sia “responsabilità […] della casa d’aste fare tutto il possibile per stabilire [la provenienza] delle opere che presentiamo in vendita e per partecipare alla risoluzione [tra l’acquirente e il venditore]”.

Moderata dalla direttrice generale di The Art Newspaper, Georgina Adam, la discussione ha visto la partecipazione di David Zivie, capo di un dipartimento del ministero della cultura francese sulla ricerca e la restituzione dei beni culturali confiscati tra il 1933 e il 1945; Emmanuelle Polack, storica dell’arte incaricata di tracciare le origini delle acquisizioni del Musée du Louvre tra il 1933 e il 1945; Didier Schulmann, ex conservatore del patrimonio al Centre Pompidou; Claire Gimpel Touchard, nipote del mercante d’arte René Gimpel; e l’artista-ricercatore Raphaël Denis. Denis ha curato una mostra da Christie’s sugli archivi di Gimpel, comprese le lettere scritte a mano.

Zivie ha ricordato come la Francia stia proponendo tre nuove leggi per facilitare la restituzione delle opere confiscate. “Servono a trovare una soluzione equa tra le famiglie che sono state espropriate di opere, e gli attuali  proprietari delle opere espropriate”, ha detto Zivie. I disegni di legge hanno lo scopo di accelerare il processo di restituzione, fornendo alle istituzioni misure per restituire le opere senza dover portare la questione davanti al parlamento.

Zivie ha anche menzionato come la Francia avesse restituito 15 opere, tra cui Le Père di Marc Chagall, l’anno scorso. Ciò è stato possibile grazie all’applicazione di una legge del 21 febbraio 2022 sulla restituzione dei beni culturali ai beneficiari dei loro proprietari vittime di persecuzione antisemita. Il dipinto di Chagall fu restituito agli eredi di David Cender, un ebreo polacco a cui era stato sequestrato.

“Per quanto riguarda il mercato, i venditori dovrebbero fare più ricerche e presentare le fonti [correttamente] e gli acquirenti dovrebbero porre domande sulla provenienza dei pezzi, prima di acquistare”, ha aggiunto Zivie. Le questioni relative alla tracciabilità della provenienza sono state fondamentali per la discussione. Gimpel Touchard ha parlato di come ha creato un database digitale degli archivi della galleria di suo nonno. (Poiché René Gimpel era ebreo, la sua galleria fu occupata dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale e i dipinti furono saccheggiati, anche se riuscì a conservare alcune opere a Londra. René Gimpel fu catturato dalla Gestapo e morì in un campo di concentramento nazista in Germania.)

“Abbiamo rimpatriato gli archivi a Parigi da Londra e poiché erano fragili, ci siamo resi conto che avremmo dovuto digitalizzarli in modo che fossero disponibili per [i ricercatori] di tutto il mondo”, ha spiegato Gimpel Touchard. Mentre esaminava gli archivi, si è imbattuta in un’opera di Monet che era stata venduta da Christie’s nel 2015. “Abbiamo deciso di aiutare [a stabilire] la sua provenienza. […] Settant’anni dopo la guerra, le gallerie dovrebbero aprire i loro archivi”, ha detto.

Per Polack, il compito della restituzione deve essere continuato anche dalla prossima generazione. “Nei musei, sempre più giovani vogliono lavorare su questi temi. Ogni giorno ricevo richieste di tirocinio su questo argomento”, ha detto. La ricerca di Polack, che traccia la storia della pittura di Thomas Culture Ritratto di giovane donna seduta, ha portato alla restituzione nel 2019 al legittimo proprietario. Il dipinto era stato saccheggiato dai nazisti ed è stato sequestrato nel 2012 tra un tesoro di 1.258 opere d’arte nell’appartamento di Monaco di Baviera di Cornelius Gurlitt, figlio del mercante d’arte di Hitler Hildebrand Gurlitt.

L’erede del proprietario originale ha detto a Polack che le note archiviate si riferivano a una parte della tela da restaurare. Ciò ha spinto Polack a chiedere al restauratore di Monaco se sulla tela si fosse verificato un incidente, evidenziando la necessità di metodi per “far combaciare” le note d’archivio con la materialità di un’opera.

Nel frattempo, Schulmann ha sottolineato che la spoliazione di opere d’arte dovrebbe essere riconosciuta come un “crimine” e che tutti gli attori, dalle istituzioni alle case d’asta, dovrebbero ritenersi responsabili. Afferma: “È una questione di deontologia, spetta a ciascuno riflettere sulla propria responsabilità morale […]. Ci deve essere assoluta trasparenza su come viene acquistata un’opera d’arte.

Per Denis, la questione della restituzione sembra semplice: “Se uno è il proprietario di un dipinto coperto di sangue, dovrebbe restituirlo per il proprio karma”. “

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Il Ponte presenta l’asta di arte moderna e contemporanea

Il prossimo 28 maggio, la casa d'aste Il Ponte invita collezionisti, appassionati e curiosi ad un viaggio indimenticabile attraverso i capolavori dell'arte moderna e contemporanea. L'asta...

La due diligence nel mondo dell’arte: l’acquisto diligente di opere

L'acquisto di un'opera d'arte non è semplicemente un investimento monetario, ma un'esperienza culturale ed emotiva. Per garantire tuttavia che tale investimento sia sicuro e soddisfacente,...

Maratona dell’arte a New York: cambiano i ritmi delle vendite

La maratona delle due settimane dell'arte a New York, tra fiere e aste, è ufficialmente iniziata il 1° Maggio con l'apertura di Frieze New York presso lo Shed....

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!