19.4 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

“Crollo delle esportazioni di arte, fiere cancellate e aumento della regolamentazione: come la Brexit sta mettendo in pericolo il mercato dell’arte nel Regno Unito tre anni dopo” – The Art Newspaper

del

The Art Newspaper, 31 gennaio 2023, di Anny Shaw

“Nell’anniversario dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, commercianti e politici avvertono che la Gran Bretagna sta scivolando dietro i suoi concorrenti come leader culturale.

Tre fiere recentemente cancellate – Masterpiece, Art & Antiques for Everyone di Londra a Birmingham e l’edizione estiva di Art & Antiques Fair Olympia – sono le ultime vittime di un mercato dell’arte britannico in declino, una posizione sottolineata in un rapporto pubblicato dalla House of Lords il 17 gennaio, che ha criticato l’approccio “compiaciuto” e “incoerente” del governo nei confronti delle arti. Notando come la cultura sia scarsamente presente nelle dichiarazioni autunnali del 2022 del primo ministro britannico Rishi Sunak, il rapporto avverte: “A meno che le figure di spicco del governo non inizino a prendere più sul serio le industrie creative, i fondamenti che sono alla base del successo del settore si deterioreranno e la competitività del Regno Unito diminuirà. In alcune aree questo processo è già iniziato”.

Sebbene non menzioni specificamente la Brexit, il rapporto rileva come il Regno Unito sia in molto in ritardo sia rispetto ai concorrenti europei che ad altri concorrenti globali in termini di esportazione di beni e servizi creativi. Tra il 2019 e il 2020, le esportazioni britanniche di beni culturali sono crollate del 47%. Il rapporto afferma che ciò è stato in gran parte attribuibile alla pandemia, sebbene alcuni altri paesi abbiano raggiunto una crescita nel 2020 e, entro il 2021, molti altri abbiano superato i livelli pre-pandemia.

Nel 2020, la quota del 5,3% del Regno Unito nelle esportazioni globali di servizi creativi lo ha collocato tra i primi cinque maggiori esportatori, ma solo poco prima del Giappone (4,4%) e dei Paesi Bassi (4,3%) e significativamente dietro la quota del 7% della Germania. Data la gravità della pandemia, è stato difficile capire quale effetto abbia avuto la Brexit, anche se molti nel settore avvertono che le ricadute economiche stanno ora diventando più chiare.

Secondo Lucie Kitchener, amministratore delegato di Masterpiece, è stata una “tempesta perfetta” che include la pandemia, l’aumento vertiginoso dei costi espositivi (un picco di oltre il 30% dal 2019) e la Brexit – questi fattori hanno contribuito alla decisione del gruppo svizzero MCH di ritirare la fiera, che lo scorso anno ha visto un calo degli espositori dall’Europa e significative perdite di fatturato. “La pandemia ha ritardato l’impatto della Brexit e la capacità del Regno Unito di affrontarla”, afferma Kitchener.

Paul Hewitt, direttore generale della Society of London Art Dealers (SLAD), afferma che il Regno Unito sta “perdendo il suo lustro e le sue attività”, in gran parte a causa dell’onere normativo di fare affari nel Regno Unito dopo la Brexit. Piuttosto che a Londra, Hewitt pensa che MCH si stia concentrando su Hong Kong e Parigi, dove gestisce le fiere Art Basel, perché “c’è meno volatilità economica e politica, meno oneri normativi e maggiore redditività”.

Secondo un sondaggio di prossima pubblicazione commissionato da SLAD e scritto dall’economista culturale Clare McAndrew, l’81% dei membri è “estremamente o moderatamente preoccupato” per l’attuale “volatilità politica ed economica” nel Regno Unito, e il 75% sono “molto preoccupati o moderatamente preoccupati” per il tentativo di trasportare l’arte oltre i confini. “Questo è un risultato diretto della Brexit”, afferma Hewitt.

Peso delle regolamentazioni

Nel frattempo, il 78% dei rivenditori che hanno risposto al sondaggio “si sente più preoccupato per l’onere della regolamentazione” ora imposto sul mercato, con molti che citano specificamente l’impatto delle normative antiriciclaggio del Regno Unito, che sono state introdotte nel febbraio 2020 e chiarite lo scorso luglio.

Il paradosso, dice Hewitt, è che i rivenditori britannici accolgono con favore i regolamenti, ma si sentono “un po’ pesanti in queste prime fasi”. Inoltre, aggiunge: “I rivenditori internazionali percepiscono il Regno Unito come un luogo meno amichevole per fare affari a causa delle regole”.

I modi principali in cui il governo può aiutare le gallerie, proposti dai co-fondatori del London Gallery Weekend Jeremy Epstein e Sarah Rustin, includono l’incentivazione degli acquirenti con sede nel Regno Unito ad acquistare a livello nazionale, poiché attualmente “la tassa di importazione del 5% è un’interessante alternativa al 20% sostenuto al momento dell’acquisto nel Regno Unito”.

Aggiungono che il governo deve sostenere “tutti gli aspetti dell’ecosistema artistico del Regno Unito”, in modo da includere non solo le istituzioni pubbliche “ma anche le università d’arte, le gallerie commerciali e le fiere d’arte”. Il miglioramento del sostegno agli sgravi fiscali è una delle principali raccomandazioni del rapporto della Camera dei Lord, che avverte che le definizioni governative di ricerca e sviluppo quando si tratta di sgravi fiscali sono “ristrette e restrittive” e dovrebbero essere modificate per includere attività più creative.

Alcuni membri del settore pensano che ora sia il momento di approfittare della Brexit eliminando l’IVA all’importazione sull’arte. Anthony Browne, presidente della British Art Market Federation, afferma che la decisione di continuare con il sistema “imposto dall’Europa” di IVA all’importazione post-Brexit ha “causato immensi problemi perché hai due molti ostacoli da superare invece di uno”.

Al momento l’ammissione temporanea consente di rimandare di due anni l’imposta sulle importazioni di opere d’arte, sebbene, afferma Browne, la percezione sia ancora che il Regno Unito sia un luogo complicato per fare affari. La rimozione dell’IVA all’importazione sarebbe un “colpo di fortuna per il Regno Unito come hub del mercato globale”, aggiunge. E, nonostante il cupo clima economico, Browne pensa che il mercato dell’arte britannico può ancora competere con molto successo.

Il suo caso di ottimismo sembrerebbe valido. Secondo il comitato della Camera dei Lord, il settore creativo ha rappresentato 115,9 miliardi di sterline, quasi il 6% dell’intero valore aggiunto lordo del Regno Unito, nel 2019, più delle industrie aerospaziale, automobilistica e delle scienze della vita messe insieme.”

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Milano Art Week: la grande abbuffata

Assortimento misto per tutti i palati: serve ordine. La settimana dell’arte è ancora una volta protagonista della primavera meneghina, consueto antipasto di Biennale di...

No Time, No Space: Miart 2024 apre le porte all’arte a Milano

Ieri sera si è inaugurata la 28esima edizione di miart, orchestrata magistralmente per il quarto anno da Nicola Ricciardi, si è inaugurata a Milano...

MIA Photo Fair 2024: scopri il cambiamento nella fotografia d’arte

Dal 11 al 14 aprile 2024, si terrà la tredicesima edizione di MIA Photo Fair nella nuova sede di Allianz Mi.Co, in concomitanza con Miart. Il...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!