22.1 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

“Le aste di beneficienza, e non più le donazione, sono il nuovo modello per i miliardari per compensare le tasse?” – The Art Newspaper, 19 gennaio 2023, di Scott Reyburn e Anny Shaw

del

The Art Newspaper, 19 gennaio 2023 di Scott Reyburn e Anny Shaw

“Il mistero circonda ancora l’identità delle organizzazioni e delle cause che beneficeranno dell’asta da record di Christie’s da 1,6 miliardi di dollari, avvenuta a novembre scorso, della collezione Paul G. Allen. Secondo i comunicati stampa di prevendita, tutti i proventi delle vendite dei 150 capolavori acquisiti dal co-fondatore di Microsoft dovevano essere “dedicati alla filantropia, secondo i desideri di Mr. Allen”. Ma Christie’s non ha ancora dato i nomi dei beneficiari.

Il 6 dicembre, la casa d’aste ha dichiarato a The Art Newspaper che la proprietà di Paul G. Allen  “non era pronta a condividere i dettagli” sul piano filantropico di Allen “ma non vede l’ora di condividerli al momento opportuno”.

A novembre, The Art Newspaper ha evidenziato come un numero crescente di americani miliardari consideri le aste dedicate alla filantropia come un modo più efficace per detrarre le tasse sulla proprietà rispetto alla donazione di opere d’arte ai musei. La proprietà di Paul G. Allen, scomparso nel 2018, è gestita dalla sorella Jody Allen, che è anche presidente di Vulcan LLC, la holding con sede a Seattle che lei e suo fratello hanno fondato nel 1986. Il team di Vulcan fornisce “supporto per la gestione di asset e progetti” al Paul G. Allen Estate and Trust e fa consulenza alla famiglia Paul G. Allen Foundation sulle sue opere di beneficenza, che includono “investire nella conservazione della fauna selvatica, nella salute degli oceani, nelle comunità e nelle arti”.

La fondazione non ha risposto alla domanda che chiedeva se i proventi della vendita di Christie’s fossero stati utilizzati per finanziare le attività filantropiche della fondazione o se altri enti di beneficenza ne avessero beneficiato. In ogni caso, la proprietà e i suoi gestori (così come Christie’s) sono stati molto efficaci nel massimizzare i ricavi delle vendite della straordinaria collezione d’arte di Allen, anche attraverso una rete di garanti che sembrano aver sostenuto la vendita senza saperne molto di più sui suoi beneficiari finali.

L’asta è un caso di studio che potrebbe impressionare il crescente numero di sostenitori del movimento Effective Altruism (EA). Fondato da William MacAskill e altri ricercatori dell’Università di Oxford, EA cerca di utilizzare il rigore del pensiero basato sui dati, piuttosto che le approssimazioni delle emozioni, per ottenere il massimo dagli impulsi filantropici degli esseri umani.

Dagli studi emerge che l’arte e la cultura non fanno parte di questi impulsi.

“Diventa bravo in qualcosa che ti permetta di contribuire efficacemente a problemi globali trascurati”, sollecita The Effective Altruism Handbook.

C’erano grandi speranze nella comunità di EA che l’imprenditore prodigio delle criptovalute Sam Bankman-Fried, fondatore di FTX, diventasse uno dei grandi promotori del movimento. Bankman-Fried aveva promesso, col tempo, di donare la maggior parte della sua fortuna di oltre 20 miliardi di dollari per il miglioramento del mondo. Ma a novembre il re delle criptovalute ha dichiarato bancarotta, lasciando circa un milione di clienti e investitori con miliardi di dollari di perdite.

E presto si scopre che Bankman-Fried, che aveva spesso affermato che il desiderio di aiutare gli altri accendeva il suo appetito per il rischio finanziario, aveva anche un debole per la bella vita miliardaria, sistemato in un attico da 40 milioni di dollari alle Bahamas, con jet privato. Il mese scorso è stato arrestato alle Bahamas su richiesta dei procuratori del governo statunitense.

I piani specifici di Bankman-Fried per “fare del bene” sembrano, in realtà, essere sempre stati vaghi. Prima del crash di FTX, Bankman-Fried è stato intervistato dal New Yorker su quale progetto filantropico avesse in mente. Era interessato a sradicare una malattia tropicale, per esempio? “Sì, beh, penso che l’idea dovrebbe venire da, tipo, persone che pensano che sia ciò che è importante per loro e, sì, altrove – dal punto di vista, immagino, di, tipo… non io, o qualcosa del genere” ha risposto.

Il movimento EA dovrebbe imparare che, in generale, quando i miliardari vogliono regalare soldi, come Paul Allen e i suoi eredi, poi si deve controllare l’efficacia di quel processo. Lo ha detto alla Galileus Web il fondatore di Amazon Jeff Bezos a novembre, che intende donare la maggior parte dei suoi 124 miliardi di dollari in beneficenza durante la sua vita. Ma per lui la filantropia non è facile. “La parte difficile è capire come farlo. Stiamo costruendo la capacità di poter donare questi soldi. Ci sono un sacco di modi in cui penso che si potrebbero anche fare cose inefficaci.»

Lo stesso giorno, l’ex moglie di Bezos, MacKenzie Scott, che ha un patrimonio netto di 28,9 miliardi di dollari, ha pubblicato il suo ultimo rapporto semestrale sulle sue donazioni di beneficenza. Ha elencato in modo trasparente 2 miliardi di dollari delle cosiddette “donazioni illimitate” e ha nominato 348 organizzazioni beneficiarie. Scott è in controtendenza rispetto ai miliardari arricchiti dalla tecnologia, sia a Seattle che nella Silicon Valley.

Le case d’asta che promuovono aste per beneficenza dovrebbero anche impegnarsi per una maggiore trasparenza quando si tratta delle cause che affermano di sostenere. L’artista ed educatore britannico Michael Craig-Martin è stato tra i nove artisti di alto profilo a donare opere a Sotheby’s in aiuto di Amnesty International a dicembre, raccogliendo quasi 1 milione di euro per l’ente di beneficenza. Data la “minaccia ai diritti umani ovunque”, Craig-Martin descrive il lavoro di Amnesty come “mai più importante di adesso”. Addita la “guerra crudele e immorale condotta dalla Russia di Putin che cerca di distruggere i diritti del popolo ucraino” e il modo in cui le libertà civili vengono erose in Gran Bretagna. Come dice lui: “Qui a casa, l’attuale governo del Regno Unito sta cercando di eliminare la legge sui diritti umani del 1998”.

Le opere, vendute nell’ambito di un’asta serale contemporanea a Parigi, hanno incassato in totale 947.000 euro. Mouth (2018-21) di Marlene Dumas è stato venduto per € 693.000, ma tre lotti non sono riusciti a trovare casa, tra cui Untitled (Yellow Banana) di Craig-Martin , che avrebbe dovuto raggiungere i 30.000- 40.000 euro. Inoltre, Sotheby’s ha concesso alla causa una percentuale del premio dell’acquirente, anche se una portavoce ha rifiutato di fornire una cifra specifica.

La casa d’aste sostiene Amnesty International dall’estate del 2020. Alla domanda sulle attuali priorità di Amnesty, Sylvie Brigot, amministratore delegato dell’ente di beneficenza in Francia, cita “un regime talebano in ripresa in Afghanistan e la sua repressione di donne e ragazze con atrocità contro i civili nella provincia etiope del Tigray”, tra le altre cause.

Craig-Martin afferma che gli viene chiesto regolarmente di donare opere per aiutare a raccogliere fondi per enti di beneficenza, anche se osserva che “non è possibile aiutare tutti”. E aggiunge: “Bisogna scegliere. Alcune scelte sono più facili di altre”.

La prima asta online di Hauser & Wirth il mese scorso ha raccolto 4,6 milioni di dollari (il doppio dell’obiettivo previsto dalla galleria) per UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, secondo la quale ci sono più di 100 milioni di rifugiati in tutto il mondo. Tutto il ricavato andrà direttamente in beneficenza. Tra i top lot c’erano Happening (2022) di Avery Singer, che ha incassato 1,4 milioni di dollari, e Bruise Painting (2021) di Rashid Johnson, che è stato venduto per 1,2 milioni di dollari. Marc Payot, presidente di Hauser & Wirth, afferma che il successo dell’asta è “una testimonianza dell’impegno che i nostri artisti e collezionisti hanno per la causa”. La beneficenza della galleria è stata recentemente formalizzata sotto la piattaforma Art for Better. Aspettatevi altre aste di questo tipo in futuro.”

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Il restauro delle opere d’arte, nella prospettiva del diritto

Prima parte Nell'ambito del diritto dell'arte, il tema del restauro delle opere riveste un'importanza cruciale, ponendo al centro della riflessione una serie di questioni di natura...

“Exposed Torino”: la fotografia diviene protagonista della città

Nel mese di Maggio (2/05/2024 – 2/06/2024) si è tenuto a Torino il Festival di Fotografia “Exposed” che ha animato la città con mostre ed eventi,...

Asta Gigarte un viaggio nell’arte moderna e contemporanea italiana

Gigarte Casa d'Aste è lieta di presentare la 31ª asta di arte moderna e contemporanea il 10 giugno alle ore 17.00, un'eccezionale esposizione curata da...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!