9.7 C
Pesaro
martedì, Dicembre 6, 2022

Dal ventre di Parigi. La tavolozza impressionista

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

L’Ottocento è stato un secolo lunghissimo, e Parigi è stata l’altare su cui si è celebrato il rito messianico di un’Umanità nuova, lanciata con entusiasmo verso il disastro del secolo breve.

Nel ventre di Parigi si sono succedute rivoluzione e controrivoluzione di tante cose, anche della pittura, come racconta L’opera di Emile Zola, in cui un giovane pittore si batte contro l’arte ormai accademica dei pittori un tempo antiaccademici. Una metafora del rapporto di Zola stesso con gli amici impressionisti, prima sostenuti e poi ripudiati.

È il secolo delle grandi innovazioni tecniche a disposizione dei pittori. Innanzitutto la produzione di materiale per le Belle Arti ha per la prima volta un carattere semi industriale, con la nascita delle prime aziende specializzate nel settore, come l’inglese Windsor & Newton, fondata da un pittore e da un chimico nel 1832. Sul mercato arrivano una gran quantità di nuovi pigmenti sintetizzati artificialmente e, di conseguenza, di tante nuove tinte e sfumature. Fondamentale per la diffusione su larga scala è poi l’invenzione dei tubetti di stagno in sostituzione del buon vecchio budello animale, attribuita alla Lefranc Bourgeois, che garantiscono un uso più agevole del colore e permettono, quindi, al pittore di sortir de son atelier.

Tra i nuovi pigmenti messi in commercio in questo periodo ci sono, per esempio, i gialli di cadmio e quelli di cromo, il blu di cobalto e il verde di cobalto. Per un nuovo pigmento sintetizzato, spesso ne scompare uno “vecchio”. Questa è la sorte del giallo di piombo-stagno, scomparso già dalla metà del diciottesimo secolo e sostituito dal giallo di piombo-antimonio (da alcuni detto di Napoli).

Già nel secolo precedente, ci si era resi conto che la lavorazione del piombo faceva ammalare gli operai, e l’uso dei pigmenti che ne contenevano in abbondanza – come la biacca – avvelenava i pittori. Comincia la grande corsa alla ricerca di sostituti degni di questo pigmento fondamentale per la pittura dei secoli precedenti

Il successo maggiore in questa ricerca fu senz’altro l’introduzione del bianco di zinco, che però non ha neanche lontanamente le buone caratteristiche della biacca, per cui anche i pittori ottocenteschi, impressionisti compresi, preferirono continuare a utilizzare il bianco di piombo, pigmento dalle qualità troppo superiori a qualsiasi sostituto allora trovato per essere accantonato.

Uno studio su tre dipinti impressionisti praticamente coevi condotto da Ashok Roy per il Technical Bulletin della National Gallery – che si prefigge di ricomporre la tavolozza di tre personaggi chiave del movimento impressionista come Monet, Renoir e Cézanne – riporta la massiccia presenza del bianco di piombo nella tavolozza dei suddetti.

Nello specifico, il dipinto di Claude Monet che ritrae la Gare de Saint-Lazare datato 1877 – uno di una serie di quattro che ritraggono l’interno della stazione con illuminazioni differenti secondo un metodo di studio della luce celebre e ben consolidato dal pittore di Giverny – presenta un uso massiccio di bianco di piombo utilizzato nella preparazione veloce della tela. Il bianco di piombo è presente miscelato pressoché in ogni tinta del dipinto, probabilmente per la comodità di stesura che garantiva alla materia pittorica, proprietà ricercata dal pittore stesso, notoriamente vicino a una concezione di pittura di getto. I toni dominanti in questo dipinto sono quelli di blu, e la biacca si trova mescolata con blu oltremare, blu ceruleo e blu cobalto.

Claude Monet, 1840 – 1926 The Gare St-Lazare 1877 Oil on canvas, 54.3 x 73.6 cm Bought, 1982 NG6479 https://www.nationalgallery.org.uk/paintings/NG6479

Monet continuò anche negli anni successivi a utilizzare questo metodo di lavoro. Anche in due opere del periodo 1914-1917 come Les Nénuphars e Les Iris, analizzate sempre da Roy, la biacca è utilizzata per tracciare il fondo della pittura abbozzando le forme dei fiori acquatici.

In La Seine à Asnières, anche Renoir fa ampio utilizzo della biacca per la preparazione e per la mescola dei colori, stesi a tocchi corposi. Il bianco di piombo si trova miscelato ampiamente con blu di cobalto (soprattutto nella rappresentazione dell’acqua), verde viride (nel verde del canneto), vermiglione (per i riflessi rossastri nell’acqua), giallo di cromo e lacca rossa.

Pierre-Auguste Renoir, 1841 – 1919 The Skiff (La Yole) 1875 Oil on canvas, 71 x 92 cm Bought, 1982 NG6478 https://www.nationalgallery.org.uk/paintings/NG6478

Montagnes en Provence di Cézanne contiene una miscela di bianco di piombo e pigmenti terrosi nella preparazione. In una serie di lettere datate tra il 1905 e il 1906, Cézanne indica esplicitamente i pigmenti presenti nella propria tavolozza: verde cinabro, blu di Prussia, blu cobalto, e oltremare artificiale, terre di Siena, verde smeraldo, terra verde, vermiglione, lacca di Garanza, rosso di Saturno (ovvero di piombo, metallo alchemicamente associato al dio greco) e, naturalmente, bianco di piombo.

Paul Cézanne, 1839 – 1906 Hillside in Provence about 1890-2 Oil on canvas, 63.5 x 79.4 cm Bought, Courtauld Fund, 1926 NG4136 https://www.nationalgallery.org.uk/paintings/NG4136
Francesco Niboli
Francesco Niboli
Restauratore di dipinti antichi e contemporanei, ha intrapreso un percorso di approfondimento del design grafico e dell’arte del ‘900 italiano collaborando con Fondazione Cirulli di Bologna. Ha partecipato alla scrittura del libro "Milano, la città che disegna", catalogo del neonato Circuito lombardo Musei Design. Attualmente collabora come grafico con la casa editrice indipendente Sartoria Utopia.
Condividi
Tags

recenti

A tu per tu con Stefano Arienti

Intervista all'artista Stefano Arienti, in mostra nella Repubblica di San Marino in quattro diverse sedi museali fino a fine gennaio 2023.

Arthur Jafa alle OGR: musica, video e modalità espressive d’avanguardia

Fino al 15 gennaio alle Ogr di Torino è possibile visitare la mostra di Arthur Jafa per essere trasportati in un'altra dimensione, per provare sensazioni auditive e immaginative fisicamente tangibili e onnicomprensive.

Aste: è Basquiat la star del catalogo Pandolfini di dicembre

Apre oggi al Centro Svizzero in Via Palestro 2 a Milano, la mostra delle opere che Pandolfini batterà in occasione della sua asta di Arte Moderna e Contemporanea in programma il 6 dicembre prossimo.

Articoli correlati