28.4 C
Pesaro
mercoledì, Luglio 6, 2022

Go East! Una nuova terra promessa per il collezionismo

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!
mauro_defrancesco
Mauro Defrancesco, titolare della galeria Ufofabrik di Moena

A Est ma non troppo. Da Artvilnius, in Lituania, alla polacca Krakow Art Fair, passando da Art Athina, in Grecia, e Art Market Budapest. Mauro Defrancesco, titolare e fondatore della galleria UfoFabrik di Moena, sulle Dolomiti, da qualche tempo sta esplorando l’est europeo per comprenderne e coglierne le tante opportunità. Nell’arte, come in altri settori dell’economia, d’altronde, è sempre più fondamentale essere al posto giusto nel momento giusto. E mentre tutti continuiamo a guardare ai cosiddetti paesi BRIC (Brasile, Russia, India e Cina) come alla mitica El Dorado, nuovi mercati si affacciano sulla scena dell’arte con sempre maggior consapevolezza, e offrendo occasioni sia a chi l’arte la vende ma anche a chi la compra: i collezionisti. Per capire cosa bolle in pentola a poche ore di volo da qui, abbiamo fatto due chiacchiere con Mauro che proprio in questi giorni sta programmando le sue nuove trasferte verso Est.

Nicola Maggi: Ungheria, Polonia, Grecia, Lituania… e ora Turchia. Ti stai spingendo sempre più ad Est. Come si sta sviluppando il mercato dell’arte e il collezionismo in questi paesi?

Mauro Defrancesco: «Istanbul, come Mosca, per quest’anno rimane un sogno nel cassetto, i contatti con gli organizzatori, comunque, sono aperti, speriamo di concretizzare nel futuro. All’estero l’attenzione per le gallerie e gli artisti italiani è molto forte. Si tratta di mercati emergenti, senza timori reverenziali e che stanno lavorando bene. La domanda di arte contemporanea è in aumento. L’offerta qualitativa mediamente è buona: si nota una maggiore freschezza, più artisti giovani e idee. In generale le quotazioni sono simili al mercato italiano. Tra i giovani la qualità tecnica mi sembra spesso migliore rispetto al mercato italiano e si nota una volontà maggiore di emergere».

N.M.: Consiglieresti ad un giovane collezionista italiano di esplorare le frontiere più orientali del mercato europeo?

M.D.: «Sì. Per esperienza diretta consiglio in particolare ArtVilnius e Art Athina. Due appuntamenti che offrono una buona proposta espositiva, un ottimo range di prezzi – adatti a tutte le tasche – e linguaggi e tecniche artistiche differenti.  In particolare, queste due rassegne internazionali vedono un numero elevato di gallerie provenienti da nazioni e culture differenti.  Questo significa ampliare rapidamente la propria visione da collezionista e aggiungere alla propria collezione opere valide. Scegliendo con attenzione si possono fare ottimi affari. A Budapest partecipo quest’anno per la prima volta, dalle edizioni precedenti il modello pare simile».

Ledizione-2012-di-Art-Vilnius-480x320
L’edizione 2013 di Art Vilnius si è tenuta dal 26 al 30 giugno.

N.M.: Dal punto di vista del gallerista, che opportunità offrono questi paesi?

M.D.: «Direttori e staff molto professionali, una maggiore attenzione e sostegno, sconti e benefit. Le fiere all’estero amano avere gallerie italiane, in tutto il mondo siamo riconosciuti come portatori di idee, fantasia e qualità. In buona sostanza: le fiere costano meno, sono organizzate meglio, si vede un maggiore numero di progetti interessanti e spesso si vende di più. In Italia, la maggior parte delle fiere si riduce ad una semplice vendita di stand, senza un progetto culturale, o anche semplicemente una visione organizzativa. A rimetterci siamo quasi tutti: galleristi, artisti e, nota molto dolente, i collezionisti».

N.M.: Quali sono, secondo te, i centri più vivaci della scena artistica dell’Europa dell’Est e del Nord?

M.D.: «L’impressione è che tutto l’Est sia in fermento, per recuperare il tempo perduto. Il lavoro di indagine naturalmente è solo all’inizio».

N.M.: Qualche indicazione su come prepararsi al mercato di questi paesi?

M.D.: «Con serietà e leggerezza: individuata la meta partire senza preconcetti. Come accennavo prima le quotazioni sono simili al mercato italiano. La prima  lingua ufficiale dell’arte contemporanea è la sensibilità seguita, a ruota, dall’inglese. I siti internet delle fiere dicono molto: leggere con attenzione l’elenco delle gallerie partecipanti. Ma non si vive di solo mercato e quindi, nel progettare il week end, consiglio a tutti di lasciarsi spazio per visitare le gallerie e le istituzioni locali. Se presente, è molto utile, nelle fiera, aderire al programma VIP.  Infine, una raccomandazione: durante la visita cercate di cogliere rapidamente l’aria del luogo,  le comunità locali che seguono l’arte contemporanea amano molto allacciare nuovi contatti».

© Riproduzione riservata

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

Dal ventre di Parigi. La tavolozza impressionista

Nel ventre di Parigi si sono succedute rivoluzione e controrivoluzione di tante cose, anche della pittura. La produzione di materiale per le Belle Arti ha per la prima volta un carattere semi industriale e sul mercato arrivano una gran quantità di nuovi pigmenti sintetizzati artificialmente.

20 artisti per 20 borghi: torna Una Boccata d’Arte

Al via in tutta Italia dal 25 giugno al 18 settembre 2022 la terza edizione di Una Boccata d’Arte, progetto che promuove installazioni, mostre e performance di 20 artisti in 20 borghi, uno per ogni regione, valorizzando l’incontro tra arte e patrimonio storico, artistico e paesaggistico.

La grande arte italiana del XX secolo in asta da Wannenes

Ultima "lettura catalogo" del primo semestre, tutta dedicata all'asta di arte moderna e contemporanea che Wannenes batterà il 5 luglio prossimo nella sua sede milanese d Palazzo Recalcati.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here