27 C
Pesaro
martedì, Luglio 5, 2022

I materiali per il restauro: tre regole per la scelta

del

diventa il miglior conservatore della tua collezione!

La scelta dei materiali da utilizzare per il restauro di un’opera d’arte non è affatto casuale ma poggia su un fondamento teorico inspirato ai principi fondamentali del restauro che si sono delineati nella storia. Ovvero la riconoscibilità, la reversibilità e la compatibilità, il tutto nell’ottica di un minimo intervento.

Per riconoscibilità di un intervento si intende il principio secondo cui qualsiasi parte aggiunta durante un restauro (ad esempio un’integrazione pittorica) deve sempre essere distinguibile da quelle originali, senza però causare un disturbo visivo d’insieme dell’opera, permettendo così allo spettatore e allo studioso/restauratore del futuro di caratterizzare tale elemento come risultato di un intervento di restauro e non originale. Se così non fosse, le parti aggiunte potrebbero essere confuse a quelle originali e l’opera autentica potrebbe essere letta erroneamente.

Ciò può avvenire da un punto di vista estetico, ad esempio scegliendo di integrare con il metodo del rigatino (una tecnica messa a punto a Roma dall’Istituto Centrale per il Restauro negli anni ’40, consistente nel colmare le lacune di un manufatto artistico attraverso una trama rigata) o da un punto di vista materico, ad esempio scegliendo materiali e vernici di finitura sintetiche diverse da quelle di origine naturale usate originariamente dall’artista. 

Per reversibilità si intende invece il principio secondo cui qualsiasi intervento di restauro deve poter essere rimosso senza danneggiare l’opera originale. Questa considerazione è intimamente legata, ovviamente, alla scelta dei materiali di restauro che, anche se buoni al momento della loro applicazione, potrebbero col tempo alterarsi perdendo le loro funzioni o addirittura danneggiando l’opera originale. Ciò permette, inoltre, di lasciare aperta la possibilità di utilizzare in futuro nuovi prodotti, magari migliori e di nuova generazione che possano così rimpiazzare quelli utilizzati nel precedente restauro senza danneggiare l’opera durante la loro sostituzione.

E infine il terzo fondamento: la compatibilità. Tale principio impone che i materiali impiegati nel restauro non debbano danneggiare i materiali originali interagendo negativamente con essi, magari alterandoli nell’aspetto o nella funzionalità. Tra gli aspetti da considerare attentamente nella scelta di un materiale compatibile, c’è ad esempio la sua reazione con l’ambiente esterno rispetto ai materiali originali. Ci si dovrà dunque chiedere: i materiali di restauro impiegati reagiscono cromaticamente alla luce nello stesso modo? Invecchiano più velocemente o più lentamente? Come si “muovono” al cambio di temperatura e umidità? Interrogandosi su queste e altre problematiche, il restauratore sarà in grado di scegliere un prodotto che si comporti in maniera il più simile possibile all’originale, evitando così il prodursi di stress tra le componenti o la possibile comparsa nel tempo di fastidiose differenze estetiche.

Tutti questi principi vanno poi messi in atto avendo bene a mente il più generale principio secondo cui qualsiasi intervento di restauro di un’opera deve essere fatto nell’ottica di un “minimo intervento”. Questa prassi è volta, infatti, a porre un limite – pur, nella pratica, talvolta complesso da rispettare – al restauro, ponendo in essere azioni e interventi solo se e nei limiti di quanto strettamente necessario.

Scegliere di fermarsi e di non agire è spesso infatti una buona scelta, innanzitutto perché qualsiasi intervento di restauro sottopone sempre l’opera a notevoli stress e inoltre perché sono pochissimi i materiali e le tecniche di restauro che danno sufficienti garanzie di reversibilità e inalterabilità nel tempo e che sono compatibili con i materiali originali.

Per concludere, si può dire che è solo riducendo al minimo gli interventi su un’opera d’arte che si garantisce il rispetto di tutte quelle informazioni storiche ed estetiche, veicolate dalla materia originale dell’opera, vero fulcro dell’attenzione dello spettatore.

Sara Stoisa
Sara Stoisa
Conservatrice e restauratrice di dipinti e di opere di arte contemporanea freelance oltre all’attività di restauro si è specializzata nella curatela di archivi d’artista e nella gestione di collezioni d’arte private. Da diversi anni collabora con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro dei Beni Culturali La Venaria Reale nell’ambito della documentazione e per progetti internazionali.
Condividi
Tags

recenti

Dal ventre di Parigi. La tavolozza impressionista

Nel ventre di Parigi si sono succedute rivoluzione e controrivoluzione di tante cose, anche della pittura. La produzione di materiale per le Belle Arti ha per la prima volta un carattere semi industriale e sul mercato arrivano una gran quantità di nuovi pigmenti sintetizzati artificialmente.

20 artisti per 20 borghi: torna Una Boccata d’Arte

Al via in tutta Italia dal 25 giugno al 18 settembre 2022 la terza edizione di Una Boccata d’Arte, progetto che promuove installazioni, mostre e performance di 20 artisti in 20 borghi, uno per ogni regione, valorizzando l’incontro tra arte e patrimonio storico, artistico e paesaggistico.

La grande arte italiana del XX secolo in asta da Wannenes

Ultima "lettura catalogo" del primo semestre, tutta dedicata all'asta di arte moderna e contemporanea che Wannenes batterà il 5 luglio prossimo nella sua sede milanese d Palazzo Recalcati.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here