2.8 C
Pesaro
mercoledì, Gennaio 26, 2022

In asta da Phillips un paesaggio di Hockney da 35 mln $

del

E’ considerato il dipinto che segna la prima maturità artistica di David Hockney. Si tratta di Nichols Canyon, opera del 1980 che la casa d’aste Phillips ha rivelato essere tra i top lot della sua 20th Century & Contemporary Art Evening Sale del 7 dicembre a New York dove sarò presentata con una stima attorno ai 35.000.000 $.

Un’opera, quella in asta da Phillps, che segna una transizione fondamentale nell’opera di David Hockney, dalle piscine degli anni ’60 ai più vari paesaggi panoramici californiani. E Nichols Canyon è una vera e propria esplorazione della ricchezza e della bellezza del colore della California.

L’opera sarà in mostra nella sede londinese di Phillips dal 26 ottobre al 1° novembre, per poi volare a Hong Kong e New York.

DAVID HOCKNEY Nichols Canyon, 1980

Partendo dalla sua precedente esplorazione delle piscine e dell’architettura modernista, Nichols Canyon segna l’inizio dei suoi paesaggi panoramici degli anni ’80.

Arrivato per la prima volta in California nel 1963, Hockney acquistò una casa in cima alle colline di Hollywood nel 1978, poco prima di  realizzare quest’opera che raffigura le colline come viste dall’alto, ossia dal nuovo punto di vista dell’artista.

Hockney ha creato una composizione  fauvista dove ogni tonalità rimane abbastanza isolata in precise campiture, riflettendo la scena vivida che il pittore vede sia davanti a sé che con gli occhi della mente, creando un ambiente caldo e accogliente.

Il Nichols Canyon si trova nella contea di Los Angeles, in California, nelle Hollywood Hills: inizia dall’Hollywood Blvd. all’estremità sud e serpeggia a nord verso i pendii sotto Mulholland Drive. 

First Reveal: Hockney’s ‘Nichols Canyon’ | New York | December 2020

L’opera, come rivela Angelica Villa dalle collonne di Art Market Monitor, arriva sul mercato per la prima volta e proviene direttamente dalla collezione del suo unico proprietario che l’ha conservato per quasi 40 anni. Ossia dal 1982.

Stando a quanto racconta la Villa, Hockney avrebbe scambiato quest’opera, assieme al doppio ritratto chiamato The Conversation (1980), con un Picasso da 135.000 dollari di proprietà del mercante newyorchese André Emmerich.

Nichols Canyon è stato successivamente incluso in entrambe le retrospettive di Hockney:  quella del 1988 al LACMA e la successiva, itinerante, del 2017-18, alla Tate London, al Centre Pompidou di Parigi e al Metropolitan Museum of Art di New York.

Jean-Paul Engelen, vicepresidente e co-responsabile del settore 20th century and contemporary art di Phillps, ha dichiarato: «Nichols Canyon è, senza dubbio, il paesaggio più significativo di Hockney mai apparso all’asta».

Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

A cosa serve una mostra (pt.2). Raccomandazioni conservative per prestare in sicurezza la tua collezione

Il prestito delle opere d’arte per mostre di un certo spessore dona lustro alla propria collezione. Ma come fare a prestare in totale sicurezza e con la garanzia che ciò che parte tornerà nelle stesse condizioni? Alcuni passaggi a cui fare attenzione e alcuni strumenti di cui avvalersi per prestare in serenità.

“Il collezionismo è anche istinto”: intervista a Lorenzo Perini Natali

La sua raccolta è in continua espansione e sogna un giorno di poterla condividere con il pubblico.

Arte Fiera, le nuove date: 13-15 maggio 2022

Arte Fiera ha annunciato, questa mattina, le nuove date della sua quarantacinquesima edizione

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here